Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 05-04-2012 20:05
in Attualità | Visto 3.222 volte

Cassola: “Urge un incontro pubblico sulla Valsugana”

La Sezione di Cassola della Lega Nord sollecita il sindaco Pasinato a promuovere un incontro pubblico sulla questione Valsugana. “Spiacerebbe trovarsi con un comune spaccato in due e un sindaco che si trincera dietro a un 'non sapevo nulla'”

Cassola: “Urge un incontro pubblico sulla Valsugana”

Nuova Valsugana. La Lega Nord di Cassola: "Sono questi i momenti in cui il sindaco dovrebbe dare seguito alle sue promesse elettorali"

La Sezione della Lega Nord di Cassola sollecita l'Amministrazione comunale, e in particolare il sindaco Silvia Pasinato, a promuovere un incontro pubblico con l'assessore regionale alla Viabilità Renato Chisso e l'amministratore di Veneto Strade Silvano Vernizzi in merito al progetto della Nuova Valsugana che interessa, come noto, anche il territorio cassolese.
In un comunicato trasmesso in redazione, la Lega di Cassola informa di aver protocollato in Comune una richiesta in tal senso ancora lo scorso 1 marzo.
Richiesta che - sostengono gli esponenti del Carroccio - “non ha goduto della minima considerazione da parte del sindaco”.
Riportiamo di seguito integralmente il testo del comunicato stampa:

COMUNICATO

LA VALSUGANA SPACCA IN DUE CASSOLA. AD INSAPUTA DEL SINDACO

In data 1 marzo 2012, come Sezione Lega Nord di Cassola, abbiamo protocollato in Comune una richiesta indirizzata al Sig. Sindaco, invitandola ad organizzare un incontro pubblico con l’assessore regionale alla viabilità Renato Chisso e l’Ad di Veneto Strade Silvano Vernizzi in merito alla questione Valsugana.
Come già fatto presente nella citata richiesta, dalle tavole protocollate il 21/12/2011 sul sito comunale, emerge come la Valsugana andrà ad incidere non poco sul territorio comunale. A seguito di alcuni incontri pubblici organizzati da altri comuni (Romano d’Ezzelino e altri comuni della Valbrenta) e ottenuto un preventivo assenso da parte di Chisso e Vernizzi a venire a spiegare ai cittadini di Cassola l’impatto dell’opera sul territorio, abbiamo ritenuto opportuno sollecitare l’amministrazione in tal senso.
Ad oggi, tuttavia, ci spiace constatare come la nostra richiesta non abbia goduto della minima considerazione da parte del Sindaco Silvia Pasinato, nonostante la profonda incidenza dell’arteria sulla vita dei nostri concittadini.
Ci rammarichiamo, infatti, di dover utilizzare i mezzi stampa per farci sentire, ma ancora una volta siamo costretti ad affidare ai media una richiesta che dovrebbe invece rappresentare per questa amministrazione una priorità. Ricordiamo, infatti, che il tempo passa e che l’iter va avanti. Mesi fa la Pasinato si era fatta paladina della questione Valsugana, salvo cadere in palese contraddizione nel momento in cui si tratta di passare dalle parole ai fatti.
Purtroppo, come sempre accade a Cassola da svariati decenni, tutto ciò che proviene dall’opposizione e si muove nel senso della trasparenza e della chiarezza non è gradito alla famiglia Pasinato, che pensa di poter spadroneggiare. Per una volta tanto auspichiamo tuttavia che quanto prima l’amministrazione si decida a dar seguito alla nostra richiesta, garantendo il principio della trasparenza nell’azione amministrativa.
Spiacerebbe trovarsi con un comune spaccato in due e con un sindaco che si trincera dietro ad un “non sapevo nulla”. Riteniamo pertanto doveroso, in prima battuta, informare la popolazione in merito al progetto e, qualora vi siano delle problematiche, rappresentarle a Chisso e Vernizzi, i quali hanno manifestato uno spirito collaborativo.
Sono questi i momenti e le azioni con cui il sindaco dovrebbe dare seguito alle sue promesse elettorali, senza riempire pagine di giornali con proclami al solo ed unico fine di riconquistare un consenso che vacilla ogni giorno di più, complice, per l’appunto, una politica che la trasparenza non sa nemmeno dove stia di casa.

LEGA NORD SEZIONE DI CASSOLA

Bassanonet TV

Libertà è Parola

Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

Più visti