Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 28-03-2014 18:01
in Politica | Visto 3.643 volte

Habemus Finco (!)

Fumata rosa nel centrodestra bassanese: Federica Finco, già assessore al Sociale e già in pole position per l'investitura, nominata in assemblea all'unanimità candidato sindaco per la civica “Impegno per Bassano” e Forza Italia

Habemus Finco (!)

Il neo nominato candidato sindaco della coalizione di centrodestra a Bassano Federica Finco

Questa volta i tanti punti interrogativi lasciano finalmente il posto a un punto esclamativo. E la notizia è ufficiale e definitiva.
Maria Federica Finco, 58 anni portati alla grande e da compiere il 20 aprile (giorno di Pasqua), laureata in Lingue ed ex insegnante di scuola media, già assessore al Sociale nel secondo mandato del sindaco Bizzotto e già “papabile tra i papabili” nell'estenuante periodo di trattative per definire la sofferta nomination, sarà il candidato sindaco del centrodestra (lista civica “Impegno per Bassano” più Forza Italia) alle prossime elezioni amministrative di Bassano del Grappa.
Lo ha deciso all'unanimità l'assemblea degli iscritti e simpatizzanti dell'area, aperta anche a tutti i cittadini interessati, convocata ieri con urgenza e svoltasi nella serata stessa all'Hotel Palladio in città. Un incontro che ha sancito una volta per tutte l'investitura elettorale, per la quale l'ex assessore - dopo i tentennamenti e i “silenzi” di qualche altro papabile - partiva già in pole position.
“Mi ha fatto piacere l'indicazione unanime di ieri sera - dichiara Federica Finco a Bassanonet -. Come ho detto ieri, l'idea delle primarie non era percorribile.
Seppure convocata alla mattina per la sera, l'assemblea ha visto la partecipazione di parecchie persone. E quando è stato chiesto a tutti di decidere la loro opzione, e cioè “Federica” oppure “le primarie”, la totalità si è espressa nella prima direzione. Sono candidata sindaco per conto di “Impegno per Bassano” e Forza Italia, ma stiamo aprendo anche altre valutazioni per allargare l'alleanza.”
All'assemblea hanno preso parte, tra gli altri, anche rappresentanti dei quartieri e delle associazioni di categoria.
“Ai due rappresentanti delle categorie economiche presenti - continua il neo nominato candidato sindaco - ho chiesto la disponibilità a collaborare. Il ruolo delle associazioni di categoria è molto importante, perché la priorità per Bassano è il lavoro. Già nei miei cinque anni al Sociale, la collaborazione di tutte le categorie è stata continua.”
Riusciamo a contattare la neo aspirante prima cittadina in un momento di relax, nel Day After del confronto decisivo che ha concluso finalmente la telenovela (con numerosi personaggi e interpreti) del “candidato sindaco del centrodestra cercasi” e che concentra da oggi l'attenzione sugli effettivi contenuti di quello che sarà il suo progetto e programma per la città.
Conosciuta da alleati ed avversari per la sua determinazione, oltre alla formazione della squadra e alla valutazione delle eventuali ulteriori alleanze Federica Finco è chiamata ora anche al non agevolissimo compito di ricompattare le varie anime del centrodestra cittadino, stemperando i serpeggianti e trasversali malumori che il logorante tira-e-molla alla ricerca del nome su cui puntare ha inevitabilmente generato.
Un “sentiment” di cui è un significativo indizio il commento che il capogruppo uscente del gruppo consiliare PdL Stefano Monegato (area Alleanza Nazionale) ha postato in tempo reale su Bassanonet, al termine dell'assemblea di ieri sera alle 00.06: “Fumata bianca, al femminile. La miglior candidata a sindaco per Bassano. Ma temo prevarranno le vecchie logiche. Spero di no, per il bene della città.”
A proposito: all'assemblea di ieri sera Dino Secco non c'era.
Essendo il coordinatore provinciale di Forza Italia, potrebbe aver avuto qualche concomitante impegno. Voci non confermate, tuttavia, sostengono che non sia stato nemmeno invitato. Che sia proprio tutto pienamente e definitivamente risolto?

Bassanonet TV

Libertà è Parola

Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

Più visti