Canova
Canova

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Mostre

L'arte della fragilità

Rimarrà aperta e visitabile fino al 25 settembre, a Nove, la mostra collettiva di manufatti artistici: “Fragilità, il tuo nome è donna”

Pubblicato il 16-09-2016
Visto 1.665 volte

Canova

Prosegue anche in questo fine settimana il fitto programma di eventi organizzato per la XIX Festa della Ceramica di Nove, che ha vissuto il suo culmine sabato e domenica scorsi con la felice e partecipata riedizione della manifestazione “Portoni Aperti 2016”.
Sabato 17 settembre, alle ore 18, nella Sala Polivalente “Pio X”, in Piazza De Fabris, ci sarà la presentazione delle opere di scultura dell’artista novese Luigi Carletto e di un nuovo catalogo monografico che racconta la sua arte. L’appuntamento sarà allietato da musiche e letture.
In Sala De Fabris e al Museo Civico della Ceramica, rimarrà inoltre aperta e visitabile fino al 25 settembre la mostra “Fragilità, il tuo nome è donna”, curata da Anna Rita Fasano ed Elena Agosti e dedicata alla creatività artigiana al femminile. Il percorso espositivo – il cui titolo cita l’Amleto di Shakespeare – racconta un ricco universo artistico femminile attraverso oltre sessanta opere provenienti da cinque stati europei. Rappresentata nei manufatti, una raccolta di storie che, dal vissuto di ciascuna donna e dal patrimonio territoriale, vuole far conoscere quel mondo femminile che protegge, tutela e sostiene la ricchezza e la tradizione della propria terra, esprimendo nel contempo nell’arte, nella cultura e nell’artigianato, valori, progetti, personalità e percorsi legati alla contemporaneità.

dalla mostra "Fragilità, il tuo nome è donna", a Nove

In esclusiva per il Museo Civico della Ceramica, è stata inoltre realizzata un’opera collettiva, frutto dell’unione di tante tessere realizzate dalle stesse ceramiste con la tecnica del paper clay, a testimonianza della capacità delle donne di unirsi in maniera costruttiva per creare relazioni ed equilibrio: una tela-coperta creata da mani di donne che invita a rigenerarsi dopo una dura giornata di lavoro, evocando il riposo di Penelope.
Gli orari della mostra: dal martedì al sabato dalle ore 10 alle ore 13, domenica dalle ore 15 alle ore 19.

Più visti

1

Attualità

24-11-2022

Born To Be Wild

Visto 6.432 volte

2

Attualità

23-11-2022

Pantani in pista

Visto 6.403 volte

3

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 4.087 volte

4

Politica

28-11-2022

Grande Fratello Vip

Visto 3.674 volte

5

Musica

24-11-2022

Flaviada con Paolo Conte

Visto 3.382 volte

6

Cronaca

29-11-2022

Coming Home

Visto 2.161 volte

7

Attualità

29-11-2022

L’erba del vicino

Visto 1.042 volte

8

Politica

29-11-2022

Pietrosante non è un’opinione

Visto 950 volte

9

Attualità

29-11-2022

L’industriale e il contadino

Visto 913 volte

10

Teatro

29-11-2022

LA stagione teatrale bassanese apre con Servo di scena

Visto 762 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.217 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.402 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.134 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.572 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.540 volte

6

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.437 volte

7

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.371 volte

8

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.305 volte

9

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.263 volte

10

Attualità

10-11-2022

Sei personaggi in cerca di attori

Visto 6.913 volte