Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 06-06-2013 19:26
in Attualità | Visto 2.533 volte

Non fare lo STR...uzzo

Tempi duri a Romano d'Ezzelino per i proprietari di cani che non puliscono gli escrementi dei loro animali sul suolo pubblico. Il Comune lancia una “campagna contro l'incivilità”: fino a 50 euro di multa per chi sarà colto con le mani nel sacco

Non fare lo STR...uzzo

L'immagine della campagna "Non fare lo STR...uzzo" del Comune di Romano d'Ezzelino

“Non fare lo STR...uzzo, raccoglila”. Firmato: Comune di Romano d'Ezzelino.
E' lo slogan, corredato da un'immagine che parla da sola, della “campagna contro l'inciviltà” lanciata dall'Amministrazione Olivo nei confronti dei proprietari di cani “che al momento di pulire gli escrementi del proprio animale - afferma una nota del Comune - fanno un po' come gli struzzi, nascondendo metaforicamente la testa sotto la sabbia e passando oltre senza provvedere a tenere pulito il suolo pubblico”.
Da oggi, per i furbetti della cacca arriva un nuovo regolamento della Polizia Locale che nel territorio ezzelino, come avverte sempre il Comune, “sarà intransigente”: multe fino a 50 euro per chi viene colto con le mani nel sacco, ovvero senza l'apposito sacchetto in mano. Una scelta “diventata necessità” che sarà comunicata, attraverso volantini e un'apposita cartellonistica, in tutto il territorio comunale.
“Parte dal nostro Comune una massiccia campagna di volantinaggio rivolta all’inciviltà e alla mancanza di rispetto di certi proprietari di cani - spiega l’assessore all’Ecologia e al Verde pubblico, Ilario Zanon - A nessuno viene imposto di possedere un cane o più di uno, ma chi fa questa scelta la deve fare sì per la gioia, allegria e felicità che un cane può dare, ma sapendo che ci sono anche delle regole chiare da rispettare, doveri e diritti verso l’animale e doveri e diritti verso tutti i cittadini, senza parlare delle infrastrutture pubbliche e private. Il tutto per arrivare ad una tranquilla e felice convivenza.”
“Non si tratta solo dell’ignoranza e della stupidità di poche persone che non raccolgono gli escrementi dei propri cani lungo i marciapiedi e nei parchi - rincara la dose Zanon -. C’è anche chi lascia il proprio cane libero negli spazi pubblici senza museruola e senza guinzaglio. Tutti comportamenti che vanno a minare la ligia e solerte attenzione di molti altri che invece dimostrano un alto senso civico verso cittadini e luoghi pubblici.”
“Con l’approvazione del regolamento di Polizia comunale - conclude la nota dell'Amministrazione di Romano - oggi abbiamo una possibilità in più per fare rispettare con sanzioni e divieti quello che è il decoro. Perché avere un cane è un diritto di tutti. Camminare in un Comune pulito anche.”

Libertà è Parola

Libertà è Parola: “Scuola: tra passato e futuro” Intervista a Gianni Zen

Nelle emergenze, come nel quotidiano, il tema della #scuola ritorna sempre: infrastrutture, didattica, qualità e molto altro. Col nostro ospite,...

Più visti