Pubblicato il 17-10-2011 06:47
in Associazioni | Visto 2.566 volte

Vittorio Agnoletto al Caffè dei Libri

Giovedì 20 ottobre, ospite a Vicolo Gamba, Vittorio Agnoletto nel decennale del G8 di Genova presenta il suo libro sull’eclisse della democrazia

Vittorio Agnoletto al Caffè dei Libri

Vittorio Agnoletto

Ospite al Caffè dei Libri giovedì 20 ottobre è Vittorio Agnoletto. L’incontro è organizzato da Vicolo Gamba in collaborazione con l’associazione culturale Le Colline. Agnoletto, medico, docente, politico e nel luglio 2001 portavoce del Genova Social Forum, è autore con Lorenzo Guadagnucci del libro L' eclisse della democrazia. Le verità nascoste sul G8 2001 a Genova, pubblicazione che presenterà nell’occasione a Bassano.
Si tratta di un saggio sugli eventi di Genova uscito per Feltrinelli nel decennale di quel momento storico che è emblematico, secondo Agnoletto, dell’eclissi in atto nella democrazia di un Paese, e che parla dei nove anni di inchiesta che sono seguiti alle vicende, note o meno note, che hanno coinvolto anche gli organi di polizia. Il libro contiene un excursus sulle indagini e i procedimenti tuttora in corso basato su fonti documentarie e anche alcune proposte già avanzate al Capo della Polizia e ai sindacati del settore che riguardano ad esempio la revisione delle prassi di promozione e l’utilizzo di un codice di riconoscimento da parte degli agenti. E’ un tema più che mai attuale quello della manifestazione del dissenso nei confronti dell’attività di un Governo, i recenti fatti violenti di Roma, come è già successo in passato, hanno messo in ombra la legittimità delle dimostrazioni di tante persone pacifiche e determinate che si sono messe in moto per chiedere dei cambiamenti, delle azioni e delle inversioni di rotta da intraprendere da parte dello Stato civile per tutti. La distinzione tra ciò che è lecito e non lecito permettersi di fare è chiara e definita per chi si muove in questa direzione. La somma impropria con i pochi violenti, l’affastellare nel mucchio magmatico, e che quindi fa paura, bianchi e neri, buoni e cattivi, stende sempre una patina di grigio su tutti e in questo hanno una grande responsabilità le dichiarazioni pubbliche di politici approssimativi e vocianti e tanta stampa italiana. Il servizio di apertura del Tg1 domenicale delle 20 la dice lunga sul sentimento di inquietudine e di distanza dalla protesta che si vuole suscitare: dedicarlo alla statuina in ceramica della Madonna di Lourdes infranta da un demente e non al signore che ha perduto le dita per allontanare un petardo dal corteo è una scelta ben calibrata, una chiamata a raccolta per la massa informe che diceva nei sottotitoli: siate indignati dall’indignazione. L’appuntamento al Caffè dei Libri è per le ore 21, l’ingresso è libero.

LIBERTA' E' PAROLA - AVANTI CON CORAGGIO

Cari #amici di Libertà è Parola, il momento che stiamo vivendo richiede responsabilità e noi stiamo facendo la nostra parte, anche se vorremmo...

Più visti