Canova
Canova

Rebecca LuisettoRebecca Luisetto
Giornalista
Bassanonet.it

Attualità

CoronaVirus, #ilcommerciononsiferma

I commercianti bassanesi gridano lo slogan per fermare l'allarmismo che li ha messi in ginocchio

Pubblicato il 28-02-2020
Visto 4.897 volte

Canova

Panico. Sembra essere questa la parola ricorrente che delinea la situazione contemporanea, un insieme di paura, disinformazione e semplice, ma letale, ignoranza.

#ILCOMMERCIONONSIFERMA, questo l’hashtag gridato dai commercianti bassanesi, che di fronte al Coronavirus hanno dovuto alzare le difese immunitarie e trovare qualche antibiotico in grado di sconfiggere il nemico. Alberghi, bar, ristoranti e attività di ogni genere hanno visto gli scontrini scendere al loro record storico.

#ILCOMMERCIONONSIFERMA, questo l’hashtag gridato dai commercianti bassanesi


Si ha sempre paura di ciò che non si conosce, quindi come reagire ad una simile piaga? Forse le mascherine non bastano a filtrare il fumo di così tante notizie, cotte e ricotte, da essere state ormai bruciate. Essere chiari, semplici e diretti. L’unica soluzione che può riportare ad un equilibrio. Bassano del Grappa non è una zona rossa e se l’allarmismo nazionale ha fatto tremare i cittadini, sta ora nelle istituzioni rimettere insieme i pezzi di un puzzle che funziona solo grazie al turismo, quello portato dalle bellezze delle nostre piazze ma anche, e soprattutto, dalle imprese. Lo stesso assessore al turismo, Stefania Amodeo, ha confermato l’impegno “a mettere in atto tre interventi. Sul piano politico valuteremo come aiutare gli operatori del turismo; sul piano tecnico il protagonista sarà il marketing e infine dovremo concentrarci sull’incoming estero, comunicando al di fuori dei nostri confini che ci siamo e siamo pronti ad accogliere”.

Gli albergatori sostengono di aver avuto cancellazioni che vanno dall’80 al 100% delle camere, i ristoratori hanno avuto disdette per quasi il 95%, mentre i bar e gli ambulanti sono stati i testimoni di strade deserte. Tasche vuote che ora comunque dovranno provvedere a pagare coloro che sono stati al servizio di un pubblico inesistente. Ma, per ora, non c’è altra soluzione rispetto a quella che da sempre sembra essere la condanna dei veneti, rimboccarsi le maniche e fare in modo che le cose tornino in ordine, lavorando e mantenendo il “baricentro basso”, come quello che permette alla scopa di stare dritta. Non ci serve alcun miracolo, né aspettare 3500 anni, solo avere un po’ di pazienza e abilità. “Usciremo dal pantano, ma per farlo ci serve almeno l’aiuto a non perseverare nell’allarmismo” ha affermato il presidente Lunardi.

Uno starnuto sembra aver reso il nostro territorio simile quello di Hiroshima. Ma il danno è stato fatto, ora sta a noi non fare in modo che il terrorismo psicologico porti anche a rivedere Nagasaki.

Più visti

1

Attualità

01-12-2022

Le due verità

Visto 6.824 volte

2

Attualità

01-12-2022

L’Isola dei Dubbiosi

Visto 6.435 volte

3

Attualità

02-12-2022

Dynasty

Visto 6.296 volte

4

Magazine

01-12-2022

Una Madonna, un artista e Tre Briganti

Visto 3.838 volte

5

Musica

03-12-2022

Three Men Apart al Remondini

Visto 3.419 volte

6

Manifestazioni

01-12-2022

Xmas time

Visto 2.185 volte

7

Calcio

04-12-2022

Bassano bum bum

Visto 1.552 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.333 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.443 volte

3

Politica

29-11-2022

Pietrosante non è un’opinione

Visto 8.219 volte

4

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.179 volte

5

Cronaca

29-11-2022

Coming Home

Visto 8.078 volte

6

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.621 volte

7

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.578 volte

8

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.475 volte

9

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.417 volte

10

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.378 volte