Redazione
bassanonet.it
Pubblicato il 10-10-2012 20:32
in Attualità | Visto 1.282 volte
 

Informatica “ecosostenibile”: Etra tra le eccellenze nazionali

Un’infrastruttura informatica virtuale per migliorare l'erogazione di servizi via computer, riducendo i costi di manutenzione, il consumo di energia elettrica e dunque l'impatto ambientale.
È questo il progetto innovativo che ha ricevuto ad aprile il premio Innovazione ICT allo Smau Business di Padova, realizzato da Etra in partnership con la padovana Infonet Solutions di Curtarolo. Oggi, in una conferenza stampa indetta per la presentazione di SMAU a Milano, è stato annunciato che Etra, in qualità di vincitore del premio ICT di Padova, si è classificata tra i finalisti della 49° edizione del Premio Innovazione ICT nazionale.
“Il progetto ci ha permesso di ottenere una migliore continuità dei sistemi informatici, con la possibilità di effettuare gli interventi di manutenzione riducendo al minimo l’interruzione dei servizi a vantaggio dell’attività aziendale - ha spiegato il presidente del Consiglio di gestione di Etra, Stefano Svegliado -. Abbiamo dimostrato come l'utilizzo delle tecnologie per l'informazione e la comunicazione (ICT) possa incrementare la flessibilità e l'efficienza di un'attività aziendale, privata o pubblica che sia.”
La struttura, consolidata nel 2011 e chiamata in gergo “cloud privato”, è composta da un sistema centralizzato di dati situato nella sede di Rubano, cui fanno riferimento le sedi operative di Etra: oltre una quindicina, nel Vicentino, nel Padovano e nel Trevigiano.
Il sistema consente di archiviare ed elaborare informazioni interne alla società in modo più rapido e sicuro e di monitorarle costantemente, 24 ore su 24. Grazie all'estensione delle infrastrutture virtuali, i dipendenti possono accedere alle applicazioni aziendali in ogni momento e da qualsiasi computer o dispositivo abilitato. Inoltre, l'erogazione dei servizi telematici avviene con una maggiore continuità, e anche in caso di interventi di manutenzione si riduce al minimo il rischio di blocchi o interruzioni. Per la stessa ragione è stato registrato un risparmio considerevole di elettricità consumata, pari al 30% circa.