Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 16-05-2012 17:51
in Attualità | Visto 5.285 volte
 

A Rosà e Tezze arriva l'“Autovelox mobile”

I due Comuni adottano il sistema “Velo Ok”: rilevatori-dissuasori di velocità con Autovelox incorporato “a sorpresa”. Il sindaco Bordignon: “I cittadini chiedono sicurezza. Basta alle strade utilizzate come piste da corsa”

A Rosà e Tezze arriva l'“Autovelox mobile”

La presentazione del progetto "Noi Sicuri" nella sala consiliare di Rosà

Divisi dalla Bretella (Ovest), uniti dagli altri aspetti della viabilità intercomunale: il sindaco di Rosà Paolo Bordignon, alla sua prima uscita pubblica dopo l'elezione a primo cittadino, e il sindaco di Tezze sul Brenta Valerio Lago stringono la santa alleanza sui temi della sicurezza stradale.
Le due Amministrazioni - come annunciato oggi in conferenza stampa a Rosà - hanno infatti avviato congiuntamente l'installazione dei rilevatori-dissuasori di velocità “Velo Ok”, realizzati dal progetto “Noi Sicuri” e già attivi in altri 250 Comuni d'Italia.
Si tratta di una rete di colonnine di colore arancione fosforescente poste ai margini delle carreggiate, e ben visibili anche a distanza dagli automobilisti, che possono contenere o meno un sistema di rilevamento della velocità Autovelox.
Inutile lampeggiare agli altri automobilisti, rallentare per poi riaccelerare in prossimità dei dissuasori o inventarsi altri espedienti del genere: gli Autovelox interni alle colonnine saranno attivati o disattivati a rotazione, impossibile prevedere da quale dispositivo può fioccare la multa. Le colonnine però - come sottolineano i promotori - hanno un compito non certo punitivo, ma di scoraggiare e ridurre le infrazioni per eccesso di velocità con percentuali che arrivano fino al 70%.
Per Rosà, si tratta di un intervento impostato dalla precedente Amministrazione. “Il monitoraggio che abbiamo svolto a cavallo tra i mesi di marzo ed aprile in via Brega - ha spiegato il sindaco Paolo Bordignon che sino alla composizione della giunta detiene tutti i referati - evidenzia chiaramente come questa strada Provinciale ad alta percorrenza viene troppo spesso utilizzata come pista da corsa con ben l’80% delle auto che superano i limiti, e nei quattro giorni di misurazione ben 300 casi hanno superato i 100 km/h con punte oltre i 160. Questo non deve più succedere. Da troppo tempo gli abitanti di questa zona ma anche quelli di S. Anna, di Ca’ Minotto, Ca’ Dolfin e altre zone di Rosà ci chiedono di intervenire per garantire maggiore sicurezza contro i mezzi che viaggiano oltre i limiti. La velocità è da sempre una delle principali cause di incidente e mi auguro che con l’installazione di queste colonnine si possa ridurre fortemente le corse di troppe persone.”
Un progetto dal costo di 20 mila euro, al quale il Comune di Tezze sul Brenta, interessato per via Brega, è intervento con una quota parte di 4500 euro.
“Ringrazio Rosà - ha dichiarato il sindaco Lago - perché ci hanno reso parte di questo progetto che considero “di vita”. Da soli vista la situazione economica non saremmo riusciti ad affrontare i costi. Questo è un segno di ulteriore collaborazione tra i nostri due Comuni.”
“Il comune di Rosà - ha spiegato il Comandate della Polizia Locale di Rosà Alex Scalco - si è sempre contraddistinto per la politica della prevenzione vuoi per i corsi di educazione stradale nelle scuole, con i servizi di Nonni vigile ed ora con questo progetto che è decollato dopo le richieste dei cittadini pervenute nell’assemblea di San Pietro. L’Amministrazione, preso atto della problematica, ha voluto porre i rimedi che sono quelli della prevenzione. Non vogliamo colpire il cittadino con sanzioni, ma prevenire. Per questo in queste settimane intendiamo informare i cittadini di questa novità. Solo in un secondo tempo, valuteremo come e dove far girare l’Autovelox nelle varie postazioni. Ciò non toglie che potrebbe essere sempre presente anche una pattuglia con sistema di rilevazione Telelaser. Prima di tutto però ci sarà sempre la prevenzione.”
Attualmente sono stati installati nei punti sensibili, pericolosi o di ingresso delle zone residenziali 10 box “Velo Ok”: 6 in via Brega, 2 in via Campagnola e 2 in via Mons. Caron. Nel territorio rosatese sono state inoltre predisposte altre 10 postazioni che potranno ospitare tali box che per loro natura sono rimovibili.
Dopo l’indagine cognitiva di fine marzo, è in corso in questi giorni la sperimentazione su via Brega con dati che verranno resi noti nei prossimi quindici giorni.
Questo l’elenco e la posizione dei 20 “Velo Ok” complessivi:

VIA BREGA
1 - Al civ. 143 a Dx dir. Tezze;
2 - Alla trattoria alle Prese, a Dx dir. Cusinati;
3 - Dopo civico 158 a Sx dir. Cusinati;
4 - Al civ. 108 a Dx dir. Tezze;
5 - Di fronte al civ. 78 a Dx dir. Cusinati;
6 - Di fronte via Col Moschin a Dx dir. Cusinati;

VIA CA’ MINOTTO - SR 248
7 - Inizio parcheggio civico 26-28;
8 - Altezza via Montello a Dx dir. Rosà;

VIA CAMPAGNOLA
9 - Vicino al civico 65 a Dx dir. Rosà;
10 - Di fronte al civico 37 a Dx dir. Rossano Veneto;

VIA TASSO - VIA VOLTA Sp 97
11 - Via Tasso prima di via Serena a Dx dir. Baracche;
12 - Via Tasso di fronte al civico 21/b a Sx dir. Baracche;
13 - Via Volta al civico 28 a Sx dir. Rosà;

VIA BERTORELLE  - VIA CARPELLINA
14 - Via Carpellina, al civico 57, a Dx dir. Rosà;
15 - Via Carpellina, al civico 31, a Dx dir. Rosà;
16 - Via Bertorelle, parcheggio pubblico in costruzione a Sx dir. Bassano del Grappa;
17 - Via Bertorelle nei pressi della ditta lavorazione legno, a Dx dir. Bassano del Grappa;

VIA MONS. CARON
18 - Vicino cabina Enel a Dx dir. Borgo Tocchi;
19 - Di fronte incrocio via Risorgimento, nei pressi pensilina Autobus;
20 - Vicino al civico 6, incrocio via Balbi