Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 16-03-2012 10:50
in Life & Style | Visto 2.806 volte

Caso “urgente” di adozione risolto grazie all'Ulss

Lettera in redazione di una coppia di genitori adottivi. Risolto grazie all'Ulss 3 un caso di emergenza burocratica per l'adozione di un bambino in Russia. “Ora siamo pronti alla partenza per coronare finalmente il nostro sogno”

Caso “urgente” di adozione risolto grazie all'Ulss
Riceviamo e pubblichiamo una lettera trasmessa in redazione da una coppia di genitori adottivi che si sono rivolti a noi con richiesta di non far comparire i loro nomi:

LETTERA AL DIRETTORE

Gentile Direttore,

Siamo una coppia di genitori adottivi che sta completando il percorso lungo e a volte snervante che porta all'adozione internazionale, nel nostro caso dalla Russia.
In questi giorni abbiamo avuto bisogno urgente dell'ULSS di Bassano e vogliamo farvi sapere come siamo stati trattati.

I documenti da presentare per l'adozione sono tanti e tra questi è previsto un certificato medico di idoneità preparato da 9 (nove!) diversi specialisti dell'ULSS, sia dell'Ospedale sia del Distretto sia della Prevenzione.

Avevamo ottenuto il certificato a fine dicembre scorso, quando la partenza per la Russia sembrava questione di giorni. Poi tutto si è fermato per oltre due mesi. Le cose si sono rimesse in moto improvvisamente in questi giorni, e di nuovo la nostra partenza sembra
imminente. Però la validità del certificato in nostro possesso sta per scadere e ci è stato detto dall'associazione che ci assiste che rischiamo di trovarci a Mosca con in braccio il piccolo che già sentiamo parte della nostra famiglia, ma con in mano il certificato
scaduto, ridotto a pezzo di carta senza più valore.

Era dunque indispensabile ottenere un nuovo certificato nel giro di qualche giorno: ma come rimettere insieme in pochissimo tempo tutti i 9 specialisti, ognuno coi propri impegni, chi in sala operatoria, chi in ambulatorio, chi in giro sul territorio?

Ci siamo rivolti nuovamente all'ULSS e spiegando il nostro caso abbiamo avuto tutto l'aiuto che speravamo: nel giro di due giorni, con la "regia" della Prevenzione, tutti gli specialisti hanno fatto tempestivamente la loro parte e ora, col nuovo certificato in mano, siamo pronti alla partenza per coronare finalmente il nostro sogno.

Dopo tutte le polemiche sull'ULSS di Bassano che abbiamo sentito e letto in questi giorni ci è sembrato giusto far conoscere anche la nostra piccola esperienza.

Cordiali saluti.

Lettera firmata

Bassanonet TV

Libertà è Parola

Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

Più visti