Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 04-01-2019 20:03
in Politica | Visto 916 volte
 

Ragione e pentimento

Dopo la buriana per i post sulla Moretti, la civica Impegno per Bassano conferma la fiducia nel proprio consigliere Stefano Monegato. Il diretto interessato porge le sue scuse: “Riconosco di aver commesso un errore serio”

Ragione e pentimento

Il consigliere comunale di Impegno per Bassano Stefano Monegato

Sono passati già alcuni giorni, ma il “caso Monegate” tiene ancora banco.
Come ormai ben tutti sanno, il consigliere comunale bassanese di centrodestra Stefano Monegato è finito al centro di una clamorosa polemica dopo aver pubblicato, in una discussione nel gruppo Facebook Bassano Senza Censura, alcuni post con frasi spiacevoli e allusive nei confronti della consigliera regionale del Partito Democratico Alessandra Moretti. Lo scorso 30 dicembre, tramite un comunicato diffuso alle redazioni, il segretario cittadino del PD Luigi Tasca aveva chiesto formalmente le dimissioni di Monegato dal consiglio comunale. Il giorno di San Silvestro la dose è stata rincarata dal gruppo di tutte le donne del PD presenti in giunta e in consiglio comunale a Bassano (Mariella Merlo, Alice Bussolaro, Paola Bertoncello, Erica Bertoncello, Cristina Busnelli, Valeria Dal Molin, Sara Farronato e Maria Stefania Bizzotto) che in una nota congiunta hanno espresso solidarietà “alla collega e amica Moretti” e hanno condannato il “linguaggio sessista” del consigliere di opposizione affermando che “chi offende le donne non è degno di rappresentare i cittadini”. Lo stesso giorno si è aggiunto un comunicato della consigliera comunale della lista civica Bassano per Tutti Teresa Santini, nel quale è stata espressa “solidarietà a tutte le donne” con un invito a “vergognarsi” rivolto non solo al consigliere di minoranza, ma anche a uno degli amministratori di Bassano Senza Censura un cui post oltremodo “esplicito” nei confronti della Moretti ha stimolato gli altri commenti di Stefano Monegato. Il consigliere comunale di Impegno per Bassano ha quindi riferito alla stampa locale di aver trasmesso sui canali social le proprie scuse ad Alessandra Moretti.
Oggi sulla animata questione interviene ufficialmente anche la lista civica Impegno per Bassano, con un comunicato stampa trasmesso in redazione che riportiamo integralmente a seguire:

COMUNICATO

Allo scopo di evitare ulteriori strumentalizzazioni e fraintendimenti, rispondiamo ora, dopo un sincero confronto interno assieme al consigliere Stefano Monegato.
Convinti che quanto accaduto, certamente serio e già stigmatizzato, debba essere considerato un episodio isolato, il gruppo di Impegno per Bassano conferma la fiducia nei confronti del Consigliere Stefano Monegato, che da molti anni, con vero spirito di servizio, lavora seriamente e con impegno nell’interesse dei cittadini di Bassano.
Pubblichiamo di seguito il comunicato del diretto interessato.

“In relazione alle parole usate di recente dal sottoscritto in un social network e che hanno destato molta attenzione, sono a riconoscere di aver commesso un errore serio poiché, per il tenore e il contesto, oltre le mie intenzioni, ha generato significati offensivi. Per tali ragioni sono a porgere formali e pubbliche scuse alla consigliera regionale Alessandra Moretti e a qualsiasi altra persona possa essersi ritenuta offesa. Allo stesso tempo colgo l’occasione per scusarmi anche con l’intero Consiglio Comunale di Bassano del Grappa. Rammaricandomi per gli insulti e le minacce ricevute, ringrazio quanti hanno ritenuto di portare solidarietà al sottoscritto. Altresì chiedo a tutti di porre fine alle strumentalizzazioni contro la lista civica Impegno per Bassano, di cui faccio parte, che mio malgrado ho posto in imbarazzo, avendo la stessa correttamente agito sulla base dei regolamenti interni e della Carta dei Valori, che tutti noi associati abbiamo condiviso e ci siamo impegnati a rispettare. Sinceramente.” 

Stefano Monegato - Impegno per Bassano

Editoriali

La tromba del giudizio

La tromba del giudizio

Alessandro Tich | 16 giorni fa

Il "Tich" nervoso Dalla vicenda Monegato, e in prospettiva elezioni amministrative a Bassano, considerazioni a ruota libera sull'uso politico dei social