Canova
Canova

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Attualità

M’illumino d’Unesco

A volte ritornano: il 21 novembre in sala Chilesotti l’evento pubblico di presentazione dello studio di fattibilità “Ipotesi di candidatura alla Lista del Patrimonio Mondiale Unesco del Ponte di Bassano”

Pubblicato il 10-11-2022
Visto 6.275 volte

Canova

Ma guarda un po’. Si riaffaccia a Bassano del Grappa la parola “Unesco”.
Eravamo fermi allo scorso mese di gennaio, quando l’Ufficio Unesco del Ministero dei Beni Culturali aveva comunicato all’amministrazione Pavan che il Ponte di Bassano, da solo e cioè come monumento singolo non ha possibilità di essere inserito nella “tentative list” italiana dei siti aspiranti alla candidatura alla lista mondiale dei Patrimoni dell’Umanità.
E ciò perché l’Italia trabocca ormai di siti inseriti nella World Heritage dell’Unesco e per il nostro Paese non vengono prese più in considerazione le candidature singole: di un solo monumento, di una sola città eccetera.

L’unica tipologia di candidatura proponibile, e che abbia un’opportunità di speranza di essere accolta, è quella “seriale” e “transnazionale”: ovvero una proposta che inserisca la candidatura condivisa di più monumenti o siti dello stesso tipo, ubicati in più Paesi e non solo in un’unica nazione.
La clamorosa notizia era uscita nel corso di una seduta della V Commissione consiliare Cultura e Promozione del territorio, per voce della presidente Chiara Tessarollo, dopo un incontro da lei avuto con la direttrice della struttura ministeriale Mariassunta Peci e con l’arch. Adele Ceci, referente nazionale dell’Ufficio Unesco per i siti culturali che sta seguendo le candidature venete, o aspiranti tali, alla lista mondiale.
Solo due mesi prima, durante un consiglio comunale in cui la candidatura Unesco era uno degli argomenti all’ordine del giorno, la stessa Chiara Tessarollo aveva preso la parola. Per dichiarare, in risposta alle minoranze che avevano proposto di candidare il Ponte assieme al centro storico della città, che “il Ponte ha più elementi per sostenere la candidatura da solo”. E il sindaco Elena Pavan, nell’ambito della stessa discussione, aveva affermato quanto segue: “È già partito il lavoro per il Dossier di candidatura, il prossimo step sarà lo studio di fattibilità. È un tema condiviso che deve essere portato avanti da tutta la cittadinanza.”
Poi il dietro-front dopo la doccia gelata ministeriale. Da allora, per restare in tema, l’argomento candidatura è stato messo nel congelatore.
Ma ecco che, tutto d’un tratto, il cielo di Bassano s’illumina d’Unesco.
L’amministrazione comunale organizza infatti per il prossimo lunedì 21 novembre, in sala Chilesotti del Museo Civico con inizio alle 17.30, l’evento di presentazione dello studio di fattibilità “Ipotesi di candidatura alla Lista del Patrimonio Mondiale Unesco del Ponte di Bassano”. L’incontro è intitolato “Il Ponte di Bassano - Nuovi scenari di valorizzazione” e presenterà appunto lo studio di fattibilità redatto dalla Fondazione Santagata per l’Economia della Cultura. Lo studio è stato realizzato con il supporto scientifico del prof. Guido Beltramini, storico dell’architettura, nonché direttore del Centro Studi Andrea Palladio, massimo conoscitore di Palladio e dei ponti da lui progettati.
Il convegno sarà aperto dai saluti istituzionali da parte di rappresentanti della Regione del Veneto, della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza, del Sindaco Elena Pavan e dell’Assessore Giovannella Cabion.
Alle 17.45 l’avvio dei lavori con gli interventi di Chiara Tessarolo, presidente della Commissione Cultura del Comune di Bassano; di Alessio Re, Fondazione Santagata per l’Economia della Cultura e di Guido Beltramini, Centro internazionale di Studi Architettura Andrea Palladio.
L’incontro è a ingresso libero, la cittadinanza è invitata a partecipare e al termine degli interventi, verso le 18.30, si terrà un momento di confronto con il pubblico presente in sala.
Insomma: spesso i progetti di un certo tipo si perdono nei meandri dell’indefinito.
Ma a volte ritornano.

Più visti

1

Attualità

01-12-2022

Le due verità

Visto 6.870 volte

2

Attualità

01-12-2022

L’Isola dei Dubbiosi

Visto 6.463 volte

3

Attualità

02-12-2022

Dynasty

Visto 6.339 volte

4

Magazine

01-12-2022

Una Madonna, un artista e Tre Briganti

Visto 3.888 volte

5

Musica

03-12-2022

Three Men Apart al Remondini

Visto 3.440 volte

6

Manifestazioni

01-12-2022

Xmas time

Visto 2.204 volte

7

Calcio

04-12-2022

Bassano bum bum

Visto 2.073 volte

8

Magazine

07-12-2022

Bassano che legge

Visto 811 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.357 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.452 volte

3

Politica

29-11-2022

Pietrosante non è un’opinione

Visto 8.239 volte

4

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.187 volte

5

Cronaca

29-11-2022

Coming Home

Visto 8.108 volte

6

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.630 volte

7

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.585 volte

8

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.485 volte

9

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.435 volte

10

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.386 volte