Pubblicato il 09-09-2014 05:20
in Associazioni | Visto 2.093 volte

Gli Orizzonti della storia

Riprendono le attività dell’associazione bassanese: nel programma autunnale, Scritture al fronte, un ciclo di appuntamenti dedicato ai libri che raccontano la Grande Guerra

Gli Orizzonti della storia

opera di Anselmo Bucci, L'addio (dalla locandina di "Scritture al fronte")

Con settembre, parte il programma autunnale dell’associazione culturale bassanese “Orizzonti di carta”.
Il primo appuntamento sociale sarà con un seminario di legatoria condotto da Cristina Balbiano d’Aramengo, iniziativa che sarà ospitata alle Grafiche Tassotti sabato 27 e domenica 28 settembre.
Dal 6 ottobre, tornerà il ciclo di incontri dedicati ai libri intitolato “Il talento del lettore”: per quattro lunedì sera, in Carteria Tassotti si parlerà di lettura e di scrittori guardando al Centenario della Grande Guerra. Scritture al fronte sarà condotto dal critico letterario e traduttore Marco Cavalli.
Sulla Grande Guerra è stata scritta una quantità enorme di libri. L'incontro introduttivo fornirà una mappa bibliografica di riferimento arricchita da informazioni di carattere storico. Gli appuntamenti successivi (13,20,27 ottobre), offriranno l'opportunità di scoprire, o di riscoprire più da vicino, tre capolavori che affiancano al loro valore letterario un'opera di ricostruzione e di rivisitazione romanzata degli avvenimenti della Prima guerra mondiale.
La scelta dei titoli è stata effettuata guardando al carattere esemplare delle tre proposte e alla varietà dello stile, esistenziale e di scrittura, che contraddistingue gli autori: lo scrittore e giornalista statunitense Ernest Hemingway (Oak Park, 1899-Ketchum, 1961), lo scrittore italiano Mario Rigoni Stern (Asiago, 1921-2008), la scrittrice e giornalista britannica Rebecca West (Londra,1892-Woking, 1983). I romanzi sono, nell'ordine della loro pubblicazione in Italia: Addio alle armi (edito nel 1929, tradotto in versione non clandestina nel 1948), Storia di Tönle (edito nel 1978), Il ritorno del soldato (edito nel 1918, tradotto nel 1980). Il docente darà una lettura critica e articolata di ciascun romanzo inquadrandolo all'interno della produzione letteraria degli scrittori, e metterà in evidenza gli elementi, uno per tutti la corale condanna della guerra, che creano un dialogo tra queste opere.
Durante gli incontri, come di consueto, ci sarà spazio per la discussione, stimolata dai libri e dalla Storia che raccontano.
Informazioni in Carteria o alla mail info@orizzontidicarta.org.

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 - Candidati Bassanesi a confronto

Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 Candidati Bassanesi a confronto #conosciltuovoto Il progetto Libertà è Parola nasce con una...

Più visti