Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 09-11-2010 11:21
in Politica | Visto 2.179 volte
 

“Se i Fratelli d'Italia guardano altrove,ciò che non sarà dato ce lo prenderemo"

Alluvione: il capogruppo Lega Nord in Consiglio Regionale Federico Caner lancia l'affondo contro “un'Italia distante anche in questa occasione”

“Se i Fratelli d'Italia guardano altrove,ciò che non sarà dato ce lo prenderemo

Il capogruppo della Lega Nord in Consiglio Regionale Federico Caner

L'alluvione abbattutasi sul Veneto lo scorso 1 novembre si sta trascinando da giorni anche un fango di polemiche. Da più parti - e soprattutto per voce degli esponenti della Lega Nord - viene criticato il ritardo con cui lo Stato italiano avrebbe preso in considerazione la gravità della situazione.
E mentre oggi nelle zone alluvionate arrivano il premier Berlusconi e il ministro Bossi, e giovedì è atteso a Padova il Presidente della Repubblica Napolitano, il capogruppo in Consiglio Regionale della Lega Nord Federico Caner affonda il colpo con un duro intervento che collega la supposta disattenzione di Roma nei confronti dell'emergenza veneta alle prossime celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia.
Un attacco istituzionale contenuto in un comunicato stampa che Caner ha trasmesso in redazione, e che qui sotto pubblichiamo integralmente:

“Da sette giorni il Veneto è sott’acqua. Quel benestante, antipatico Veneto, che forse troppo spesso ha fatto da sé rifiutandosi di chiedere per orgoglio, oggi con incredibile dignità non domanda elemosine ma aiuto.
“Cosa chiedo davvero? Fatemi lavorare, compratemi le tirature salvate; andate ad acquistare il pane dal panettiere finito sott’acqua, a Natale regalate i gioielli dell’orafo alluvionato. Aiutateci a ripartire, senza beneficenze, ma ridandoci l’orgoglio e la forza del nostro lavoro”.
Cito la voce del tipografo vicentino Giancarlo Busato, ma nelle sue ci sono le parole dei 500mila veneti che tolgono il fango e differenziano i loro beni oggi divenuti immondizia; di quei sindaci in prima linea, gambe e braccia a mollo, per sgomberare i loro cittadini alluvionati; di quegli anziani che dopo 70-80 anni di vita hanno perduto tutto, case, ricordi, piccole aziende.
Ed è a loro, oggi, che deve guardare un’Italia distante, anche in questa occasione. Italiani che ci chiedono in ogni occasione di cantare un Inno chiamandoci “fratelli”, ma a cui ogni anno lasciamo un residuo fiscale pari al 10,3% del nostro Pil, cioè 11,5 volte superiore di ciò che adesso vogliamo indietro non per elemosina ma per necessità.
“Veneto, finalmente benvenuto in Italia”, ironizza Casini da Napoli. Noi gli rispondiamo invece “Benvenuto in Veneto”, quando vorrà venire a verificare in prima persona cosa sta succedendo nella nostra regione alluvionata. Questo non è tempo per l’ironia, né per lo sciacallaggio politico che purtroppo vediamo riemergere in alcuni leader dell’opposizione. Non è tempo per gli scandali o per le minacce politiche di chi in questi giorni s’è ben guardato dal mettere piede in Veneto, lanciandoci stoccate da Napoli, Roma, Firenze mentre noi spalavamo fango.
A loro oggi diciamo che ciò che non ci sarà dato, ce lo prenderemo. Nella piena fiducia nei confronti di Luca Zaia, Commissario straordinario per l’alluvione, intraprenderemo tutte le strade possibili per riportare il Veneto alla normalità in tempi certi.
Chiediamo lo sblocco del patto di stabilità, mai disatteso dalla stragrande maggioranza dei nostri Enti locali, consentendoci di utilizzare nostri fondi fermi da anni nelle tesorerie dei Comuni. Chiediamo a Roma di mandarci aiuti, altrimenti tratterremo sul territorio le imposte e le tasse che inviamo allo Stato centrale a sostegno perequativo di aree del Paese costantemente in emergenza. Ora l’emergenza è qui, ed oggi come mai ci sia lecito dire “prima il Veneto ed i veneti”, prima che la nostra locomotiva economica in ginocchio si fermi del tutto bloccando l’intera Italia.
Il Veneto silenzioso la propria parte l’ha già fatta. Ora attende che i “fratelli d’Italia”, gli stessi che ci chiedono di festeggiare l’Unità, dimostrino di esserlo realmente. Napolitano definisce “vergognoso” il crollo di Pompei, ma finora non ha speso una parola per la silenziosa tragedia del Veneto alluvionato. Lo aspettiamo giovedì a Padova: allora chiederemo risposte, allora sarà impossibile girare la testa altrove ignorando l’orgoglio e la dignità del popolo veneto.

