Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

RedazioneRedazione
Bassanonet.it

Teatro

Scenario al femminile

Martedì 25 agosto seconda giornata di B.Motion Teatro a Bassano. Un programma al femminile con le vincitrici del Premio Scenario e del Premio Scenario per Ustica

Pubblicato il 25-08-2015
Visto 2.304 volte

Pubblicità

Democrazia Cristiana

Seconda giornata nel segno del Premo Scenario, quella proposta martedì 25 agosto da B.motion Teatro a Bassano del Grappa.
La sezione di Operaestate dedicata ai linguaggi del contemporaneo presenta le due vincitrici di Scenario e Scenario per Ustica e uno dei due lavori che compongono la Generazione Scenario 2015. Apre la serata al Teatro Remondini (ore 21.00) Angela Dematté con “Mad in Europe – Uno spettacolo in lingua originale”. Il lavoro che quest'anno ha ottenuto il massimo riconoscimento è incentrato su un’attenta ricerca linguistica in grado di creare una parola ibridata da suggestioni e visioni oscillando tra sacralità e religione. Si prosegue al CSC Garage Nardini (ore 21.45) con “Gianni” di Caroline Baglioni, premiato nella sezione di teatro civile intitolata a Ustica. Per concludere si torna al Teatro Remondini (ore 22.30) con la segnalazione a “Homologia” di DispensaBarzotti, un'indagine sull’uomo e il suo doppio, sulla solitudine dell’essere imbrigliato tra realtà e finzione.

Angela Demattè, in scena con "Mad in Europe"

In “Mad in Europe” Angela Demattè dà vita a un personaggio alla deriva creando una lingua capace di raccontarlo. Sulla scena c'è una donna incinta impazzita, la cui interiorità frammentaria si fa metafora della crisi dell’utopia europea: la scissione fra maternità, religione e ruolo sociale si rifrange in un affascinante mescolamento dei diversi idiomi parlati nei paesi del vecchio continente. Così se un tempo la protagonista conosceva molte lingue, ora riesce a formulare solo un dialetto internazionale strano ed informe. Soprattutto non ricorda assolutamente più la sua lingua madre, la sua “Muttersprache”. L’ha rifiutata e ora la tiene conservata in qualche recondito spazio della mente. Di chi è la colpa? Dovrà andare molto indietro per cercare di uscire dalla nevrosi in cui è caduta e recuperare le sue radici più profonde. L'opera della Demattè apre così un'articolata riflessione sulla parola, sul linguaggio e su come esso sia in grado di condizionare le nostre esistenze.

“Gianni” di Caroline Baglioni parte invece da un'esperienza autobiografica. “Avevo circa tredici anni. - confessa l'interprete-autrice - Mio padre tornò a casa e disse che era arrivato il momento di occuparci di Gianni. Oggi sembra un ricordo lontano, ma in realtà Gianni era lontano anche quando c’era. Era lo zio con problemi maniacodepressivi che mi faceva paura. Aveva lo sguardo di chi conosce le cose, ma le ripeteva dentro di sé. Gianni non stava mai bene. Se stavamo da me voleva tornare a casa sua. Se stava a casa sua voleva uscire. Se era fuori voleva tornare dentro. Dentro e fuori è stata tutta la sua vita. Non aveva pace Gianni”. Nel 2004, in una scatola di vecchi dischi, Caroline Baglioni trova tre musicassette dove Gianni ha inciso la sua voce, gridato i suoi desideri, cantato la sua gioia, espresso la sua tristezza. Questo materiale, intenso e straziante, è diventato la fonte da cui l'autrice ha tratto ispirazione per un lavoro di rara potenza emotiva.

“Homologia” di DispensaBarzotti è allo stesso tempo studio dell’uomo e studio di ciò che è identico, di ciò che si ripete uguale, del processo di omologazione. Quale meccanismo rende gli individui così terribilmente uguali tra loro? Com’è possibile che le azioni che abbiamo compiuto quotidianamente, in tutta una vita, non abbiano lasciato nessuna traccia? Tutto, di colpo, non conta più, la volontà sembra scomparire e come morti che respirano ci crogioliamo nel nostro sentirci inermi.

In scena c'è un uomo anziano, solo, immerso nel vuoto, in perenne dormiveglia. Qualcosa, però, piomba giù dalla soffitta e risveglia questo corpo intorpidito. Un valzer, un manichino impolverato che il vecchio tenta di rianimare. Uno spettacolo nello spettacolo, un uomo dentro un altro uomo. Con “Homologia” DispensaBarzotti utilizza il teatro di figura per esplorare i meccanismi della magia teatrale, attraverso una ricerca che si interroga su come funziona l’attività percettiva e su che cos’è in teatro l’illusione, l’incanto, la meraviglia e l’inganno.

Info prevendita e prenotazioni presso Biglietteria Operaestate in via Vendramini 35 a Bassano tel. 0424 524214 - 0424 519811e sul sito www.operaestate.it

Pubblicità

Andrea ZontaElena DonazzanRoberto Marin SindacoNicola Ignazio FincoRoberto Campagnolo SindacoElena Pavan

Più visti

1

Elezioni 2024

23-05-2024

Guglielmix

Visto 25.971 volte

2

Elezioni 2024

22-05-2024

Ora et Labora

Visto 19.012 volte

3

Elezioni 2024

22-05-2024

Campi magnetici

Visto 18.737 volte

4

Elezioni 2024

22-05-2024

Movimento 5 Sberle

Visto 18.594 volte

5

Elezioni 2024

23-05-2024

Ursulo von der Finco

Visto 16.617 volte

6

Elezioni 2024

24-05-2024

Donzelli d’Italia

Visto 13.179 volte

7

Attualità

25-05-2024

Cromo 6 spacciato

Visto 10.692 volte

8

Attualità

25-05-2024

El Pirata

Visto 9.556 volte

9

Attualità

24-05-2024

Odi Barbare

Visto 9.195 volte

10

Attualità

25-05-2024

Tadej-Day

Visto 8.790 volte

1

Elezioni 2024

23-05-2024

Guglielmix

Visto 25.971 volte

2

Elezioni 2024

15-05-2024

Che la Forza sia con te

Visto 25.309 volte

3

Elezioni 2024

19-05-2024

Fincantieri

Visto 21.825 volte

4

Elezioni 2024

14-05-2024

Ruggeri-Morandi-Tozzi-Pasinato

Visto 20.992 volte

5

Elezioni 2024

21-05-2024

Società per Azione

Visto 20.852 volte

6

Elezioni 2024

21-05-2024

Conte partirò

Visto 20.716 volte

7

Elezioni 2024

20-05-2024

Sul Conte di Bassano

Visto 20.483 volte

8

Elezioni 2024

15-05-2024

Wolfgang Amadeus Marin

Visto 19.600 volte

9

Elezioni 2024

21-05-2024

Lo strano caso del Dottor Renzi e Mr. Finco

Visto 19.560 volte

10

Elezioni 2024

21-05-2024

La resa dei Conte

Visto 19.549 volte