Canova
Canova

Luigi MarcadellaLuigi Marcadella
Giornalista
Bassanonet.it

Imprese

Logistica Shuttle

C’è anche Bassano tra le sedi ad “alta tecnologia” del colosso della logistica Bracchi

Pubblicato il 26-04-2022
Visto 4.276 volte

Canova

C’è anche un po’ di Bassano tra i luoghi destinatari di nuovi investimenti della Bracchi. Il colosso della logistica con sede a Bergamo, 600 dipendenti in Italia, Germania, Polonia e Slovacchia, ha appena chiuso il 2021 con un fatturato che si aggira attorno ai 158 milioni di euro (in crescita sui 142 milioni del 2020). Come anticipato una parte di investimenti del gruppo sono arrivati anche nello stabilimento di Bassano, con la logica generale di far fronte alle pressioni gigantesche a cui deve rispondere il comparto della logistica.

Il problema principale ovviamente riguarda l’aumento vertiginoso dei prezzi dei carburanti e delle materie prime, per questo motivo le imprese devono a tutti i costi aumentare la produttività in altre “fasi” del ciclo economico. Nella sede di via Vasco de Gama, che già poteva vantare un sistema di pallet shuttle all’avanguardia per la gestione della logistica food&beverage, è stato realizzato un nuovo blocco di scaffalature a “stoccaggio intensivo” di 840 metri quadri, per una capacità di oltre 3.000 posti pallet. Un sistema che, fanno sapere i vertici di Bracchi, richiede un intervento minimo da parte degli operatori, visto che è proprio la navetta automatica ad eseguire i movimenti all’interno dei canali delle scaffalature.

La sede di Bracchi


«La tecnologia permette alle operazioni logistiche di essere sempre più precise e veloci, ma anche di aumentare la sicurezza degli operatori. Con queste innovazioni siamo sicuri di aver intrapreso una strada che porterà a miglioramenti nel nostro servizio: automatizzando procedure che altrimenti sarebbero a rischio di errore umano garantiremo performance sempre migliori», osserva dal quartier generale di Fara Gera d’Adda l’amministratore delegato di Bracchi, Umberto Ferretti.

Il gruppo bergamasco, con una storia che parte addirittura dal 1928, già da qualche anno aveva messo l’area del Bassanese e della Pedemontana in cima alla geografia strategica aziendale. Nel 2018 infatti Bracchi aveva completato l’acquisizione di Bas Group, storica realtà dei trasporti del bassanese, formata da quattro aziende specializzate nella logistica del cibo e della moda. Quando sarà a pieno regime la Pedemontana, per i big del settore lo snodo industriale di Bassano potrebbe diventare ancora più interessante da presidiare.

Più visti

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.099 volte

2

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.070 volte

3

Attualità

23-11-2022

Pantani in pista

Visto 6.374 volte

4

Attualità

24-11-2022

Born To Be Wild

Visto 6.371 volte

5

Musica

24-11-2022

Flaviada con Paolo Conte

Visto 3.359 volte

6

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 2.036 volte

7

Lavoro

21-11-2022

E i salari?

Visto 202 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.099 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.388 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.124 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.564 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.533 volte

6

Attualità

29-10-2022

O mia cara finestra

Visto 7.393 volte

7

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.354 volte

8

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.278 volte

9

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.276 volte

10

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.070 volte