Pubblicità

Radici FutureRadici Future
Pubblicato il 29-07-2021 06:56
in Teatro | Visto 3.972 volte

Passa il Green, a teatro

In questo fine settimana, dal 30 luglio a domenica 1 agosto, Operaestate Festival ha in programma tre prime nazionali nella sezione Teatro con Babilonia, exvUoto, Amor Vacui

Passa il Green, a teatro

Babilonia Teatri, al Teatro "Tito Gobbi" il 30 luglio, per Operaestate

In questo fine settimana, Operaestate Festival ha in programma tre prime nazionali nella sezione Teatro. Tra le proposte, le restituzioni di due percorsi speciali che fanno parte del progetto Comunità/Cultura/Patrimonio, realizzato come azione di contrasto alla povertà culturale. Il progetto, presentato sul bando di Fondazione Cariverona "Valore e Territori" dalla rete costituita dai Comuni di Bassano (capofila) e di Cartigliano, Enego, Feltre, Lusiana-Conco, Colceresa, Montorso, Mussolente, Nove, Rosà, Tonezza del Cimone, Valbrenta, con la Fondazione Teatro Civico di Schio, l’Ulss n.7 Pedemontana e Villa Margherita di Arcugnano, guarda alle comunità locali e al paesaggio come attori di una rinascita culturale a contrasto dell’impoverimento e a favore della valorizzazione del territorio.
Si inizierà nella serata di venerdì 30 luglio, al Teatro al Castello di Bassano, con il nuovo spettacolo di Babilonia Teatri intitolato Mulinobianco, anch’esso dedicato alle grandi domande del presente, guardando a ecologia e sostenibilità. In scena, da una parte la modernità, dall'altra le tradizioni da riscoprire, al centro gli esseri umani, ciascuno col proprio grado di consapevolezza e di ignoranza, sotto il fuoco incrociato di notizie allarmanti e catastrofiche, difficili da gestire. Oltre ai due fondatori della compagnia, Enrico Castellani e Valeria Raimondi, premiati con il Leone d’argento alla Biennale di Venezia del 2016, saliranno sul palco anche i figli della coppia: Ettore e Orlando Castellani. Babilonia Teatri spiega il fulcro della loro riflessione: “Mulinobianco nasce dalla consapevolezza che viviamo un mondo in cui sembra impossibile trovare un equilibrio tra naturale ed artificiale: una dicotomia quasi impossibile da gestire”. Lo spettacolo è prodotto da La Corte Ospitale e coprodotto da Operaestate. In caso di pioggia, l’allestimento sarà trasferito in Sala da Ponte.
Si proseguirà sabato e domenica con le due restituzioni: il 31 luglio, a Casoni di Mussolente, gli attori di “exvUoto teatro” Tommaso Franchin e Andrea Dellai saranno impegnati a tracciare una Mappatura Emotiva dei luoghi che attraversano, e dopo Carrè è la volta di Mussolente: un racconto che diventa una fiaba contemporanea nato dal dialogo con la comunità locale, con le sue storie e le sue emozioni. “Ogni mappatura innesca processi virtuosi di condivisione all'interno della comunità che le ospita, è un lavoro che è ugualmente focalizzato sul processo e sull'esito”, illustra ExvUoto.
Domenica 1 agosto, a San Nazario, la Compagnia padovana “Amor Vacui” presenterà al pubblico Atlante Botanico dell'essere umano una creazione realizzata per il paesaggio della Valbrenta (con i suoi caratteristici terrazzamenti). In scena, dirette da Lorenzo Maragoni, tre storie narrate da tre attori (Marangoni stesso, Andrea Bellacicco ed Eleonora Panizzo): quella di un incontro, la storia di una vita che finisce e quella di una vita che inizia. Come le piante, gli esseri umani nascono, crescono, forse generano e infine muoiono, ma a differenza delle piante, gli uomini hanno bisogno di raccontare ciò che fanno.
Per entrambi questi appuntamenti, con inizio fissato alle 17.30, si raccomanda di indossare scarpe e abbigliamento adeguato a passeggiate nella natura in zona collinare e di munirsi di coperta o stuoino per sedersi sull’erba. In caso di pioggia, Atlante botanico sarà rinviato al 19 settembre.
La prenotazione agli eventi è obbligatoria. Per informazioni dettagliate: www.operaestate.it
comunicazionefestival@comune.bassano.vi.it tel. 0424519804

Pubblicità

Celebrazioni PonteMostraOpera Estate

Più visti