Pubblicità

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 05-11-2013 20:11
in Attualità | Visto 2.311 volte

Condominio “Pompei”

Non è una rovina, ma un edificio incompiuto. Col cantiere bloccato da un anno e mezzo, per questioni economiche e legali, in via Villaraspa a Bassano, zona largo Parolini. Oggi è stata finalmente rimossa la gru

Condominio “Pompei”

Il palazzo incompiuto di via Villaraspa. In primo piano l'autogru con la quale oggi è stata smantellata la gru del cantiere edile (foto Alessandro Tich)

Quando circa tre mesi fa hanno tolto le impalcature, dopo oltre un anno abbondante di stand by, nella zona di largo Parolini a Bassano le battute ironiche si sono sprecate. Qualcuno ha definito il cantiere liberato dalla gabbia “le rovine di Pompei”, altri - riferiti alle forme della “cosa” venuta alla luce - un'opera cubista.
In realtà, su tutta questa vicenda, c'è poco da ridere. Perché è la storia di un palazzo in costruzione che per problemi e contenziosi vari è rimasto incompiuto. Tutti si auspicano che non rimanga così per sempre, ma al momento quello che si presenta davanti alle tante persone che tutti i giorni transitano per via Villaraspa - frequentata stradina di collegamento tra via Parolini e la stazione dei treni e degli autobus - è un grande e tristissimo pugno nell'occhio.
L'edificio in questione, quasi completato all'interno, manca ancora di tutte le rifiniture esterne. Per questo, nel marzo dell'anno scorso, erano stati allestiti i ponteggi per consentire i lavori che dovevano concludersi al 30 giugno del 2012. Tuttavia, dopo l'installazione delle pesanti impalcature, i lavori non sono stati mai compiuti. L'origine del mancato intervento, come ci viene riferito, va ricondotta a un contenzioso di natura economica tra la ditta esecutrice dei lavori - che aveva già pagato il noleggio delle strutture e della gru - e i proprietari dell'immobile.
A ciò si è aggiunta anche un'azione legale promossa dai residenti dell'attiguo condominio “Villaraspa”, rappresentati dall'avv. Emma Bergamin, in quanto gli accordi sui tempi del cantiere non erano stati rispettati: un ricorso d'urgenza con diffida a togliere le impalcature per danno fisico e materiale, dopo che per mesi l'incombente “cappello esterno” dell'edificio in costruzione, ma coi lavori bloccati, non era stato rimosso.
Oggi, a seguito anche di una successiva causa di merito, è stata smantellata anche la gru. Per consentire l'operazione, via Villaraspa è stata chiusa al traffico. Un blocco che aggiunto al maxi congestionamento di questa mattina - a partire fin da viale De Gasperi e dal Ponte Nuovo - per i lavori sulle condutture del gas in via Parolini, ha reso la circolazione in zona ulteriormente problematica.
L'avv. Bergamin accoglie la notizia della rimozione della gru, dopo il precedente smontaggio dei ponteggi esterni del cantiere, con “un sospiro di sollievo”
“Al di là dell'iniziativa dei condomini - osserva il legale -, la permanenza della struttura creava disagi ai pedoni e al traffico dei pullman, in un tratto di strada dove ogni giorno transitano numerosi studenti del Brocchi. Il Comune ha lasciato che le cose rimanessero così, anche se le impalcature erano allestite su suolo pubblico. Non aver sbloccato una situazione del genere per un anno e mezzo non fa onore al Comune, come non fa onore che rimanga ora quella bruttura.”

Pubblicità

Più visti