B.

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Attualità

La protesta del cuore

Animata conferenza stampa di bilancio della mobilitazione dei commercianti in centro storico. Il presidente Chenet: “La categoria ama infinitamente la propria città, e oggi lo abbiamo dimostrato”

Pubblicato il 21-03-2013
Visto 3.392 volte

B.

“Ho messo la mia testa sul vassoio, e rischiavo di lasciarcela”.
La frase storica di Luca Maria Chenet, presidente di Confcommercio Bassano, fa scattare l'applauso di tutti i presenti.
Il presidente di categoria è un fiume in piena mentre interviene alla conferenza stampa on the road convocata alle 11.30 al presidio di via Verci, per tracciare il bilancio della mobilitazione che ha portato alla chiusura del 90% degli esercizi pubblici e commerciali del centro storico, in concomitanza col mercato settimanale del giovedì.

Applausi alla conferenza stampa in via Verci (foto Alessandro Tich)

Più che una conferenza stampa, in realtà, si tratta di un'assemblea spontanea dei partecipanti alla manifestazione: tutti assiepati, e particolarmente carichi per il buon esito dell'iniziativa, nel giro di pochi metri quadrati.
Chenet ha buone ragioni per essere il più carico di tutti: l'operazione “Cuore della Città” è stata infatti una scommessa, sposata in toto dai vertici della Confcommercio cittadina, che sulla carta poteva anche tradursi in un clamoroso flop. Così però non è stato: e il pressante lavoro ai fianchi messo in moto nei giorni scorsi dai promotori della manifestazione nei confronti dei colleghi più indecisi ha generato alla fine un'adesione quasi totale.
“Chi ha aderito - incalza il presidente - ha capito che l'unione è molto più della somma. Siamo un gruppo forte e compatto. La categoria ama infinitamente la propria città, e oggi lo abbiamo dimostrato.”
Le affermazioni di Chenet sono sottolineate da un continuo susseguirsi di applausi, soprattutto quando elenca alcuni dei problemi che riguardano il centro storico: “Mancano bagni pubblici, che vengono sostituiti dai bagni dei nostri bar. Ogni sciacquone sono 6/8 litri d'acqua, e si riversa sulle tariffe dell'acqua pagate dai baristi. Siamo una città turistica, e non c'è un cartello che indichi dov'è il Ponte di Bassano. Stiamo dialogando col Comune per promuovere un tavolo di confronto tra domanda e offerta per calmierare gli affitti. Si sono 138 negozi chiusi, di cui 24 solo quest'anno: vogliamo utilizzare le vetrine vuote come vetrine per le aziende dell'area locale, che sono le nostre eccellenze. Con l'Amministrazione vorremmo realizzare un marketing mix per la città. E diciamo “sì” alla sosta mordi-e-fuggi gratuita per 20 minuti. La città per essere governata deve essere vissuta, e non frequentata.”
E' ormai standing ovation, e un sempre più scatenato Chenet - rispetto alle scelte del Comune in materia di accesso al centro storico - si lancia verso i massimi sistemi: “L'Amministrazione dice: facciamo questo perché lo abbiamo detto nel programma elettorale. Ma la Chiesa, con le dimissioni di Papa Ratzinger, ci ha dimostrato che è possibile cambiare la tradizione di 700 anni. I tempi cambiano, tornare sui propri passi è un gesto di intelligenza.”
Spunta alla fine anche la parola tabù: ZTL. “Per la ZTL poniamo tre condizioni: dalle ore 21 e non dalle 19; l'allestimento dei display luminosi nei varchi di accesso e la lotta alla sosta selvaggia. I vigili urbani dopo le 21 escono a multare chi fa sosta selvaggia.”
Particolarmente entusiasta è anche la vicepresidente Teresa Cadore, che prima di rileggere il comunicato stampa che ricorda i motivi della mobilitazione chiede “un applauso ai bar che hanno aderito”. Applauso che, pochi secondi dopo, si estende a tutti i negozi partecipanti alla protesta, indistintamente.
Non mancano, in mezzo alla piccola folla, anche i politici: spuntano Mara Bizzotto e Luciano Todaro della Lega, l'ex sindaco Gianpaolo Bizzotto e il capogruppo Stefano Monegato del Pdl. C'è anche Serena Dalla Valle, attivissima capo-segreteria dell'assessore regionale Elena Donazzan.
Ma, per una volta tanto, i politici fanno da contorno. Il piatto forte della giornata è l'unità d'intenti dei commercianti in prima linea, accorsi al capezzale del centro storico per cercare di rianimarne il cuore. Non potranno farlo da soli e sarà necessario riaprire il dialogo con l'Amministrazione comunale: sempre che il Palazzo non decida a sua volta di chiudere la saracinesca.

Più visti

1

Politica

15-05-2022

Essere o non essere

Visto 10.709 volte

2

Politica

15-05-2022

“Doc” Paolo

Visto 10.698 volte

3

Politica

15-05-2022

Sogno di una notte di Mezzalira

Visto 10.407 volte

4

Politica

15-05-2022

La profezia di Moro

Visto 10.205 volte

5

Politica

15-05-2022

Ancora Tu

Visto 9.605 volte

6

Attualità

16-05-2022

Da Platoon al Cartoon

Visto 8.644 volte

7

Attualità

17-05-2022

Tour de l’Avenir

Visto 8.308 volte

8

Politica

16-05-2022

Il nome della Rosa

Visto 7.994 volte

9

Politica

17-05-2022

La guerra dei Roses

Visto 7.680 volte

10

Attualità

18-05-2022

La Corazzata Manfrotto

Visto 7.335 volte

1

Politica

13-05-2022

Area qua

Visto 12.603 volte

2

Attualità

10-05-2022

Maria che Biosfera

Visto 11.808 volte

3

Cronaca

11-05-2022

Il fumo fa male

Visto 11.649 volte

4

Attualità

11-05-2022

Salute!

Visto 11.432 volte

5

Politica

15-05-2022

Essere o non essere

Visto 10.709 volte

6

Politica

15-05-2022

“Doc” Paolo

Visto 10.698 volte

7

Attualità

11-05-2022

Tanta Rob

Visto 10.639 volte

8

Attualità

12-05-2022

Caesars Palace

Visto 10.558 volte

9

Attualità

09-05-2022

La Cosa

Visto 10.495 volte

10

Attualità

12-05-2022

Cosa dolce Cosa

Visto 10.441 volte