Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 12-07-2014 13:12
in Cronaca | Visto 4.675 volte
 

Officina Aumma Aumma

Scoperta e sequestrata dalla Finanza un'officina abusiva di autoriparazione a Campagnari di Tezze sul Brenta. L'autofficina era dotata di attrezzature all'avanguardia, con un nutrito parco macchine in riparazione

Officina Aumma Aumma

L'autofficina abusiva di Campagnari di Tezze chiusa e sequestrata dalle Fiamme Gialle

Lo ho pulito le candele e sostituito il filtro dell'olio. Ricevuta o fattura? Neanche a parlarne. Nessuna registrazione contabile, e amici come prima.
Era l'andazzo che dava linfa al bene avviato giro di affari di un'officina abusiva di autoriparazione di veicoli che esercitava illegalmente nel comune di Tezze sul Brenta, nella frazione di Campagnari.
I finanzieri hanno riscontrato che un soggetto, all’interno di una struttura metallica coperta di circa 160 metri quadrati, esercitava l’attività di autoriparazione in assenza di partita Iva, di documentazione contabile/fiscale e delle autorizzazioni prescritte per il regolare esercizio dell’attività.
Al momento dell’accesso i militari si sono trovati difronte un ampio laboratorio, perfettamente attrezzato ed adibito ad officina meccanica, munito di due ponti sollevatori per autovetture, banchi e carrelli da lavoro forniti della più disparata attrezzatura e strumentazione professionale, da far invidia alle più conosciute officine della zona. All’interno della struttura erano ricoverate numerose autovetture, di cui 5 in fase di riparazione.
Le Fiamme Gialle hanno proceduto al sequestro amministrativo dell’attività, dei locali, delle strumentazioni utilizzate e delle numerose parti di ricambio per autoveicoli presenti all’interno dell'officina. Il sequestro operato porterà alla successiva confisca dei beni da parte degli organi competenti.
Nei confronti del responsabile è stata contestata, inoltre, la violazione per la mancata denuncia di inizio attività, che prevede una sanzione amministrativa a che va da 5 a 15 mila euro, nonché la segnalazione alla camera di commercio di Vicenza per gli adempimenti di competenza.
I finanzieri hanno avviato, inoltre, approfondimenti ed accertamenti di natura fiscale per quantificare il volume d’affari realizzato negli anni e sottratto a tassazione dall’intraprendente ma illegale meccanico.
“Le attività abusive, come questa scoperta a Tezze sul Brenta, e di contraffazione in genere - ci dice il cap. Pietro De Angelis, comandante della Compagnia della Guardia di Finanza di Bassano del Grappa - sono violazioni che noi chiamiamo di “impatto trasversale”. Si innestano cioè con tante altre tipologie di violazione di nostra competenza. Oltre a danneggiare il libero mercato, violano parecchie altre norme di legge.”
Officina Aumma Aumma: alle già note categorie del commercio abusivo si aggiungono adesso anche i furbetti dello spinterogeno.
Pubblicato da robinhood il 12 lug 2014 14:05 | Segnala abuso
...giulio....tutto il mondo è paese...ma questo è uno dei motivi per cui in italia le cose non vanno. Che ne dicono gli INDIPENDENTISTI VENETI? Non è certo il primo caso che viene alla luce.
Pubblicato da maelstrom il 12 lug 2014 14:35 | Segnala abuso
E come al solitole responsabilità cadono totalmente sul furbetto. Che dire allora di tutti quei clienti che si son fatti fare riparazioni senza alcuna garanzia? Anch' essi complici dell' evasione e della truffa. E aggiungo: persone totalmente senza un briciolo di cervello. In caso di possibili danni (a se stessi, ma anche agli altri) causati da una manutenzione non certificata e garantita, chi paga? QUESTO è uno dei motivi principali per cui in Italia le cose non vanno. L' assoluta superficialità e sconsideratezza di gran parte dei cittadini.
