Marco Polo
bassanonet.it
Pubblicato il 10-11-2017 18:39
in Calcio | Visto 161 volte
 

Il bivio

Domenica tocca al Soccer Team dare delle risposte, non tanto sul piano del risultato. Il pres: “Ripongo grande fiducia nella qualità del mister e dei giocatori. Mestre? Una giornata storta. Puntiamo al salto di categoria”

Il bivio
La voglia di riscatto. Questo è la prima è più importante qualità che il BV deve portare sul campo del Mercante contro la Feralpi Salò (domenica ore 14:30). Non ci si può rilassare quando le cose vanno bene né deprimere quando le cose vanno male. Parafrasando Magi, questo "è ciò che fanno le squadre scarse". Chi ha orecchie per intendere intenda. Dopodiché il risultato è figlio di tante, troppe variabili che a volte esulano dalla propria volontà o dalle qualità messe in campo dalla squadra. Si dia il meglio, a quel punto comunque vada sarà un successo. Il presidente Stefano Rosso, intercettato a margine della presentazione del progetto “un fiocco giallorosso” di cui parliamo a parte si mostra particolarmente sereno nel valutare il momento non felice della squadra: “Non parliamo della sconfitta contro il Mestre, io la derubrico a giornata storta. Sul momento del Bassano mi viene da dire che sono state tre sconfitte molto diverse e che quindi non possono delineare un trend. A Padova, contro la più esperta del torneo, abbiamo giocato alla pari per un tempo, il primo. Contro il Renate ho visto un bel Bassano, propositivo, punito ben oltre i propri demeriti. È vero, sono emersi dei limiti ma siamo fiduciosi e tranquilli. Contiamo sulle comprovate qualità del mister e dei ragazzi. Sanno cosa devono fare e come comportarsi. I nostri obiettivi? L’ambizione è la serie B con un progetto a medio termine, non c’è l’assillo di vincere subito per forza. Ovvio che prima sarà e meglio è”.
    Fondazione PiraniRobert Capa

    Editoriali

    Superman a Bassano

    Superman a Bassano

    Alessandro Tich | 57 giorni fa

    Il "Tich" nervoso Il celebre supereroe avvistato in città. Scopo della missione, raddrizzare il Ponte degli Alpini. Ma l'impresa, questa volta, non gli è riuscita

    Fondazione PiraniRobert Capa