Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 11-10-2013 22:08
in Politica | Visto 1.972 volte
 

La calata dei “cittadini”

15 parlamentari del MoVimento 5 Stelle saranno domani a Solagna e in piazza a Bassano per incontrare la cittadinanza. Per parlare di Nuova Valsugana e di project financing e spiegare le cose fatte dal M5S in parlamento

La calata dei “cittadini”

Federico D'incà, cittadino portavoce del M5S alla Camera, uno dei 15 parlamentari a 5 stelle attesi a Solagna e a Bassano

Quindici in un colpo solo. Una corposa delegazione di parlamentari del MoVimento 5 Stelle - tutti, tranne uno, eletti nel Veneto - saranno domani, sabato 12 ottobre, a Solagna e a Bassano del Grappa “per parlare direttamente con la gente, per condividere la loro esperienza a Roma, ma soprattutto per raccogliere impressioni, dubbi o richieste”. E' quanto annuncia una nota di presentazione del Movimento 5 Stelle Veneto a nome del M5S Area Pedemontana Veneta (A.P.V.), il coordinamento dei meetup della nostra zona che ha promosso l'intensa giornata di confronto sul territorio.
Sarà l'occasione - anche per chi non aderisce al M5S o non ha votato il simbolo a 5 stelle alle ultime elezioni - per conoscere da vicino i “cittadini eletti” del MoVimento: “persone comuni - afferma ancora il comunicato - che non hanno mai rivestito alcun incarico politico e che per la prima volta si sono ritrovati ad occuparsi della cosa pubblica, dimostrando grande bravura, oltre che dedizione e senso del dovere.”
Oggi quegli “sconosciuti e quasi tutti dilettanti della politica”, proiettati a Roma dagli “elettori che hanno votato per il cambiamento, nella speranza di riuscire a voltare pagina” rivestono ruoli di responsabilità nelle varie Commissioni di Camera e Senato: sarà quindi anche l'opportunità di verificare se hanno studiato e imparato bene la lezione.
Di età media giovane (tra i 28 e i 46 anni), con storie personali molto diverse e quasi tutti con istruzione universitaria, i 15 parlamentari a 5 Stelle interverranno a un primo appuntamento organizzato in mattinata al cinema teatro Valbrenta a Solagna, con inizio alle 9.30.
L'incontro nel Comune della Vallata, organizzato dal locale meetup, sarà focalizzato sulla questione della Nuova Valsugana e del traforo del Grappa previsto dal progetto dell'infrastruttura. Nel corso dell'appuntamento, gli attivisti locali Daniele Nervo e Alessandro Bellò e Bruno Smaniotto del Gruppo spontaneo Solagna presenteranno una relazione tecnica sul “Nuovo Progetto Valsugana”.
Nell'occasione saranno anche affrontate le problematiche correlate al sistema del project financing e, più in generale, i temi della gestione del territorio nella nostra regione, a fronte anche della presentazione da parte del MoVimento di ottomila osservazioni al PTRC del Veneto “che prevede ulteriori inutili cementificazioni”.
Nel pomeriggio, a partire dalle 17.30, in piazza Libertà a Bassano, i “cittadini eletti” del M5S incontreranno direttamente la popolazione per far sapere “tutto quello che il MoVimento 5 Stelle ha fatto in questi mesi in parlamento e i media non hanno detto”.
“Il confronto con i cittadini - informa ancora la nota stampa di presentazione - è uno dei principi del MoVimento 5 Stelle, come garanzia di una democrazia davvero condivisa e partecipata, in cui i parlamentari rispondono direttamente ai loro elettori, nel rispetto del mandato ricevuto. Per questo il 12 ottobre sarà una giornata all’insegna della condivisione e della partecipazione, in cui tutti avranno la possibilità di interagire direttamente con i nostri rappresentanti in Parlamento, riducendo così le distanze che separano i cittadini dalla politica.”
All’iniziativa di domani aderiscono tutti i gruppi 5 Stelle della Pedemontana: Bassano del Grappa, Solagna, Rosà, Tezze sul Brenta, Marostica, Borso del Grappa, Rossano V.to, Pove Del Grappa, Cartigliano, Sandrigo e Crespano del Grappa.
La giornata a 5 Stelle farà anche da cartina di tornasole sui temi di più stretta attualità: non ultimo l'intervento di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio che sul blog di Grillo si sono dissociati dall'emendamento proposto da due senatori M5S per l'abolizione del reato di immigrazione clandestina, poi passato al Senato, definito dai due leader “una posizione del tutto personale” che “non è stata discussa in assemblea con gli altri senatori del M5S, non faceva parte del Programma votato da otto milioni e mezzo di elettori, non è mai stata sottoposta ad alcuna verifica formale all’interno.”
Non manca insomma la carne al fuoco in questo che si presenta come un inedito faccia a faccia tra “cittadini eletti” e “cittadini elettori”.