Pubblicato da andrea72 il 12 lug 2014 15:20 | Segnala abuso
Anche ai clienti non vanno fatti sconti, ma il grosso beneficio fiscale è sempre del'imprenditore "in nero" ed è giusto che paghi fino in fondo. Facciamo anche il giro di tutte le parrucchiere totalmente in nero che esercitano a domicilio e buttano gli acidi nel lavandino?
Pubblicato da robinhood il 12 lug 2014 15:39 | Segnala abuso
MAELSTROM. IL NULLA ASSOLUTO. Per lui chi ruba la mela al supermercato per mangiare e sopravvivere e come quello che evade miliardi al fisco. Cosa ci si poteva aspettare da un sostenitore del guru arancione?? HAHAHAHA. Che ridere, si sentono gli spifferi....
Pubblicato da maelstrom il 12 lug 2014 17:56 | Segnala abuso
@andrea72 Non ho detto che l' imprenditore, se tale si può definire, non debba pagare. Anzi. Ci vorrebbe una condanna esemplare. Il problema é:"Posso pagare in nero?" "Certamente!". Però se non c'è domanda, non esiste nemmeno l' offerta, è una legge di mercato. Fuorilegge chi impianta un' officina abusiva, ma sconsiderato chi se ne serve. Idem per le parrucchiere da scantinato. Ma se lavorano è perchè qualcuno utilizza i loro servizi, o no? Quindi colpevole uguale. Sapendo che la tipa che lavora in nero sotto casa mia (si fa per dire) per ovvi motivi non può smaltire i suoi prodotti in modo corretto e rispettoso della legge, divento anch' io complice se mi reco da lei per una permanente o per un colore (nuovamente per dire, in quanto non faccio ne permanente ne colore :-). Nessuno si chiede in che modo l' autofficina in questione smaltiva gli olii esausti?
Pubblicato da robinhood il 12 lug 2014 18:02 | Segnala abuso
COLPEVOLE UGUALE! PAGLIACCIO Se tu guadagni 1200 euro al mese, hai un danno alla macchina e questi STROZZINI ti dicono 1200 euro con fattura, 700 senza...cosa fai? RIDICOLO!!!!!!!!! LO DIREMO A MAROSO!!! HAHAHA
Pubblicato da maelstrom il 12 lug 2014 18:04 | Segnala abuso
Anzi, dirò di più. Visto che c' era un nutrito parco macchine in attesa di riparazione, sarebbero da sanzionare anche i proprietari. Invece di indulgere. Ma solo quando fa comodo.
Pubblicato da robinhood il 12 lug 2014 18:10 | Segnala abuso
RIDICOLO . SPERO DOVRAI PRESTO CAMPARE CON 700 EURO AL MESE, AFFITTO e UNA MALATTIA CRONICA, FESSO
Pubblicato da donchisciotte il 12 lug 2014 18:52 | Segnala abuso
Mael, questi ossessionati da Cassola tirano fuori Maroso anche su un articolo su un'officina di Tezze.
Pubblicato da robinhood il 12 lug 2014 19:10 | Segnala abuso
Per dimostrare il RIGORE MORALE di MAELSTROM, COCOMERO!!!!!!! Siete FALSI come GIUDA. Anzi MAELSTROM=DONCHISCIOTTE. Uno dei 15 nick. Come lui stesso hascritto qui.
Pubblicato da robinhood il 12 lug 2014 19:12 | Segnala abuso
A proposito. Maroso & soci non stanno facendo un c...perchè non sono capaci a fare un c. Avete notizie? AHAHAH
Pubblicato da robinhood il 12 lug 2014 19:17 | Segnala abuso
Colpito eh? Era anche troppo facile. Ogni volta da tempo uno scrive e l'altro risponde. Sei uno PSICOPATICO
Pubblicato da donchisciotte il 12 lug 2014 19:19 | Segnala abuso
Sei talmente cretino e ossessionato da Cassola che non ti sei accorto che manco da una settimana.
