Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 07-03-2020 22:22
in Cronaca | Visto 2.469 volte

Virus, si blocca il Nord

Nel nuovo DPCM in emanazione, precluso fino al 3 aprile “ogni spostamento in entrata e in uscita e all'interno dei territori”, salvo indifferibili esigenze di lavoro o emergenze, in Lombardia e in 14 province tra cui Padova, Treviso e Venezia

Solo poche righe per rilanciare la notizia che ormai sta già facendo il giro del mondo, ma che ci interessa da vicino, anzi da vicinissimo. All'articolo 1 del nuovo DPCM (Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministeri) sulle misure urgenti di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 che sta per essere emanato in serata, vengono disposte ulteriori misure restrittive per l'intera Regione Lombardia e per 14 province di altre Regioni tra cui le province di Padova, Treviso e Venezia.
Si dispone di “evitare in modo assoluto ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori di cui al presente articolo, nonché all'interno dei medesimi territori di cui al presente articolo, salvo che per gli spostamenti motivati da indifferibili esigenze lavorative o situazioni di emergenza”. Seguono altre misure di prescrizione, che in gran parte si richiamano alle già note sospensioni e limitazioni imposte dalle ordinanze dei precedenti DPCM in materia. La clamorosa novità è rappresentata quindi dalla “chiusura” dei territori indicati, sia in entrata che in uscita, e dall'impossibilità a muoversi all'interno degli stessi se non per le motivazioni indifferibili già descritte.
Le disposizioni contenute nel decreto produrranno il loro effetto a partire da domani, domenica 8 marzo, e saranno efficaci fino a venerdì 3 aprile.

Più visti