Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 30-11-2016 13:06
in Cronaca | Visto 2.775 volte

Tante scuse

Identificato dalla Polizia Locale l'autore dei vandalismi in centro storico a Bassano nella notte tra sabato e domenica. Il giovane, sanzionato, è andato a scusarsi personalmente con il titolare del Caffè Mozart

Tante scuse

Il risultato del "passaggio" vandalico al Caffè Mozart in via Vittorelli

Ha avuto un epilogo da libro “Cuore” l'episodio di vandalismo che nella notte tra sabato e domenica scorsi ha preso di mira il Caffè Mozart in via Vittorelli a Bassano del Grappa. A farne le spese erano stati i tavolini e le sedie del plateatico dell’esercizio pubblico, rovesciati per terra da mani incivili.
Ma l'impunità del protagonista del raid in centro storico, che aveva anche spostato una fioriera in via Da Ponte, è durata poco.
Lunedì mattina l'ufficio di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale ha esaminato le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza, dalle quali è emerso che intorno alle 3.30 sei ragazzi, provenienti da piazzotto Montevecchio, sono saliti lungo vicolo Zudei, hanno attraversato piazzetta Guadagnin e sono giunti in via Vittorelli, dove si sono fermati per qualche minuto davanti al Caffè Mozart, ovvero Mozart Bistrò. Da qui hanno proseguito per piazza Garibaldi e via Da Ponte, sostando nei pressi della fioriera.
Uno di loro, già sanzionato in passato, è stato riconosciuto da un agente. Grazie alla sua e ad altre testimonianze, tutti i ragazzi - maggiorenni, italiani e residenti nel territorio - sono stati identificati ed è stato possibile individuare colui che tra loro ha materialmente commesso i fatti.
Di fatto non sono stati procurati danni, ma solo manomissioni: al giovane, che questa mattina è giunto al Comando di via Vittorelli, è stata quindi contestata la violazione all’articolo 6 del Regolamento di Polizia Urbana e gli è stata comminata una sanzione di 250 euro. Dopo la notificazione del verbale il ragazzo, accompagnato da un agente, si è recato al Caffè Mozart, dove si è scusato personalmente con il titolare del locale Paolo Marin, alias “Paolo Mozart”. E alla fine i due si sono stretti la mano.
“È un episodio che insegna molto - commenta il sindaco Riccardo Poletto - soprattutto per la sua conclusione.” “Che un giovane capisca l’errore e si scusi - aggiunge il primo cittadino - è un segnale molto importante, che merita attenzione. Il nostro impegno sulla sicurezza, lo abbiamo detto fin da subito, non va inteso in termini solo repressivi, ma di formazione e di crescita e credo che questo fatto lo dimostri bene.”
“Ringrazio tutti gli agenti per l’ottimo lavoro fatto e per l’abilità nel coordinare questa breve indagine - sottolinea l’assessore alla Sicurezza Angelo Vernillo -. Per quanto possibile vogliamo che anche i gesti di maleducazione e il mancato rispetto della civile convivenza siano perseguiti e sanzionati a norma di regolamento comunale. Mi auguro dunque che questo giovane e gli amici che erano con lui abbiano capito quanto siano importanti il rispetto delle regole e del patrimonio privato e pubblico.”
E tutti vissero felici e contenti.

LIBERTÀ È PAROLA - “Alla scoperta degli “Amici dei Musei e dei Monumenti di Bassano del Grappa”.

In questa nuova puntata, incontriamo una realtà di Bassano che da anni si impegna per sostenere e supportare il nostro patrimonio #artistico,...

Più visti