Pubblicato da robinhood il 12 lug 2014 19:24 | Segnala abuso
...e pure MAELSTROM. Riapparsi insieme. O meglio hai fatto riapparire questi due nick. E anche BUSCOI sei tu. PSICOPATICO. l'IP non mente!
Pubblicato da robinhood il 12 lug 2014 19:28 | Segnala abuso
Cosa replichi fessacchiotto? Ti diverti con i tuoi 15 indirizzi mail (lo hai scritto tu) e relativi nick...tra poco ti dico quali altri sono riconducibili a te...ahahah
Pubblicato da dvdskw il 12 lug 2014 19:51 | Segnala abuso
X Robinhood: mi spieghi cosa centrano gli "INDIPENDENTISTI VENETI" ? Grazie!
Pubblicato da donchisciotte il 12 lug 2014 20:45 | Segnala abuso
Multinick, hai già dimostrato di non saper leggere e nemmeno comprendere: ho scritto che ho 15 indirizzi mail, ma contando anche quelli obsoleti credo di averne avuto non meno di 30. Che cazzo centrano gli indirizzi mail con i nick name?
Pubblicato da robinhood il 13 lug 2014 00:07 | Segnala abuso
Un indirizzo mail= un nick Indipendentisti veneti...loro sono convnti che qui siano tutti onesti e quindi devono staccarsi dall'Italia...MAGARI!!!!
Pubblicato da donchisciotte il 13 lug 2014 00:10 | Segnala abuso
Pubblicato da robinhood il 13 lug 2014 00:27 | Segnala abuso
ah ah ah scemo...ti chiameremo LINKEDIN povero PSICOPATICo, dai metti una canzoncina HAHAHA PSICOPATICO
Pubblicato da ninobixio il 13 lug 2014 13:30 | Segnala abuso
L'ipocrisia regna sovrana: tutti santi, tutti ligi al fisco, tutti in fila per supplicare lo stato di far pagare le tasse fino all'ultimo €cent. La soluzione e' poter scaricare tutte le spese sostenute e certificate come per le partite iva. Ma e' una utopia: qualcuno si troverebbe a dover lavorare veramente, e questo non rientra nelle facoltà mentali di tanti, troppi, dipendenti di enti statali e parastatali erogatrici di stipendi .. e non di servizi.
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 14:08 | Segnala abuso
La Repubblica Italia sopravvive grazie alle tasse pagate fino all'ultimo centesimo dai Dipendenti Statali o Privati che siano. A costoro le tasse vengono trattenute in busta paga quindi sono gli unici NON evasori sicuri. A differenza di altri stati civili, una volta pagate le tasse ci si trova a pagare ticket sulla sanità, sui medicinali salvavita e così via. Poi capita che un figlio debba mettere l'apparecchio ai denti. Il dentista ti propone 12000 euro con fattura oppure 8000 senza. Il meccanico ti dice, il lavoro costa 3500 euro con fattura 2000 senza. Uno che prende 1400 euro al mese cosa fa? Scaricare tutto? Si, ma al 100% non al 20% come in questa repubblica delle banane.
Pubblicato da maelstrom il 13 lug 2014 14:51 | Segnala abuso
Se si continua a pensare in questi termini non se ne uscirà mai. Troppo difficile cambiare modo di ragionare, meglio lasciare le cose così come stanno. Così i furbetti prosperano, si ingrassano e noi ce lo pigliamo tutti nel didietro.
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 15:17 | Segnala abuso
No. Cominciamo a fare come in Francia, Germania e Regno Unito. Chi evade le tasse viene condannato alla prigione e tutti i suoi beni sono confiscati. Poi allora si potrà ragionare. In questi paesi un poliziotto guadagna 6000 euro al mese, lo stesso un professore di Scuola Superiore. Le autostrade non si pagano (tranne in certi tratti della Francia). La sanità è TOTALMENTE GRATUITA, del resto le tasse servono a questo. Inutile che veniate qui a fare i moralizzatori ora. Siete complici del sistema perchè è necessario per sopravvivere. Un povero operaio a 1000 euro al mese deve anche mangiare.
