Pubblicità

Opera Estate Festival

Pubblicità

Opera Estate Festival

RedazioneRedazione
Bassanonet.it

Manifestazioni

Come Natura crea

Sabato 1 e domenica 2 aprile nuova edizione di Di Rara Pianta al Giardino Parolini di Bassano. L’ideatore dell’evento Giuseppe Busnardo: “Una manifestazione che pone attenzione alla biodiversità”

Pubblicato il 30-03-2023
Visto 3.179 volte

Pubblicità

Opera Estate Festival

Oramai ci siamo. Sabato 1 e domenica 2 aprile l’antico Giardino Parolini di Bassano del Grappa rifiorisce grazie alla XI edizione di Di Rara Pianta, l’esclusiva mostra - mercato di piante e fiori ricercati promossa dal Rotary club Bassano Castelli con il patrocinio della Città di Bassano del Grappa, dell’Orto Botanico di Padova e di Confcommercio Bassano.
Nata nel 2011, proprio per attirare l’attenzione verso uno dei patrimoni storici della città, la manifestazione, ideata e curata dal botanico Giuseppe Busnardo, si è affermata come uno degli appuntamenti italiani più importanti nell’ambito del florovivaismo, con la certezza per esperti ed appassionati di trovare bellezza e rarità.
Non fa eccezione la nuova edizione, in programma questo fine settimana (orario 9.00 - 19.00, ingresso gratuito), con un parterre di selezionati espositori (una cinquantina, con alcuni nuovi preziosi inserimenti), laboratori, incontri, visite guidate.


UNO SGUARDO CONSAPEVOLE VERSO LA NATURA

“Di Rara Pianta, oltre che essere stato il motore per il progetto di recupero del Giardino Parolini, vuole essere una manifestazione che pone attenzione alla biodiversità, con uno sguardo consapevole verso la natura e l’orticoltura - spiega Giuseppe Busnardo, ideatore e curatore dell’evento -. Con un grande lavoro di ricerca, la rassegna ha mirato a valorizzare fin dall’inizio realtà, anche piccole, che quotidianamente con il loro lavoro e la loro passione difendono la biodiversità, la naturalità, la bellezza. È questo anche il percorso affinché il Giardino torni ad essere un luogo di attrazione per la singolarità della sua storia e la rarità delle sue piante”.

SOLO ECCELLENZE

Rose, Stelle Alpine, Garofani, Carnivore, Peonie, Lavande, Orchidee, Piante Acquatiche, Succulente, Aromatiche, Azalee, Gerani, Hoya, Agapanthus e molte altre, le specie presenti alla manifestazione, scelte fra eccellenze non solo italiane. Fra le novità di questa edizione, una inusuale esposizione di Felci da tutto il mondo e un vivaista di stranissime Querce. Non mancano gli Agrumi e i Frutti Antichi; gli Arbusti insoliti e le Conifere; così come un ricco assortimento di bulbi. Non solo piante, comunque, ma anche olii essenziali, spezie, tisane, marmellate e, ancora, ceramiche floreali, accessori in bamboo, gioielli in resina con fiori di montagna, cosmetici e fragranze, tutte proposte all’insegna della sostenibilità.

PREMIO A MIRELLA COLLAVINI, LA SIGNORA DELLE VIOLE

Il meglio del giardinaggio e del collezionismo del verde, che anche quest’anno sarà coronato da un riconoscimento speciale ad una donna che ha fatto della cultura dei giardini e della conoscenza della natura l’impegno della propria vita. Si tratta di Mirella Collavini, ovvero la signora delle viole. Di Rivignano (UD), è una fervida collezionista di viole e violette, nota nel settore e proprietaria di uno splendido giardino-vivaio.
Nel corso della cerimonia ufficiale, in programma domenica alle 16.00 con intermezzi musicali e letture storiche, anche la messa a dimora a cura degli studenti dell’Istituto Agrario “A. Parolini” di un raro esemplare di Quercus phillyraeoides, donato dal Rotary Club Bassano Castelli per arricchire le collezioni del Giardino.

“COLLEZIONI, CHE PASSIONE!”
Per la prima volta la manifestazione ospiterà nelle Serre Grandi del Giardino una raccolta di rarità da collezione, proposte da espositori ed appassionati, che sarà inaugurata da una selezione di Iris europee e di Settembrini, straordinaria donazione dell’Orto Botanico di Padova. All’esposizione hanno contribuito con le loro collezioni diversi vivaisti: Buosi Osvaldo, Doro Daniele, Ianne Patrizia, Floricoltura Billo Federico, Gardenstudio, Raziel, Vivaio della Colombara, Vivai Ghellere, Vivalpi, Zanatta Alberto. Lo spettacolo della biodiversità.