Federico Caner
Capogruppo Lega Nord
Consiglio regionale Veneto”
Pubblicato da beniamino21649 il 09 nov 2010 11:55 | Segnala abuso
Certo che l'Italia è distante dal Veneto. Lo ha inglobato ma non le appartiene. Il Veneto ha tutto il diritto a tornare indipendente. Fosse così oggi non saremmo qui a supplicare aiuti a Roma. Avremmo le nostre risorse economiche. Quelle umanitarie e organizzative esistono già e sono davvero forti. Forse l'alluvione avrà un merito: di risvegliare le coscienze dei veneti, non importa il loro credo politico. Quale che sia , tutti stiamo constatando come siamo stati ignorati da politici e media. Solo le Tv locali hanno fatto un ottimo lavoro. TV locali che per noi sono invece nazionali. I Tg italiani ci hanno trattato alla stregua dell'Africa dove giorni fa è avvenuta una potente eruzione di cui nessuno parla o di Giava dove l'emergenza continua ma nessuno dice nulla . Lo strano è che il Veneto si trova geograficamente dentro la penisola italiana. Ma niente rammarico. Solo suoni la sveglia della consapevolezza che da soli staremo meglio. Diamoci da fare perchè ciò avvenga . E le visite di oggi e di giovedì di B&B sono penose e squallide. Forse è davvero iniziata la campagna elettorale. Me vien da dire che queste visite a orologeria rispecchiano il detto veneto: pexo el tacon de el xbrego.
Pubblicato da farqual il 09 nov 2010 12:24 | Segnala abuso
Ma la Lega Nord non è al governo?
Pubblicato da rogas il 09 nov 2010 13:03 | Segnala abuso
.....in Regione, in Provincia e.........non da poco. Non fa parte anche del gruppo di potere che di fatto controlla 5 su 7 canali tv nazionali? Oggettivamente, per riscontro diretto, Il TGRegionale Rai ha, il non molto tempo a disposizione, quasi totalmente usato, da subito, a coprire mediaticamente l' accidente. Mi sa che c'e' chi "se la canta e se la suona" come se, al governo, a Roma ci fossero altri.
Pubblicato da viewmaster il 09 nov 2010 13:05 | Segnala abuso
Eh no, Caner, non ci siamo. Conconrdo con farqual: chi sta governando l'Italia, forse Prodi? E il ministro dell'interno non è il leghista Maroni? E cosa hanno fatto i Fratelli Padani, seduti nella loro comoda carega di Roma, per venire incontro al Veneto nell'ora dell'emergenza? Interventi come quelli di Caner o di Bitonci sono solo delle sparate demagogiche, che puzzano tanto di preparativi per le elezioni anticipate.
Pubblicato da ilmilaz il 09 nov 2010 14:13 | Segnala abuso
Però mi piace questo passaggio:“Cosa chiedo davvero? Fatemi lavorare, compratemi le tirature salvate; andate ad acquistare il pane dal panettiere finito sott’acqua, a Natale regalate i gioielli dell’orafo alluvionato. Aiutateci a ripartire, senza beneficenze, ma ridandoci l’orgoglio e la forza del nostro lavoro”. Secondo me è una buona soluzione e personalmente cercherò di adottarla.
Pubblicato da buscoi il 09 nov 2010 14:25 | Segnala abuso
Legisti falsi e bugiardi in piena campagna elettorale!! In pochi sanno che i "padani" urlatori del nord indipendente e autonomo, che gridano Roma ladrona, non più di un mese fa, hanno votato per ROMA CAPITALE!! Proprio così!!! Rendiamoci di cosa costa la macchia organizzativa per far venire qui Napolitano, Berlusconi & C!!! Se se ne stassero a casa loro sarebbero soldi risparmiati e inviati ad i nostri veneti!!! Cosa vengo a fare?? Il "predicozzo" come sta facendo il Sig Caner??
Pubblicato da radsoi il 09 nov 2010 14:39 | Segnala abuso
se non venghono no va bene - se vengomo non va bene non va mai bene niente a nessunio state sempre a lamentarve e criticarvbe einsultarve me piaceva questo sito e questo gforum ma adeso me sono stancato de legere ssiempre solo odio , me despiace per el tanto