Questi i nomi e gli incarichi dei parlamentari che interverranno al doppio incontro di Solagna e Bassano:

Arianna Spessotto, 28 anni, laurea in Economia e Gestione Aziendale, è nella Commissione Politiche dell’Unione Europea della Camera.
Marco Brugnerotto, 36 anni, fa parte della Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera.
Francesca Businarolo, 30 anni, laureata in legge, è segretario della Commissione Giustizia e del Comitato per la legislazione della Camera.
Silvia Benedetti, 34 anni, laureata in Scienze Biologiche, è segretario della Commissione Agricoltura della Camera.
Enrico Cappelletti, 45 anni, laureato in Scienze Politiche, imprenditore, è nella Commissione Giustizia e nella Commissione per il Federalismo fiscale del Senato.
Emanuele Cozzolino, 32 anni, laurea in Ingegneria, è segretario della Commissione Affari Costituzionali della Camera.
Marco Da Villa, 38 anni, laureato in Economia e Gestione Aziendale, è nella Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo e nella Commissione Parlamentare per la Semplificazione della Camera.
Gessica Rostellato, 30 anni, ragioniera, è nella Commissione Lavoro della Camera.
Mattia Fantinati, 37 anni, laurea in Ingegneria, è nella Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo della Camera.
Federico D’Incà, 37 anni, laurea in Economia, portavoce e vice capogruppo M5S alla Camera, è nella Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione e nella Commissione per il Federalismo fiscale della Camera.
Giovanni Endrizzi, 51 anni, educatore professionale, è nella Commissione Affari Costituzionali del Senato.
Gianni Girotto, 45 anni, laurea in Legge, è nella Commissione Industria, Commercio e Turismo e nella Commissione per la Vigilanza dei servizi radiotelevisivi del Senato.
Tancredi Turco, 38 anni, laurea in Legge, è nella Commissione Giustizia, nel Comitato di Legislazione, nel Comitato per i procedimenti d’accusa e nel Consiglio di Giurisdizione della Camera.
Alberto Airola, 43 anni, laurea in Lettere Moderne, è nella Commissione Giustizia e nella Commissione per la Vigilanza dei servizi radiotelevisivi del Senato.
Maria Mussini, 46 anni, laurea in Lettere Classiche, è nella Commissione per la Biblioteca e Archivio di Stato e nella Commissione Affari Esteri del Senato.
Pubblicato da maelstrom il 12 ott 2013 09:18 | Segnala abuso
Non l' ho mai nascosto, io ho votato M5S e probabilmente rifarei la stessa scelta. L' avverbio "probabilmente" è d' obbligo, visto come si è evolta la situazione. Resto comunque convinto che i princìpi che stanno alla base del MoVimento siano validi ed attuabili. Unico caso nella storia d' Italia, ma sarò felice di essere smentito, di un gruppo di parlamentari che va ad incontrare la gente,comune, In 15 sono qui per metterci la faccia. Propaganda elettorale? Semplice ricerca di consenso forse perdutosi un po' per strada? Non lo so e non mi interessa. E' un evento straordinario. Dopo anni di politica virtuale sputata addosso al popolo bue da tv compiacenti nel fare il gioco del padrone di turno, arrivano quelli che ci mettono la faccia. E questo và riconosciuto loro come atto di serietà. Certo, si possono non approvare i metodi di Grillo o certe loro prese di posizione, ciò non toglie che il gesto sia lodevole ed anche i più accaniti detrattori dovrebbero ammetterlo.
Pubblicato da maelstrom il 12 ott 2013 09:19 | Segnala abuso
oops! "evoluta", non "evolta"
Pubblicato da rogas il 12 ott 2013 10:52 | Segnala abuso
Penso che la politica, da qualunque cittadino praticata, sia vitale per la NOSTRA LIBERA DEMOCRAZIA COSTITUZIONALE. Nel concreto due questioni "locali" gia' con soluzioni proposte/progetti redatti, che attendono tangibili operative risposte. -Ripristino del tribunale di Bassano come Tribunale interprovinciale della Pedemontana Veneta. salviamoiltribunaledibassano.wordpress.com/tribunale-della-pedemontana-veneta/ -Variante alla Ss 47, forse piu' conosciuta come circonvallazione di San Zeno-San Giuseppe, che in pratica congiungerebbe la zona est di Bassano con le rotatorie gia' predisposte comunemente dette "Fiat" e "Grifone". Presumibile un notevole "scarico" di traffico di prossimita', e non, ora appesantente i centri abitati, particolarmente viale Venezia, via Ca’ Baroncello, il centro di San Zeno, il centro di San Giuseppe, via Gaidon ed altra "inadatta" viabilita' secondaria. Del progetto ad aprile scorso cosi' ne riferiva il GdV. www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Bassano/503881_bretella_di_s_giuseppe_progetto_bloccato_lanas_non_ha_i_soldi/ La mappa? img528.imageshack.us/img528/8849/passanteestsudbassano.jpg
Pubblicato da donchisciotte il 12 ott 2013 16:23 | Segnala abuso
Rogas, la bretella che il sindaco di Cassola trionfalmente dava per scontata, dal Grifone al Tosano, più che essere una circonvallazione è una strada di congiunzione per centri commerciali. Da notare che in 2 km ci sono 7 rotatorie.
Pubblicato da donchisciotte il 12 ott 2013 18:18 | Segnala abuso
Domanda: ma 15 parlamentari laureati tutti insieme sono rappresentativi della realtà 5 stelle o c'è un po' di marketing in mezzo?

Più visti