Pubblicità

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 02-01-2018 19:56
in Cronaca | Visto 2.315 volte

Incendio in appartamento, un morto

La tragedia nel pomeriggio in largo Parolini a Bassano. 62enne muore nel rogo della sua abitazione. I due anziani genitori della vittima, rimasti feriti, tratti in salvo dai Vigili del Fuoco

Incendio in appartamento, un morto

Foto Alessandro Tich

Tragedia nel pomeriggio in largo Parolini a Bassano. A seguito di un incendio divampato nel suo appartamento, un uomo ha perso la vita: si tratta di Alessandro Romanin, 62 anni.
I due genitori ultranovantenni della vittima, Ferdinando Romanin e la moglie Maria, conviventi con il figlio, sono stati invece tratti in salvo dai vigili del Fuoco. L'allarme è scattato poco dopo le 16.20.
L'incendio, per cause ancora da accertare, è divampato nell'abitazione al terzo e ultimo piano del condominio al civico 52, dove al primo piano si trovano gli uffici della sede mandamentale della Confcommercio. Le tre squadre di Vigili del Fuoco accorse dal distaccamento di Bassano e da Vicenza sono entrate all'interno dell'appartamento in fiamme soccorrendo prima l'anziano padre che si era rifugiato su un poggiolo e successivamente portando in salvo con l’autoscala la moglie, che si era chiusa in una stanza. Nell’ispezione dei locali gli operatori rinvenivano il figlio della coppia, che veniva subito portato fuori e soccorso. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale del Suem 118, Alessandro Romanin è stato dichiarato morto. I due anziani coniugi sono stati trasportati in ospedale in codice di gravità rosso, ma sarebbero comunque fuori pericolo.
Attorno le 18.30 le squadre hanno ultimato le operazioni di completo spegnimento e messa in sicurezza dell’appartamento. Intervenuti sul posto i Carabinieri di Bassano del Grappa e il personale della Polizia Giudiziaria dei Vigili del Fuoco, per i rilievi di rito e per accertare le cause del rogo.
“Poco prima delle 16.30 stavamo rientrando a casa - racconta il prof. Orazio Parisotto, che abita nello stesso piano della famiglia Romanin -. Abbiamo notato del fumo che usciva dalla porta dell'appartamento incendiato, abbiamo suonato il campanello, gridato se qualcuno aveva bisogno di aiuto, ma inutilmente. Sono stati allertati i pompieri e nel frattempo tutti noi condòmini siamo scesi in strada, c'era il pericolo che potesse scoppiare qualcosa.” “La persona che abita sotto l'appartamento dei Romanin - afferma ancora il vicino di casa - ha riferito che poco prima dell'incendio ha sentito un forte colpo, come il botto di qualcosa che era caduta per terra.”
Poco prima delle 19 i condòmini del civico 53 sono potuti ritornare alle loro abitazioni, che non hanno subito danni rilevanti e non sono pertanto inagibili.
Alla stessa ora il feretro con il corpo della vittima è stato accompagnato all'obitorio per gli eventuali ulteriori accertamenti. Alessandro Romanin potrebbe aver perso la vita a seguito di asfissia per il fumo sprigionatosi nella casa, ma a confermarlo potrà essere solo l'autopsia, se sarà disposta dal magistrato di turno.

Pubblicità

Più visti