Pubblicato il 02-04-2009 08:50
in Attualità | Visto 1.743 volte

Incontri senza censura: Andrea Vianello

Il popolare conduttore di “Mi manda Rai Tre” ha presentato alla libreria La Bassanese il suo libro “Assurdo Italia: storie incredibili ma vere di un paese paradossale”

Incontri senza censura: Andrea Vianello

Andrea Vianello, 48 anni, da quasi 5 alla guida di "Mi manda Rai Tre"

Il celebre giornalista romano, nato dai microfoni di Radio Uno e approdato in televisione ormai da diversi anni, ha raccolto nel suo libro “Assurdo Italia”, diciotto vicende di truffe e frodi ‘incredibili ma vere’. In tutti e diciotto i casi i protagonisti sono malcapitati cittadini italiani che si sono rivolti al suo programma nel corso degli ultimi anni: da una coppia toscana che è costretta a vivere da anni con una cabina elettrica in soggiorno fino ad arrivare ad un uomo il cui rene è stato perso in un ospedale di Caserta.
Queste vittime, mettendo sotto i riflettori della sempre più efficace ‘denuncia televisiva’, le loro vicissitudini sono, come dice Vianello stesso “delle piccole vedette lombarde di tutta Italia”, che consentono di metter fine a frodi nelle quali il cittadino spesso non si sente dare nessuna risposta dagli effettivi colpevoli. La redazione di Mi manda Rai Tre, come la definisce lo stesso Vianello, “è una sorta di grande bacino di proteste provenienti da tutti gli italiani: mentre i giornali e le televisioni sono impegnati a disquisire di politica e di cronaca, noi diamo voce invece ai reali problemi dei cittadini, prendendo in causa i diretti interessati delle storie che trattiamo”.
Nel corso della serata, si è parlato inoltre della così detta “class action” e della sua realizzazione continuamente posticipata, della generale mancanza di etica comportamentale che caratterizza l’Italia, e infine della assoluta necessità, da parte di chi è responsabile di una truffa o di un errore burocratico, di accettare le proprie colpe assumendosene le responsabilità.

    Bassanonet TV

    Libertà è Parola

    Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

    L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

    Più visti