Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 25-08-2014 17:52
in Attualità | Visto 2.363 volte

Il sindaco pedemontano

Poletto incaricato dalla Conferenza dei Sindaci di “interfacciarsi direttamente” con Castelfranco e Cittadella per l'adesione al progetto del Tribunale della Pedemontana. Castelfranco dà l'Ok, per Cittadella “la risposta è questione di ore”

Il sindaco pedemontano

Il sindaco Poletto: "Il territorio ha dimostrato una coesione assoluta sul Tribunale dell'Area Pedemontana Veneta" (foto: archivio Bassanonet)

Riposto nel cassetto - pardon, nel ripostiglio - il catino utilizzato per la sua performance del weekend nella filiera gelata dell'Ice Bucket Challenge, per il sindaco di Bassano Riccardo Poletto è giunto il momento di archiviare il ghiaccio e riprendere in mano i temi caldi della città.
E alquanto calda - anzi bollente - è la questione del Tribunale, mancando ormai poco più di due settimane al termine massimo del 13 settembre, data oltre la quale il governo non potrà più decidere in merito ai correttivi alla legge di riforma della geografia giudiziaria.
Sull'argomento Poletto esprime “viva soddisfazione” per la presa di posizione dei tre colleghi sindaci di Vicenza, Padova e Treviso che hanno trasmesso una lettera al premier Renzi e al ministro della Giustizia Orlando chiedendo l'istituzione a Bassano del Tribunale dell'Area Pedemontana Veneta e informa di avere ricevuto mandato dalla Conferenza dei Sindaci di interfacciarsi direttamente con Castelfranco Veneto - che ha già detto “sì” - e con Cittadella per chiedere di aderire al progetto del Tribunale pedemontano.
Ne dà notizia lo stesso sindaco di Bassano, con un comunicato stampa trasmesso in redazione che pubblichiamo di seguito:

COMUNICATO

Tribunale di Bassano del Grappa: il territorio serra le fila in vista della scadenza (13 settembre) delle legge delega in materia di riordino della geografia della giustizia

Il sindaco Riccardo Poletto ha salutato, con viva soddisfazione, la decisa presa di posizione dei tre sindaci di Vicenza, Padova e Treviso che chiedono al Governo l’istituzione, a Bassano del Grappa, del Tribunale dell’Area Pedemontana Veneta: “Sono veramente orgoglioso dell’ennesimo segnale che il territorio regionale ha voluto inviare al Governo perché il presidio efficiente e produttivo di Bassano possa non solo essere salvato, ma diventare punto di riferimento per l’intera area “allargata” che abbiamo previsto. Nel ricordare anche la recente e pressante lettera del presidente Zaia al ministro Orlando, non posso pensare che tutto ciò rimanga lettera morta.”
La proposta presentata dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati del bassanese implementa i tradizionali confini riferiti al Tribunale di Bassano allargandone l’area verso la provincia di Treviso (territorio di Asolo e Castelfranco Veneto), quella di Padova (territorio di Cittadella) e integrando l’area vicentina con il territorio di Breganze e Thiene per un bacino potenziale di oltre 500 mila abitanti.
In questo articolato gioco di squadra si inserisce anche la Conferenza dei Sindaci che, nell’ultimo incontro, ha approvato l’ordine del giorno proposto dal presidente Riccardo Poletto per l’istituzione del Tribunale dell’Area Pedemontana Veneta dando mandato, allo stesso presidente, di interfacciarsi direttamente con Castelfranco Veneto e Cittadella: il Comune trevigiano ha già formalizzato l’adesione al progetto, mentre per la risposta di quello padovano è questione di ore.
“Il tempo a disposizione è ormai agli sgoccioli - continua Poletto - il prossimo Consiglio dei Ministri del 29 agosto sarà veramente decisivo in tal senso; il nostro territorio, a tutti i livelli, ha dimostrato una coesione assoluta sul Tribunale dell’Area Pedemontana Veneta, una proposta intelligente, innovativa e di concreta efficienza: credo non si possa non comprendere che ne va di tutta la giustizia del Veneto.”

LIBERTA' E' PAROLA - AVANTI CON CORAGGIO

Cari #amici di Libertà è Parola, il momento che stiamo vivendo richiede responsabilità e noi stiamo facendo la nostra parte, anche se vorremmo...

Più visti