ELEZIONI
Marco Polo
bassanonet.it
Pubblicato il 11-11-2018 18:09
in Calcio | Visto 551 volte
 

Dalle stelle alle stalle

Il Bassano cade male a Camposampiero a causa di un primo tempo costellato di errori e per aver trovato un avversario che ha esasperato gli animi, l’agonismo e i contrasti. Per la gara decisiva di mercoledì è allarme infortuni.

Quando incappi in una giornata storta tutto ciò che può andare male va persino peggio. Al triplice fischio i sostenitori del FCB in cuor loro si sono augurati che il campionario di nefandezze si sia concentrato in questa umida domenica di novembre. Il Campetra vince perché è come un animale da arena: sfrutta tutto lo sfruttabile, lotta indomito, si difende in maniera maniacale e allo stesso modo morde in contropiede. Il vantaggio arrivato presto dà un ulteriore assist ai padovani che da quel momento picchiano ancora più duro e danno vita alla più tediosa pagliacciata del perder tempo scientifico, specie dopo il secondo gol, ancora sfruttando palesi errori giallorossi. Bruttino in effetti anche vedere un arbitraggio che permette un gioco durissimo senza porvi un freno con i cartellini.
Sul banco degli imputati sale oggi la fase difensiva. E pensare che in dieci partite quella che era la miglior difesa del campionato aveva subito solo 6 reti di cui tre a Riese. Intendiamoci, non c’è alcun alibi per i ragazzi di Maino che come si sono presi i meritati complimenti domenica scorsa, devono accettare le critiche per un passo falso peraltro orrido nel suo risultato finale (4 a 1). In realtà il momentaneo 2 a 1 firmato Savio prima dell’intervallo aveva riacceso la fiammella della speranza. Il secondo tempo è stato di tutt’altro tenore ma vuoi un legno colpito a porta vuota, vuoi un paio di grossi errori sottorete, il Campetra si salva e in campo aperto va pure a firmare il 3 e il 4 a 1. E allora si torna al vecchio problema della finalizzazione: se fosse arrivato il pareggio la partita avrebbe preso una piega totalmente diversa.

L'attenzione va ora alla gara da dentro o fuori contro il Carmenta di mercoledì sera al Mercante. La Coppa ha una storia a sé e il Bassano ha il dovere di provare ad arrivare fino in fondo. Il problema è che per Maino non sarà semplice trovare la quadratura del cerchio perchè Savio è squalificato, Solomon non ancora tesserato e l'infermeria invece di svuotarsi si riempie ogni giorno di più (Cosma, Frachesen, Ceccato più altri da valutare con estrema attenzione).