L’ANGOLO DI SCAMBIO SEMI E PIANTE
La giornata di domenica sarà ancora l’occasione per l’apprezzata iniziativa di scambio semi e piante, un momento che richiama amatori da ogni parte d’Italia, coordinati da Patrizia Janne di Adipa Veneto, l’Associazione per la diffusione di Piante per Amatori.

LEZIONI, ATTIVITA’ E VISITE GUIDATE

Nel corso di Di Rara Pianta si potrà partecipare ad una lezione di Ikebana, l’arte giapponese di disporre i fiori, a cura della scuola italiana Ohara Chapter di Venezia (sabato, ore 14.30); seguire un laboratorio di cucito, intreccio, impaglio o realizzazione di fiori di carta, a cura di Pro Bassano e Arti per Via (sabato e domenica, 15.30-17.30); viaggiare nell’arte, ammirando le creazioni en-plein air ispirate alla natura dell’associazione “Leonardo Arte” o l’esposizione delle opere Yana Kiyko, realizzate con la tecnica della spatola; conoscere il passato con l’Associazione Mondo Rurale e l’intreccio della paglia.  Fra gli altri eventi, l’incontro con l’agronoma Elena Mascellari, in dialogo con Alessandro Bedin, dedicato agli orti medicinali e alla riscoperta delle cure fitoterapiche (sabato, ore 17.15); le letture per bambini proposte dalla Biblioteca (dai 4 anni, sabato alle ore 10.30).

IL GIARDINO ANTICO

Da non perdere, sabato e domenica alle 11.00, a cura di Giuseppe Busnardo le visite guidate al Giardino, creato nel 1800 dal naturalista bassanese Alberto Parolini (1788-1867) e che fra i tanti studiosi fu definito “un des jardins de botanique les plus remarquables de L’Italie” (Filippo Barker Webb, 1840).  In un contesto che rispecchia abbastanza fedelmente il disegno originario, si possono ancora ammirare i curiosi Pini paroliniani (che portano il nome del loro scopritore), molte rarità con individui secolari e spettacolari, alcune collezioni ricostituite (soprattutto Pini e Querce da tutto il mondo, ma anche Felci), l’originale orto per ortoterapia davanti alle serre ottocentesche restaurate e l’attiguo orto con piante simboliche delle religioni monoteiste, l’ingegnoso sistema di vasche per catturare l’acqua.

IL CHIOSCO

Grazie alla collaborazione con il Ristorante Sant’Eusebio di Bassano del Grappa, a Di Rara Pianta si potrà degustare il prodotto principe del territorio: l’Asparago Bianco di Bassano DOP. Al Giardino Parolini nei giorni della manifestazione sarà attivo il chiosco con questa e molte altre specialità.

Press Edition New

Bassanonet.it Press Edition

Più visti

1

Attualità

12-07-2024

Quattro x Seven

Visto 10.106 volte

2

Attualità

12-07-2024

Tesso e volentieri

Visto 9.929 volte

3

Attualità

15-07-2024

Diamoci un bacino

Visto 8.745 volte

4

Politica

17-07-2024

Green Pass

Visto 5.151 volte

5

Attualità

17-07-2024

Io Vagabondo

Visto 4.795 volte

6

Cronaca

17-07-2024

Notizia bomba

Visto 4.531 volte

7
9

Musica

15-07-2024

Tra cuore e Diaframma

Visto 3.723 volte

10

Danza

14-07-2024

In Vetrina, la giovane danza d'autore

Visto 3.541 volte

1

Elezioni 2024

19-06-2024

Ultime lettere di Elena Pavan

Visto 29.209 volte

2

Elezioni 2024

21-06-2024

Facoltà di voto

Visto 28.732 volte

3

Elezioni 2024

19-06-2024

Impegno per Roberto

Visto 27.938 volte

4

Elezioni 2024

24-06-2024

Gratta e Finco

Visto 22.699 volte

5

Elezioni 2024

20-06-2024

Big Bang

Visto 22.523 volte

6

Elezioni 2024

25-06-2024

John Fincgerald Kennedy

Visto 21.654 volte

7

Elezioni 2024

20-06-2024

Pontida degli Alpini

Visto 21.515 volte

8

Elezioni 2024

27-06-2024

Ma Guarda un po’

Visto 21.116 volte

9

Elezioni 2024

20-06-2024

Diritto di proprietà

Visto 21.104 volte

10

Elezioni 2024

25-06-2024

Io sono leggenda

Visto 21.032 volte