Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore Responsabile
Bassanonet.it

Lirica

Le sorprese del “Trovatore”

Piacevole allestimento del capolavoro verdiano ad Opera Festival a Bassano. Un cast internazionale che ha conquistato il consenso del pubblico

Pubblicato il 22-11-2009
Visto 4.251 volte

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Prima sorpresa: il direttore d'orchestra. “Ma è un ragazzino!” - ha mormorato qualcuno dalla platea del Palasport di Bassano alla prima del “Trovatore” allestito dalla produzione LI.VE: joint-venture artistica tra Bassano Opera Festival, Comune di Padova e Teatro Sociale di Rovigo.
Il direttore in questione è Omer M. Wellber, israeliano, e soprattutto giovanissimo. Nonostante l'anagrafe, ha condotto con grande sicurezza l'impegnativa partitura del capolavoro di Giuseppe Verdi.
Seconda sorpresa: la scenografia, firmata da Denis Krief che cura anche la regia e i costumi dell'opera. Essenziale, quasi minimalista. Sul palcoscenico, solo una grande struttura di legno a forma di libro, che gira le pagine a ogni cambio di scena e tra le cui pareti si è svolto il dramma dei protagonisti dell'opera.

Walter Fraccaro (Manrico) e Anna Smirnova (Azucena) nel "Trovatore" rappresentato a Bassano (foto Roberto Bosca)

Terza sorpresa: il cast. Cantanti davvero all'altezza della situazione, al punto da non far trasparire qualche piccolo problema di salute. Due degli interpreti - il baritono ucraino Vitaly Bilyy che impersona il Conte di Luna e il mezzosoprano russo Anna Smirnova, nel ruolo della zingara Azucena - seppur indisposti, hanno accettato di esibirsi lo stesso: sono stati tra i più applauditi.
Grande consenso anche per il tenore Walter Fraccaro, nelle vesti di Manrico e soprattutto per Kristin Lewis: intenso soprano statunitense, che ha conquistato letteralmente il pubblico con la sua interpretazione di Leonora. Piacevole riscontro anche per il basso Roberto Tagliavini, a cui - nei panni di Ferrando - è toccato il non facile compito di reggere da solo, assieme al coro, la scena di apertura del melodramma verdiano.
L'allestimento bassanese del “Trovatore” - per l'esecuzione dell'Orchestra Filarmonia Veneta e con il Coro Lirico Veneto LI.VE diretto da Giorgio Mazzucato - ha dunque confermato le attese, raccontando in maniera rispettosa dei canoni verdiani e allo stesso tempo anticonvenzionale la struggente vicenda dei due rivali Manrico e Conte di Luna, avversari di spada e soprattutto d'amore per Leonora, inconsapevoli protagonisti di un equivoco architettato da Azucena, fino al tragico colpo di scena finale.
Si replica domani pomeriggio, domenica 22 novembre, alle 15.30.

Più visti

1

Attualità

15-04-2024

Signori della Corte

Visto 11.261 volte

2

Politica

15-04-2024

La sCampagnata

Visto 10.012 volte

3

Attualità

15-04-2024

Tenente Colombo

Visto 9.998 volte

4

Attualità

15-04-2024

A Cortese richiesta

Visto 9.707 volte

5

Politica

16-04-2024

Ex Polo, ex voto

Visto 9.657 volte

6

Il "Tich" nervoso

16-04-2024

Smarrimento Nazionale

Visto 9.601 volte

7

Attualità

14-04-2024

Sul Ponte sventola bandiera bianca

Visto 9.501 volte

8

Attualità

14-04-2024

Genius Guastatori

Visto 9.367 volte

9

Attualità

16-04-2024

Marinweek Senior

Visto 9.094 volte

10

Politica

13-04-2024

Vado al Massimo

Visto 9.026 volte

1

Politica

06-04-2024

Teatro Verdi

Visto 14.081 volte

2

Politica

22-03-2024

Cuando Calenda el sol

Visto 13.759 volte

3

Politica

05-04-2024

Mazzocco in campagna

Visto 12.857 volte

4

Politica

21-03-2024

Tavoli amari

Visto 12.549 volte

5

Attualità

08-04-2024

La Terra è rotonda

Visto 12.294 volte

6

Politica

25-03-2024

Io Capitano

Visto 11.421 volte

7

Attualità

27-03-2024

Dove sito?

Visto 11.355 volte

8

Politica

07-04-2024

Gimme Five

Visto 11.334 volte

9

Attualità

15-04-2024

Signori della Corte

Visto 11.261 volte

10

Politica

12-04-2024

Cavallin Marin

Visto 10.903 volte