Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 24-10-2011 19:07
in Attualità | Visto 4.014 volte
 

Centro Commerciale Unicomm, è scontro con Rosà

Concessa oggi dalla conferenza dei servizi a Venezia l'autorizzazione commerciale al nuovo centro vendite di viale De Gasperi a Bassano. Il sindaco di Rosà Lanzarin: “Totale contrarietà del mio Comune alla nuova struttura”

Centro Commerciale Unicomm, è scontro con Rosà

Il sindaco Lanzarin sulla Grande Struttura di Vendita Unicomm: "Rosà subisce ancora una volta le scelte di altri"

I giochi sono fatti. Si è tenuta nella tarda mattinata di oggi a Venezia la conferenza dei servizi decisoria organizzata dal comune di Bassano del Grappa per l’autorizzazione all’apertura della grande struttura di vendita di proprietà di Unicomm srl e che sorgerà nell’area a sud di viale De Gasperi a Bassano.
La notizia, tuttavia, non è stata resa nota dal Comune di Bassano ma da quello confinante di Rosà - direttamente interessato al possibile impatto viabilistico del nuovo Centro Commerciale nel suo territorio - che ha trasmesso alle redazioni una nota informativa e di commento del sindaco on. Manuela Lanzarin.
Il primo cittadino rosatese era presente oggi, a titolo consultivo, al summit veneziano assieme ai rappresentanti della Regione Veneto, della Provincia di Vicenza, del Comune di Bassano del Grappa interessato direttamente alla costruzione, della proprietà Unicomm e di Confcommercio Bassano.
La conferenza dei servizi, al termine della riunione, ha dato parere favorevole alla concessione commerciale per la grande struttura di viale De Gasperi nel “settore merceologico non alimentare a grande fabbisogno di superficie”.
Manuela Lanzarin, nell'occasione, ha richiesto di porre agli atti dell’incontro un documento nella quale l’Amministrazione comunale rosatese esprime “la sua netta contrarietà all’autorizzazione della grande struttura di vendita”.
Nel documento, in particolare, viene evidenziato come nonostante la riduzione della superficie a 7.999 mq e quindi l’attività a norma della legge regionale non sia più soggetta alla Valutazione di Impatto Ambientale (si ricorda che la Commissione Provinciale nel documento redatto nel mese di maggio 2011 aveva dato parere negativo), “le problematiche viarie e di inquinamento permangono”.
“Pur nella consapevolezza che quello di oggi è l’ultimo passaggio dell’iter che porta alla costruzione e all'apertura del nuovo Centro Commerciale - commenta il sindaco di Rosà - ho espresso anche in questa sede la totale contrarietà del Comune di Rosà alla nuova struttura. La soluzione adottata nel diminuire la superficie non risolve in alcun modo i problemi di viabilità lungo la ss 47 e soprattutto nella sp Travettore-S.Anna, come rimangono quelli legati all’inquinamento dell’aria che colpirà i residenti di Travettore.”
“Lo vediamo oggi con Il Grifone - sottolinea l'on. Lanzarin - quali problematiche viarie si sono aperte e con il nuovo Centro il rischio è assai più grave visto che la Provinciale passa nei piccoli centri abitati, vicino a scuole, chiesa ed abitazioni. Rosà subisce così ancora una volta le scelte di altri senza poter intervenire in decisioni che riguardano aree come questa che hanno un interesse sovracomunale.”
Ancora il sindaco di Rosà, dichiarandosi “rammaricata per la concessione dell’autorizzazione con i relativi pareri positivi dei vari Enti interessati”, ha rimandato i presenti ai giorni dell’apertura del nuovo Centro Commerciale “quando il territorio circostante sarà bloccato dai problemi viari che ne deriveranno”.