Laura Vicenzi
bassanonet.it
Pubblicato il 23-01-2019 09:39
in Incontri | Visto 519 volte
 

Un "nuovo razzismo"?

Venerdì 25 gennaio, all'auditorium Vivaldi di Cassola, un incontro senza censura con padre Alex Zanotelli

Un

padre Alex Zanotelli

Dopo Lampedusa, lo spettacolo teatrale proposto a Teatro Remondini dalla rassegna “Teatro Cronaca”, all’auditorium Vivaldi si rilancia la riflessione sui temi dell’accoglienza e dell'integrazione con un incontro con padre Alex Zanotelli e la presentazione del suo libro, intitolato: Prima che gridino le pietre.
L’appuntamento è fissato per venerdì 25 gennaio, ed è stato organizzato dalla libreria La Bassanese e l’omonima associazione culturale in concerto con la Fondazione Aida e il Comune di Cassola.
Nella pubblicazione, edita da Chiarelettere, il missionario camboniano da sempre in prima linea sul fronte della solidarietà e dell’impegno concreto nei confronti di deboli e oppressi rinnova una riflessione sulla migrazione, sulle sue ragioni e sulla sua storia, parla di "nuovo razzismo" e formula il suo j’accuse nei confronti della strumentalizzazione politica e della distorsione mediatica sul fenomeno dell'arrivo di migranti e di rifugiati in Italia e in Europa. Non mancano critiche doverose verso chi si professa cristiano e non pensa e agisce secondo i valori di una morale prima di tutto umana, oltre che religiosa.
«Non possiamo rimanere in silenzio davanti a un’altra Shoah che si sta svolgendo sotto i nostri occhi. Diamoci tutti da fare perché si rompa questo maledetto silenzio sull’Africa» era l’appello lanciato l’anno scorso da padre Zanotelli ai giornalisti e ai responsabili dei mezzi di informazione affinché dessero notizia e risalto alle questioni drammatiche di tanti Stati africani. L'informazione, la conoscenza, sono viatici importanti per l'accettazione di ogni cambiamento.
La serata, che avrà inizio alle ore 20.30, è a ingresso libero e rientra nel programma della rassegna “Incontri senza censura”. Per informazioni: tel. 0424521230, o alla mail info@labassanese.com.