Pubblicità

Pubblicato il 16-11-2021 11:13
in Sociale | Visto 2.362 volte

La mia Africa

OTB Foundation primo partner italiano del progetto Instant Network Schools di UNHCR. Verrà realizzata una scuola multimediale in Mozambico per l’istruzione dei bimbi rifugiati

La mia Africa

Foto: ©UNHCR Jacqueline Strecker

Si allarga all’Africa orientale l’attività di OTB Foundation, l’organizzazione benefica fondata e presieduta da Renzo Rosso per la lotta contro le disuguaglianze sociali e per il sostegno allo sviluppo sostenibile di persone e aree meno avvantaggiate, in Italia e nel mondo.
Otb Foundation è infatti il primo partner italiano del progetto Instant Network Schools di UNHCR, l’Agenzia dell’ONU per i Rifugiati. In particolare, contribuirà allo sviluppo di un innovativo programma di istruzione digitale e in particolare alla realizzazione di una scuola multimediale per i bambini rifugiati in Mozambico.
Lo conferma un comunicato stampa trasmesso in redazione che ne dà notizia nell’imminenza della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e che pubblichiamo di seguito:

COMUNICATO

In occasione della Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, che ricorre sabato 20 novembre, OTB Foundation e UNHCR annunciano la partnership che porterà alla realizzazione di una nuova scuola in Mozambico nell’ambito dell’Instant Network Schools, un innovativo programma per l’istruzione dei bambini rifugiati.
Tra i diritti riconosciuti nella Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, la cui adozione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite viene ricordata proprio il 20 novembre, rientra infatti quello all’istruzione. Purtroppo però sono ancora oltre 1,8 milioni i bambini rifugiati nel mondo che non frequentano la scuola, ritrovandosi troppo spesso in contesti dove l’accesso all’istruzione è ostacolato da numerose barriere, tra le quali la mancanza di strutture scolastiche e di insegnanti adeguatamente formati.
Un numero sempre maggiore di donne, uomini e bambini nel mondo vivono infatti in contesti di emergenza, in fuga da guerre, persecuzioni e povertà; rifugiati e sfollati si trovano a vivere in condizioni precarie per periodi sempre più lunghi, spesso costretti a risiedere in aree rurali poverissime, dove mancano le infrastrutture e i servizi di base.
La pandemia COVID-19 e le misure per contenere la diffusione del virus hanno causato la più vasta e prolungata interruzione dei sistemi educativi nella storia, colpendo quasi 1,6 miliardi di studenti in più di 190 Paesi in tutti i continenti. Tutti i ragazzi nel mondo hanno subito l'impatto del COVID-19 sulla loro istruzione ma i bambini e ragazzi rifugiati sono stati particolarmente svantaggiati poiché la difficile situazione ha reso l’accesso all’istruzione ancora più difficile: infatti, se l'apprendimento online ha dimostrato di essere una soluzione praticabile per milioni di studenti in tutto il mondo, per le comunità sfollate i telefoni cellulari, i tablet, i computer portatili, la connettività e persino gli apparecchi radio spesso non sono facilmente disponibili.

Pubblicità

Natale a Bassano

Più visti