Pubblicità

Radici FutureRadici Future
Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 09-02-2012 17:23
in Cronaca | Visto 2.884 volte

Chiusa a Schiavon sala giochi cinese

Il locale è stato posto sotto sequestro dalla Guardia di Finanza di Bassano per raccolta illecita di gioco online. Ampi controlli delle Fiamme Gialle nel territorio bassanese: sequestrati anche tre ristoranti abusivi e un salone di parrucchiera

Chiusa a Schiavon sala giochi cinese

Le macchinette da gioco sequestrate dai finanzieri nel locale di Schiavon

Sarà tutto regolare in una sala giochi gestita da un cinese?
I militari della Compagnia di Bassano del Grappa della Guardia di Finanza hanno voluto constatarlo di persona. E così, in un locale pubblico nel centro di Schiavon, hanno concentrato la loro attenzione su due apparecchi “mangiasoldi” - comunemente chiamati “totem” - sui quali alcuni avventori erano intenti al gioco online che, mediante collegamento via web a siti internet esteri privi di autorizzazione ad operare sul territorio nazionale, permetteva illecitamente di puntare al “Poker” e al “Black Jack”.
I controlli sono stati quindi estesi anche ai restanti apparecchi “newslot” presenti all’interno della sala. Questi ultimi, seppure rientranti nelle categorie del gioco lecito, per i Monopoli di Stato risultavano dislocati telematicamente presso una sala giochi sita in provincia di Bergamo, contravvenendo così alle regole della vigente normativa.
E' scattato quindi l’immediato sequestro penale dei due “totem” illegali ed il deferimento del titolare cinese alla locale Autorità Giudiziaria per il reato di raccolta illecita on-line di gioco su siti internet esteri senza la preventiva autorizzazione e concessione dell’amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato.
Sono state inoltre rimosse le “newslot” e comminate sanzioni per 10.000 euro al titolare della sala, al noleggiatore bergamasco che aveva fornito gli apparecchi da intrattenimento e al concessionario di rete sulla quale gli apparecchi erano collegati.
Gli accertamenti della Guardia di Finanza di Bassano del Grappa sono stati poi rivolti all’attività di somministrazione di alimenti e bevande svolta nei confronti della clientela della sala giochi, dai quali è emerso che il titolare di etnia cinese esercitava l’attività in mancanza delle prescritte autorizzazioni e licenze amministrative: circostanza questa che gli è costata la contestazione di un’ulteriore sanzione amministrativa di 3.000 Euro e la segnalazione al Comune.
I finanzieri hanno quindi apposto i sigilli alla sala giochi, disponendo il sequestro cautelare amministrativo dei locali.
L'episodio si inserisce in un più ampio contesto di controlli che le Fiamme Gialle stanno compiendo sul territorio contro ogni forma di illegalità economica e abusivismo commerciale.
La Compagnia di Bassano del Grappa, in particolare, nelle ultime settimane ha sottoposto a sequestro amministrativo un salone di parrucchiera - del tutto privo di autorizzazioni igienico-sanitarie e urbanistiche - e ben tre ristoranti, tra cui un locale di Valstagna che sotto la forma di associazione sportiva praticava attività abusiva di ristorazione e un lussuoso ristorante di nuova realizzazione, aperto illegalmente nelle colline bassanesi, che operava privo delle prescritte autorizzazioni.
Complessivamente le Fiamme Gialle bassanesi hanno constatato violazioni amministrative e fiscali per un valore pari a circa 120 mila Euro.

Pubblicità

Opera EstateMostraCelebrazioni Ponte

Più visti