Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 14-07-2016 20:29
in Attualità | Visto 13.965 volte

Cantiamogliene quattro

Francesca Michielin nuova testimonial del Comitato Ponte degli Alpini Monumento Nazionale. Mentre Zaia scrive al ministro sollecitando lo sblocco dell’iter. Chiamati a raccolta anche i parlamentari vicentini, “coordinati” da Dino Secco

Cantiamogliene quattro

Francesca Michielin davanti al Ponte di Bassano con la canoa di Ilario Baggio (fonte immagine: Francesca Michielin/Facebook)

Ponte di Bassano: mentre il cantiere del restauro è ancora mestamente fermo in attesa del pronunciamento del TAR, qualcosa si muove sul fronte del progetto del suo riconoscimento quale Monumento Nazionale.
Ne dà notizia il Comitato Ponte degli Alpini Monumento Nazionale, tramite un comunicato diffuso dal presidente e portavoce Roberto Astuni che parla, al riguardo, di “importanti sviluppi”.
Il governatore del Veneto Luca Zaia ha scritto infatti al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini per caldeggiare l'azione promossa dal Comitato medesimo e abbreviare i tempi burocratici dell'iter politico e giuridico in corso.
Nel frattempo Astuni & Friends hanno interpellato diversi parlamentari del territorio vicentino che “si sono resi disponibili a collaborare con uno spirito di squadra più incisivo e producente di quanto finora ottenuto singolarmente.”
E il neo deputato bassanese Dino Secco “si è assunto a tale scopo l'incarico di invitarli a un incontro operativo dopo la pausa estiva, alla ripresa dei lavori parlamentari”.
Intanto aumentano i progetti di legge che mirano a dichiarare nuovi Monumenti Nazionali. “Con il progetto della Casa Museo Matteotti di Fratta Polesine - informa il comunicato del Comitato - abbiamo trovato anche quello del Monumento alla Resistenza della Città di Udine, quello del sito di Gibellina, quello della Pieve di Socana, quello del tracciato storico dell'Autodromo di Monza e quello dell'area del Colle del Lys.”
“Tutti fermi in Commissione - aggiunge la nota - assieme al progetto del nostro Ponte di Bassano. Perché non farne un progetto di legge unico, che comprenda tutte queste proposte di Monumento Nazionale?”
Ai posteri, ovvero ai parlamentari interpellati, l’ardua sentenza.
Infine la breaking news: il Comitato ha ottenuto l’adesione, in qualità di testimonial, di Francesca Michielin.
“Francesca - riferisce il portavoce Astuni - è molto felice di partecipare, anche attraverso i social, tanto che ne darà testimonianza diretta, comunicandolo. Questa new entry ci permetterà di raggiungere e sensibilizzare sul tema anche il suo vastissimo pubblico composto prevalentemente da giovani, generalmente poco inclini a problematiche come quelle che sta affrontando il nostro Ponte, percepite come farraginose e distanti dal loro mondo.”
La famosa cantante bassanese si aggiunge così agli altri testimonial (Miky Biasion, Carlo Cracco, Renzo Rosso e Francesca Cavallin) che già da tempo hanno aderito al sodalizio.
Il Comitato Ponte degli Alpini Monumento Nazionale aggiunge così un’importante freccia al suo arco. Con l’aggiunta in squadra della nostra Francesca nazionale, nel caso in cui i politici interpellati non mantengano le loro promesse, potrà cantargliene quattro.

Libertà è Parola

LIBERTÀ E' PAROLA - #civediamoasettembre

#LIBERIDIRACCONTARCI non è solo un titolo, ma una presa di posizione che come Libertà è Parola abbiamo voluto portare avanti, anche durante mesi...

Più visti