Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 29-04-2016 13:33
in Cronaca | Visto 1.769 volte

Operazione recupero

Tre escursionisti trevigiani restano bloccati in serata in fondo a una valle a Cismon del Grappa. Individuati grazie al Gps, sono stati recuperati nella notte dal Soccorso Alpino della Pedemontana del Grappa

L’allarme del 118 al Soccorso Alpino della Pedemontana del Grappa è scattato ieri sera alle 20.40. Tre persone erano rimaste bloccate in fondo ad una valle in territorio di Cismon del Grappa.
I tre escursionisti, tutti della provincia di Treviso (R.T. 48 anni, di Valdobbiadene; G.F., 48 anni, di San Biagio di Callalta e P.P., 51 anni, di Nervesa della Battaglia), erano partiti dai prati della Magnola per scendere verso Cismon, ma anziché seguire il sentiero numero 29, avevano iniziato a percorrere la Val Nassa con corda e imbraghi.
Dopo aver superato alcuni piccoli tratti di parete verticale affiancando il corso d'acqua nella gola, erano però arrivati sopra un salto di roccia di un centinaio di metri e lì si erano bloccati, non potendo proseguire né risalire.
Grazie all'applicazione in dotazione al Soccorso alpino, inviando un messaggio al loro smartphone con un apposito link, e trovandosi in un luogo coperto da telefonia mobile, è stato possibile risalire alle precise coordinate Gps del punto in cui si trovavano.
Otto soccorritori (compresi due infermieri), divisi in due squadre partite una da monte, l'altra da valle, si sono incamminati nella direzione indicata e li hanno raggiunti. Un tecnico si è calato da loro e ha attrezzato gli ancoraggi necessari per le manovre di recupero. Quindi i tre uomini, che erano incolumi, sono stati sollevati uno alla volta per contrappeso per circa 40 metri. Una volta ritornati sul sentiero, dopo aver raggiunto i mezzi dei soccorritori sono stati riaccompagnati alla loro auto. L'intervento si è concluso alle 3.30.

Libertà è Parola

LIBERTÀ E' PAROLA - #civediamoasettembre

#LIBERIDIRACCONTARCI non è solo un titolo, ma una presa di posizione che come Libertà è Parola abbiamo voluto portare avanti, anche durante mesi...

Più visti