Pubblicato il 15-11-2015 00:16
in Rugby | Visto 1.321 volte

Al Nelson Mandela di Schio in cerca del bonus

Giallorossi in trasferta: per il giro di boa secondo derby vicentino. Contro il RAV serve una vittoria a punteggio pieno per mantenere la testa della classifica.

Al Nelson Mandela di Schio in cerca del bonus

Foto Viero Giachetti

E’ faticoso conquistarla, lo è ancor di più mantenerla. Di cosa stiamo parlando? Ogni sportivo lo sa, quel gradino più alto, tanto difficile da salire e una volta raggiunto, appena il tempo di gioire e poi li in vetta si fatica ancor di più. Ancor peggio se c’è qualcuno con cui doverla condividere. Lo sa bene il Rugby Bassano 1976, reduce da un’ottima prestazione casalinga con il Botticino ha conquistato la testa della classifica. Giusto il tempo per godersi un Terzo Tempo da vincitori e poi un’altra settimana di duro lavoro. Ora si è primi e si ha tutto da perdere, mentre per gli avversari di turno tutto da guadagnare. Con questa filosofia e con i piedi ben piantati i giallorossi si apprestano ad affrontare il secondo derby vicentino che non ha precedenti nel corso delle passate stagioni. Domenica fischio d’inizio alle 14.30 e a fare gli onore di casa è il turno del Rugby Alto Vicentino, una delle matricole della categoria anche se, a volerla dire tutta, con la precedente dirigenza con sede a Valdagno, aveva già militato nel campionato di Serie C1. Poco male, non è il palmares a destare interesse, ma l’accoglienza che il RAV ha in serbo per il giallorossi al Nelson Mandela di Schio, inaugurato lo scorso ottobre. Il XV scledense ha conquistato la prima vittoria nella terza giornata di campionato contro il Selvazzano, non riuscendo ad imposi invece su Mantova, Vicenza e Botticino. Sbagliato a pensare che si tratta di un match facile, i nero arancio di mister Pogietta, seppur penultimi, prediligono un gioco alla mano e soffrono per una mischia poco pesante. Non basterà colpire sulle debolezze per primeggiare, il RAV si è dimostrato compagine coesa, capace di reagire anche con l’avversario ormai in allungo, giocando con determinazione fino al fischio finale. Tanto più davanti ai propri numerosi tifosi non vorrà sfigurare e alla ciurma di Cà Baroncello l’arduo compito di rovinare la festa. Per il XV cittadino dovrà essere un match a senso unico, se si vuole arrivare alla prima del ritorno ancora davanti a tutti e, chissà, ancora appaiati al Mantova, non c’è altro risultato se non la vittoria, preferibilmente con il bonus. Facile a dirsi, staremo a vedere se lo sarà altrettanto a farsi. Intanto, in attesa dell’allenamento di rifinitura per la rosa da convocare, il duo Segafredo-Zorzi potrà contare anche sul rientro del vice-capitano Ganassin. Infermeria non affollata, scongiuri a parte, resta purtroppo ancora ai box Lucato. Sarà importante anche l’esito della trasferta dei virgiliani di mister Ghelfi nel campo del Selvazzano, un testa-coda che ci si augura dal finale non scontato. Quella di domenica sarà anche la partita degli ex: da un lato Nico Michele, che ha indossato i colori giallorossi per un paio di stagioni, dall’altro Maistrello Marco, bassanese ormai d’adozione, ma i primi passi nel mondo della palla ovale li ha mossi proprio nel RAV di Valdagno. Tanta la carne sul fuoco, non ci resta che mangiarla con l’augurio di non scottarsi. Ad aprire le danze nel fine settimana trasferta veronese l’under 14 che sfiderà il Valpolicella, mentre in under 18 sfiderà il Rugby Badia.

    Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 - Candidati Bassanesi a confronto

    Libertà è Parola - Speciale #RegionaliVeneto2020 Candidati Bassanesi a confronto #conosciltuovoto Il progetto Libertà è Parola nasce con una...

    Più visti