Pubblicato da leghistaonesto il 09 nov 2010 15:19 | Segnala abuso
Vede Tich che Anselmo ha ragione? Si parla di Lega e subito si mobilitano i soliti avvoltoi come da copione...... Anche Radsoi ha ragione purtroppo. Qui è il solito tutti contro la Lega. Qualcuno critica il ministro dell'Interno per l'emergenza alluvione. 1) vedo che non conosce bene quali siano i ministeri che intervengono in queste circostanze. 2) con Maroni in 18 mesi di governo sono stati arrestati 21 dei 30 latitanti piu' pericolosi, ''un risultato superiore del cento per cento rispetto ai 19 mesi precedenti; sono stati inoltre arrestati 299 latitanti (+83%), confiscati 2.942 beni per un valore di 1,8 miliardi di euro (+328%), mentre i beni sequestrati sono stati oltre 11 mila, per un valore di 6,2 miliardi di euro (+71%)''. Inoltre malgrado sia stato deriso dai soliti sapientoni con la tessera del tifoso ha dimezzato gli incidenti allo stadio ed inoltre continua a dare ai sindaci poteri per allontanare dai propri comuni immigrati clandestini che senza dimora ed un reddito legale garantito possono essere arrestati ed espatriati. Qualcuno dImentica che la Lega al Nord ha molti voti ma a livello nazionale un 8% circa e malgrado tutto è l'unico partito che cerca di rimediare ai sopprusi di una classe politica avida e succhiatrice del sangue dei Veneti. E vi dimenticate che all'interno della maggioranza c'è chi spera ancora nel sogno centralista, in un Veneto da mungere per sempre. Una parte di questa maggioranza, ora di fatto all'opposizione, è quella che non vuole il federalismo, leggesi UDC di Casini e FLI di Fini. Quello che è assurdo è che in questi casi i Veneti anzichè far forza comune ed alzare la voce trovano ancora la forza di indossare la casacca e far battaglie politiche. Prima facciamo un Veneto Autonomo tutti assieme e dopo fate tutte le battaglie ed accuse che volete!!!!! Se alla voce di Zaia, Gobbo e Caner e tanti altri si aggiungessero quelle di TUTTI i politici veneti e tutta le gente venetà sarebbe un gran salto di qualità. Se Bortolussi invece di sottolineare che non è legale trattenere parte delle tasse, se De Poli strattonasse la giacchetta di Casini e facesse voce grossa per il suo Veneto, se la Puppato e la Filippin per una volta facessero l'interesse del Veneto senza pensare di continuo a far lo sgambetto alla Lega ed a Zaia avremmo un VENETO AUTONOMO dove dopo confrontarsi e discutere come amministrarlo! Ma tornando al discorso di Caner è falso in partenza chi non ha avuto la sensazione che il Veneto in questa circostanza è stato dimenticato dall'Italia e dagli italiani e se domani si facesse un referendum ben piu' del 51% sarebbe felice di dire addio Italia. Ora i soliti potranno scandalizzarsi, potranno dire io mi sento comunque italiano ma la verità è che sarebbero in minoranza. ORA PIU' CHE MAI NESSUNO MI COSTRINGERA' A FESTEGGIARE L'UNITA' D'ITALIA!!!
Pubblicato da rogas il 09 nov 2010 16:19 | Segnala abuso
Molti, se non tutti i Veneti, sollecitano compatezza ed unita' di intenti in questi frangenti; molti di quelli che scrivono hanno anche in vario modo dato. L 'anomalia e' che chi poteva piu' attivarsi regionalmente per prevenire, ora che per primo centralmente doveva agire, non lo ha fatto e in ritardo alza la testa per apparire, ora, nella prima fila nella quale da Roma doveva essere da subito. Poi come da statuto della Lega, art. 1, si dica chiaramente che l' obbiettivo non e' una Costituzionale Autonomia ma l' indipendenza della cosiddetta padania. Vari festeggiamenti ognuno li fa, o meno, con chi gli aggrada, anche cosi', piu' chiaramente, qualificandosi.
