Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 10-07-2018 17:52
in Attualità | Visto 3.458 volte
 

Nel giallo dipinto di blu

Dopo la rivoluzione dei parcheggi per la liberazione dalle auto di piazza Castello, in salita Margnan ricavata una fila di posteggi a pagamento a striscia blu. Che però, dopo le 19.30, si “trasforma” in striscia gialla. E fioccano le multe

Nel giallo dipinto di blu

Foto Alessandro Tich

Sostare oh, oh
Multare oh, oh, oh, oh
Nel giallo dipinto di blu
Felice di stare lassù

È il nuovo ritornello che riecheggia dal Comando di Polizia locale di via Vittorelli dopo la rivoluzione dei parcheggi imposta dal Comune in seguito alla liberazione dalle auto di piazza Castello, ovvero dell'area interna del Castello degli Ezzelini a Bassano.
Un rimescolamento dei posti auto che in salita Margnan ha prodotto una situazione ai confini della realtà.
Ma andiamo con ordine. Dallo scorso 1 luglio, come è noto, piazza Castello è totalmente off-limits per la sosta degli autoveicoli. Per i 35 residenti in centro storico che erano provvisti di autorizzazione a parcheggiare in Castello, sono stati rimediati dei posti auto riservati alternativi: 16 posteggi a strisce gialle nel lato est di piazzale Terraglio e 16 posteggi a strisce gialle nel lato ovest di viale dei Martiri.
Ma 16+16 fa 32: bisognava quindi trovare una soluzione per i posteggi da riservare ai residenti autorizzati rimanenti, o a chi tra questi magari possiede anche più di un'autovettura. Ed ecco che, dal genio della lampada di via Matteotti, è spuntata l'idea del secolo. E cioè adibire lo scopo salita Margnan.
E allora è successo questo: fino al 30 giugno scorso il lato ovest della carreggiata di salita Margnan era già adibito a zona riservata di parcheggio per i residenti, delimitata da una striscia continua gialla. Dal 1 luglio invece, per compensare la perdita di posteggi a pagamento in piazzale Terraglio e in viale dei Martiri, lo stesso lato di salita Margnan è stato trasformato in area di sosta a parcometro e la striscia continua gialla è stata trasformata in una striscia continua di colore blu.
Durante tutta la giornata i residenti autorizzati vi possono comunque parcheggiare senza pagare il ticket, tutti gli altri devono invece pagare il dovuto negli orari canonici dei parcheggi a pagamento: 8.30-12.30 e 14.30-19.30. Comunque sia, per sostare in zona col biglietto da esibire dietro il parabrezza, dal 1 luglio c'è anche questa possibilità.
Ma quella di salita Margnan non è una striscia blu come tutte le altre, dove dopo le 19.30 si può parcheggiare liberamente e a gratis. Perché alle 7 e mezza della sera - come la carrozza di Cenerentola che a mezzanotte si ritrasforma in zucca - si trasforma nuovamente in striscia gialla. Non nel colore, che rimane ovviamente blu dipinto di blu, ma nella “funzione” che fino alle 8.30 della mattina successiva ritorna ad essere di esclusivo utilizzo dei residenti autorizzati.
In salita Margnan ci sono quattro nuovi cartelli che indicano la novità, con segnale di divieto di sosta “eccetto residenti autorizzati 19.30-8.30”. Ma col calare del buio non è immediato né tanto meno intuitivo accorgersene. In più, anche in questo caso l'Amministrazione comunale ha brillato per l'assenza di comunicazione alla cittadinanza circa la fantasiosa introduzione del giallo dipinto di blu.
Morale della favola: la gente alla sera arriva sul posto, parcheggia nell'area a striscia blu pensando di poterlo fare liberamente, risale a piedi verso il centro storico senza notare i cartelli nell'oscurità e si ritrova più tardi una bella multa per divieto di sosta appioppata sotto il tergicristalli. Firmato: Polizia locale di Bassano del Grappa.
È già accaduto più volte in questi pochi giorni e sono due le multe giallo-in-blu segnalate direttamente da altrettanti automobilisti al vostro umile cronista. Alla faccia del periodo di “fresca introduzione” e di “rodaggio” della nuova regolamentazione in cui i tutori del traffico dovrebbero provvedere a fare informazione più che repressione, prima che la novità introdotta entri a regime.
Ma tant'è: alle 19.30 la striscia di Cenerentola cambia colore e se parcheggiate senza autorizzazione sono cavoli vostri. Probabilmente ci sono anche gli estremi per contestare le contravvenzioni presso le autorità competenti, in quanto la segnaletica orizzontale non è assolutamente adeguata, ed è anzi contraddittoria, rispetto al divieto imposto.
Ma si sa: ricorrere al giudice di pace vuole dire perdita di tempo e anche di soldi.
E allora, se non interverranno soluzioni “migliorative”, teniamoci sul groppone questo incredibile ibrido di posteggio alla bassanese, che con il giallo misto al blu fa verde di rabbia l'automobilista sanzionato.

Più visti