Pubblicato il 26-07-2012 16:27
in Life & Style | Visto 2.244 volte

“Plastica o Secco?”. Una campagna vincente

La campagna informativa di Etra finalista alla 20sima edizione di Ad Spot Non-Profit - Rassegna Internazionale di Pubblicità Sociale

“Plastica o Secco?”. Una campagna vincente

“Che comunicare fosse una componente essenziale dell’attività di Etra, che, per ‘funzionare’ deve coinvolgere e motivare i cittadini, lo sapevamo già. Ma ora, se anche lo avevamo intuito, visti gli ottimi risultati conseguiti, cominciamo ad avere la certezza che il modo con cui lo facciamo sia di assoluta eccellenza.”
Commenta così Stefano Svegliado, presidente del Consiglio di gestione di Etra, la notizia che la campagna informativa "Plastica o Secco?" è rientrata tra i finalisti, nella short-list delle migliori campagne in gara, alla 20esima edizione di Ad Spot Non-Profit - Rassegna Internazionale di Pubblicità Sociale. Uno degli eventi per il mondo della comunicazione sociale tra i più prestigiosi in Italia.
“Il concorso ha visto la partecipazione di agenzie di comunicazione e associazioni non-profit provenienti da tutto il mondo e di fama internazionale - continua Svegliado -. Noi abbiamo partecipato con la campagna multisoggetto "Plastica o Secco?", studiata dall’agenzia Metalli Lindberg di Conegliano in collaborazione con il nostro Ufficio comunicazione e relazioni esterne.”
Si tratta di un progetto nato per migliorare la differenziazione della plastica, attivato in tutti i Comuni soci a gennaio di quest’anno. L’obiettivo è raggiungere gli utenti con un messaggio chiaro per renderli più consapevoli e attenti sulla diversità dei materiali e sulle corrette modalità di raccolta. Di fronte a un rifiuto di cui non sappiamo la destinazione bisogna chiedersi “Plastica o Secco?” Riciclabile o non riciclabile? Risorsa o scarto? Il claim “non tutti i rifiuti in plastica sono uguali, solo gli imballaggi vanno nella plastica” risponde alla domanda. Quindi, “no” a spazzolini o giocattoli che non sono imballaggi e “sì” a bottiglie, flaconi e blister. Dal primo maggio anche piatti e bicchieri usa e getta devono essere conferiti con la plastica.
“Gli utenti stanno rispondendo bene alla nostra richiesta di fare più attenzione alla raccolta degli imballaggi in plastica - commenta Manuela Lanzarin, presidente del Consiglio di sorveglianza -, è fondamentale proseguire in questa direzione per risparmiare sempre più materie prime e recuperare dagli scarti nuova plastica.”
La premiazione si è tenuta a Firenze nell'ambito della manifestazione “Terra Futura”. Tutte le campagne partecipanti saranno utilizzate per le mostre itineranti “Society&Social”.

Più visti