Partita Scacchi
Marco Polo
bassanonet.it
Pubblicato il 09-02-2018 20:07
in Calcio | Visto 279 volte
 

Avanti un altro

Il momento è abbastanza delicato perché i giallorossi scontano tante assenze ma le gambe ora girano che è un piacere. Lasciarsi alle spalle indenni un periodo complicato è fiducia concentrata per il futuro.

Avanti un altro

Colella ha elogiato il lavoro del suo staff. Parole al miele in particolare per il preparatore Dal Monte

L’emergenza non è tutto. Giovanni Colella per la gara di Bergamo ha poche alternative, specie per cambiare marcia a gara in corso, ma un gruppo che si è cementato, ha trovato convinzione e sicurezza ed ora fa vedere i sorci verdi agli avversari sul piano fisico. Come si perdeva e male a ranghi completi tra ottobre e novembre, si può vincere adesso con qualche defezione dalla cintola in giù. La differenza la fanno la testa e la condizione fisica. Orbene entrambe fanno dormire sonni tranquilli. Colella, poi, va sostenendo da sempre che lui non si sofferma sugli indisponibili perché è tempo perso. Tutte le energie della settimana sono state concentrate per istruire e motivare che scenderà in campo sabato, sia per novanta e più minuti sia per uno spezzone di gara.


Sugli indisponibili. “Barison, Bianchi, Botta, Stevanin, Laurenti, Bortot. Molti di questi rientreranno a breve"

Su una possibile alternativa di schieramento. “Vista la situazione direi di sì ma è una cosa che valuto sempre".

Su che partita si aspetta. “L'AlbinoLeffe è una squadra aggressiva e solida ma siamo diventati belli tosti anche noi. La nostra tenuta fisica nell'arco dei novanta minuti dipende molto anche dalla tenuta mentale. La prestazione ci deve sempre essere. Vorrei proporre buone cose per un tempo più lungo. Una partita ha momenti diversi, bisogna saper sfruttarli però. Tutti gli avversari vanno rispettati ma quello che conta è ciò che facciamo noi".

Sul ricorso all’ “energia verde”. “Per fare le scelte non guardo la carta di identità. Ci sono ragazzi che con me hanno giocato pochissimo che si allenano a mille e cito Bonetto. A me dispiace lasciare fuori ragazzi che si dannano l'anima. Da questo punto di vista ben vengano queste situazioni"

Cosa si aspetta dalla squadra in questo momento di difficoltà numerica. “Le assenze non devono condizionare. Nei momenti di difficoltà ci sono possibilità per ragazzi che si sono sempre allenati con grande attenzione. Appagamento? La forza di una squadra che ha qualità è non cadere in questo tranello".

    Ultimora

    Il 15 agosto:

    Editoriali

    Tronco ferroviario

    Tronco ferroviario

    Alessandro Tich | 96 giorni fa

    Il "Tich" nervoso Quando, per non piangere, non ci resta ogni tanto che ridere

    Più visti