Canova
Canova

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Associazioni

In viaggio nella Storia

Conferenza sulla storia d’Italia e la nascita del primo Tricolore alla libreria Palazzo Roberti. L’iniziativa è stata proposta dal Fai di Bassano

Pubblicato il 03-04-2011
Visto 2.385 volte

Canova

Presentata alla libreria Palazzo Roberti dalla delegazione Fai di Bassano, presieduta da Maria Rosa Zanotto, la conferenza dal titolo “Alle radici del Risorgimento italiano: la nascita del primo Tricolore”. Ospite d’onore dell’appuntamento bassanese il professor Gino Badini, storico, giornalista e docente che ha insegnato presso le Università di Parma, l’Ateneo di Firenze e nelle Scuole di Archivistica, Paleografia e Diplomatica di Parma e Mantova. Badini ha ricoperto e ricopre ruoli di prestigio nell’ambito di enti storici locali e nazionali, è stato anche dirigente dell’Archivio di Stato di Reggio Emilia e vice-presidente dell’Istituto dei beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia Romagna. Come scrittore è autore di numerose monografie storiche e di un manuale di Archivistica ecclesiastica, ed è fondatore e direttore della rivista trimestrale “Reggio Storia”, un periodico che diffonde la cultura storica e valorizza il patrimonio documentario in ambito locale. La conferenza rientrava tra le occasioni di celebrazione del 150° anniversario dell'Unità d’Italia, in raccordo con quelle reggiane www.reggioemilia150.it , e il racconto della storia del Tricolore italiano è stato giustamente affidato a un relatore autorevole che ne ha ricordato le origini e la storia in fieri dal suo Natale nel 7 gennaio 1797. Enti e istituzioni museali come quelli rappresentati da Badini erano stati individuati come i destinatari dei tagli più drastici della Finanziaria prima della recente boccata d’ossigeno all’idrocarburo destinata alla cultura. Nel corso della conferenza lo studioso ha posto attenzione anche alla storia risorgimentale locale, ha rammentato la lapide presente sulla facciata di Palazzo Roberti, e ha ricordato l’intreccio degli albori dei moti rivoluzionari rinascimentali con la storia francese e con Napoleone. Anche ricordare che il 2011 ricorre il centenario dell’occupazione italiana in Libia potrebbe servire a dare una visione più alata dei fatti che coinvolgono il nostro Paese. La Storia segue corsi e ricorsi. I commenti ai fatti dell’attualità con il solo bagaglio a mano di una 24ore fanno fare poca strada.

opera esposta all'Art First 2011 di Bologna (foto L.Vicenzi)

Più visti

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.166 volte

2

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.236 volte

3

Attualità

24-11-2022

Born To Be Wild

Visto 6.402 volte

4

Attualità

23-11-2022

Pantani in pista

Visto 6.384 volte

5

Musica

24-11-2022

Flaviada con Paolo Conte

Visto 3.367 volte

6

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 2.812 volte

7

Politica

28-11-2022

Grande Fratello Vip

Visto 1.081 volte

8

Lavoro

21-11-2022

E i salari?

Visto 211 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.166 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.395 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.129 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.565 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.535 volte

6

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.431 volte

7

Attualità

29-10-2022

O mia cara finestra

Visto 7.396 volte

8

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.361 volte

9

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.290 volte

10

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.236 volte