Pubblicato il 07-01-2015 00:42
in Calcio | Visto 1.442 volte

Bassano, pari e titolo d'inverno in comproprietà

Botta e risposta a Salò: segna Ranellucci nel recupero del primo tempo, pareggia Nolè su rigore nella ripresa. Giallorossi al comando con l'Alessandria.

Per come si era messa il punto è brodo grasso. Poi, spulciando tra le pieghe del match il pari si restringe, poichè fosse stata questione da ring, ai punti avrebbe meritato Bassano, non fosse altro che Branduani solo nella ripresa ha cavato fuori almeno tre palle avvelenate e l'altra l'ha respinta il palo interno, altrimenti ora il Soccer Team stapperebbe al titolo d'inverno in solitaria e non in coabitazione con l'Alessandria a quota 37. Fosse maturato prima il riaggancio e non al minuto 77, sì probabilmente i giallorossi avrebbero ripulito la tavola, ma come sosteneva a ragione Nolè nel post partita, dopo la sosta le gare hanno decorsi spesso sbilenchi e ondivaghi, i meriti non viaggiano paralleli agli esiti. E allora sia ugualmente benedetto il puntaccio in esterna laddove finora ha fatto bingo una soltanto ed è abituale terreno di caccia e conquista del padrone del regno, cioè il Feralpi Salò.
Asta srotola in pista tutti i titolarissimi, la partenza è anche rovente e razzente,ma alla distanza tutto questo ardore si spegne e salvo un paio di sussultini all'acquetta di rose per parte, non accade un accidente sino al 48', terzo minuto di recupero. Punizione sull'angolo destro dell'area, Pinardi scodella, Asta ha trascorso l'intera settimana a raccomandarsi coi suoi sulla pericolosità sulle palle inattive dei bresciani, i migliori di tutti nella specialità e vai a capire perchè diavolo Ranellucci, un difensore che la imbuca come un centravanti (5 sigilli a referto sinora), sia liberissimo davanti a Rossi, marcato evidentemente dallo spirito santo, indisturbato nell'inchiodare l'1-0 che spariglia la faccenda. Dopo il thè caldo è un'altra pellicola poichè Bassano si riversa aldilà della siepe e produce nell'ordine: punizione sul palo interno di Nolè (10'), paratona numero uno di Branduani sulla girata al volo dello stesso Nolè (14'), paratissima bis su palombella maligna di Cenetti sotto l'incrocio (19') e prodezza tris su sventola di Furlan (26'). In mezzo, sull'altra sponda, il palo scheggiato da Romero. Fino al pari e patta bollato da Nolè che si è messo in proprio, si è buttato tra i paletti in slalom nell'area ed è stato abbattuto senza ritegno. Rigorissimo che neanche a discutere e ottava perla di Nolè che ha spedito palla da un lato e portiere dall'altra come da manuale e piuttosto mannaggia ai penalty falliti a inizio torneo (lui e Iocolano), altrimenti Bassano sarebbe già decollato.
E insomma, il punto si tiene anche perchè d'accordo che l'Alessandria scherza il Venezia a Sant'Elena, ma il Novara si schianta a sorpresa tra la sua gente col Lumezzane, il Como fa altrettanto col Mantova e Pavia e Real Vicenza fanno i bravi bimbi spartendosi il bottino. E sabato by night l'anticipo a Pavia che è un elettrizzante scontro diretto per la vetta e pure il secondo viaggio ravvicinato ad alto rischio trappolone. Lo diciamo adesso, un altro punto sarebbe santificato. Non è il momento di fare gli sfacciati o gli schizzinosi, solo chi si ferma è perduto.

    LIBERTÀ È PAROLA - “Alla scoperta degli “Amici dei Musei e dei Monumenti di Bassano del Grappa”.

    In questa nuova puntata, incontriamo una realtà di Bassano che da anni si impegna per sostenere e supportare il nostro patrimonio #artistico,...

    Più visti