Pubblicato da radsoi il 10 nov 2010 14:37 | Segnala abuso
l'ho scrito anche de la leggo adeso de 300 millioni e mutuo fermo per le aluvioni . sono stato 3 giorni a iutare a pulire vicenza par coscienza e ho visto cose che no se posono spiegarfe me s e lucica l'occhi de gioia ! grazie a governo per aiutoi subito a tanta gente desperata de bisogno vero - senza auemntare tasse o rubare daui conti corenti nela notte come se e fato de qualche anno fa de zocole e gey, de legi fate per loro come hano senmpre fato ttutti , de suoi interesse me ne frega niente , me freg ade cose concrete como io me facio un mazo cosi ttuttoi giorno per cose concrete ma nno credo che de questo se parlera de piu che de quanto se parla de escort
Pubblicato da n10 il 10 nov 2010 14:44 | Segnala abuso
Io mi sento Italiano ma soprattutto veneto, perchè sono nato in questa terra che amo profondamente, dispiace ogni giorno vedere che il nostro lavoro fatto di sacrifici e sudore non venga per così dire ricompensato dallo Stato, ma anzi veniamo penalizzati più di altre regioni, siamo polentoni, testa bassa e lavorare, ci chiedono i nostri soldi e noi glie li diamo in silenzio; vorrei che il Veneto diventasse autonomo fiscalmente, le tasse ci devono essere ma prima usiamole per il nostro territorio e dopo una piccola fetta vada a Roma. Quando sento l'inno di Mameli mi vengono i brividi perchè sono fiero di essere e far parte dell'Italia, il bello di noi italiani è che abbiamo tante bellissime diversificazioni culturali ma siamo uniti sotto un'unica bandiera, non buttiamo a puttane il nostro paese solo per la politica cialtrona. Hai ragione radsoi ormai si leggono sempre le stesse cose qui dentro, politica in ogni dove e insulti e baruffe!!! Sono veneto, sono italiano e mi tiro su le maniche lavorando e aiutando il mio vicino se ha bisogno.
Pubblicato da radsoi il 10 nov 2010 15:35 | Segnala abuso
che belle parole n10 , lasciame che te tolgo unattimo lo 0 e te dixo n1 !
Pubblicato da valier il 10 nov 2010 21:44 | Segnala abuso
@federicocaner Semo stra stufi de proclami altisonanti e de provocasiòn e ciacole ke no se concretixa mai ko rexultai veri. Se no gavì le bale e el servelo par otegnere fati, lora pudì senpre darve a altri mis-ciri.......
Pubblicato da arianna il 11 nov 2010 13:45 | Segnala abuso
perchè sono stati cancellati tutti i commenti che ho fatto nelle varie notizie in cui informavo un punto di raccolta di materiali x gli alluvionati organizzato dalla lav a bassano il 16 novembre?è una così brutta iniziativa?
Pubblicato da kaiob il 11 nov 2010 18:39 | Segnala abuso
vorrei chefaceste ricorso contro i vari consorzi e ato che dovevano controllare che invece pretendono tasse da noi e finanziamenti dalla regione
Pubblicato da giulio il 13 nov 2010 19:11 | Segnala abuso
Ecco, alla fine Bravo Kalob. Tutte le prebende che i vari consorzi pretendono, dove sono finite? E ha ragione anche Radsol, quando sottolinea che non va mai bene niente! Nel momento del disastro, le "visite delle autorità" servono solo a intralciare il frenetico lavoro degli "addetti ai lavori". Siamo Veneti? facciamo i Veneti, risistemiamo tutto e vedrete che arriveranno anche i dovuti risarcimenti (che eventualmente, ringraziando Dio, possiamo sempre trattenerci). M'ha fatto pena il sindaco di Vicenza, che s'è messo a piangere prima di rimboccarsi le maniche. E alla fine, ricordarsi di fare i conti con i consorzi, che hanno gestito in modo disastroso il territorio e i soldi ricevuti !!!

Più visti