Pubblicato da donchisciotte il 13 lug 2014 15:28 | Segnala abuso
E' il cane che si morde la coda, serve un cambio di mentalità generale. Ma se continuiamo a giustificare l'evasore "per necessità" allora giustifichiamo gli "abusi edilizi per necessità" e i "contrabbandieri di sigarette per necessità", i "contraffattori per necessità" eccetera, eccetera.
Pubblicato da rubiz il 13 lug 2014 15:46 | Segnala abuso
Ciao Direttore. Premesso che parteggio solo per la libertà di espressione (che non è libertà di offesa gratuita) in una precedente e molto partecipata riflessione sostenni che chi interviene dovrebbe essere riconoscibile e non intendo riferirmi alla possibilità di risalire all'ip ma proprio al vero nome e cognome. Nella discussione qualcuno affermò che questo avrebbe impedito interventi utili alle discussioni ma che non potevano palesare l'autore in quanto ricoprente ruoli istituzionali o d'ufficio. Posso capire, anche se all'ip si può sempre risalire...., ma allora non si potrebbero almeno rimuovere gli interventi gratuitamente offensivi. Non aggiungono certo valore alla discussione e comunque le stesse idee si potrebbero esprimere in modo civile. Sarebbe anche una forma di educazione alla Tolleranza unica vera e solida base del progresso e, di esempi alla Tolleranza, oggi, ne avremmo veramente bisogno. Ruggero Bizzotto
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 17:02 | Segnala abuso
Rispondo al donchisciotte. Allora come nei paesi civili introduciamo una minumum tax seria. Quindi il dentista affermato che dichiara 30000euro l'anno in prigione. La pizzeria del centro che dichiara 20000 euro l'anno chiusa immediatamente e proprietario in prigione. E così via. Mi scusi ma concordo con chi scrisse che qui ci spno interventi con nomi diversi ma da parte della stessa persona.
Pubblicato da donchisciotte il 13 lug 2014 17:11 | Segnala abuso
Avanti un altro.
Pubblicato da donchisciotte il 13 lug 2014 17:13 | Segnala abuso
Non mi risulta ci sia una minimum tax in Germania, in Francia o in Inghlterra. E Nemmeno in Svizzera. Sono sicuro che non c'è in Austria e in Usa. Per le aziende c'è una tassazione fissa minima ma è modesta (1000/2000 euro) e non dipende dai reddditi (c'è anche a reddito zero). E' il rapporto col fisco che è diverso come diversa è la percezioe dello Stato o del concetto di Nazione.
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 17:14 | Segnala abuso
Italia paese di evasori fiscali con patrimonio all'estero. E' cosa risaputa nel mondo.
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 17:15 | Segnala abuso
Il fatto che a lei non risulti non interessa a nessuno. Si informi e vedrà che esiste in quei paesi con nomi diversi ma il significato è quello.
Pubblicato da donchisciotte il 13 lug 2014 17:21 | Segnala abuso
Allora scrivimi i riferimenti precisi. Per gli altri: Ho avuto una società in Austria e una in Usa e non ho mai pagato minimum tax. Stessa cosa in Svizzera. In Francia era allo studio nel 2012 una minimum ma per le grandi società di capitale e non per le piccole, poi non ne ho più saputo nulla. Mi ero informato per Germania e Inghilterra e fino al 2012 non esistevano minimum Tax, questo per le limited o le corporate. Per quelle di persone non ho idea.
Pubblicato da archiseb il 13 lug 2014 17:29 | Segnala abuso
Ma che officina con attrezzatura "all'avanguardia". ...l'ennesimo povero cristo che ha una famiglia da mantenere e come lui i suoi clienti che cercano di risparmiare quello che questo (s)tato ruba e scialacqua. Mi fanno ridere queste azioni della GDF, beccato l'ennesimo pesce piccolo, ma piccolo piccolo. Metterei a partita iva obbligatoriamente per 2 anni tutti questi servitori dello (s)tato e poi vediamo... Vorrei che venisse pubblicato come vanno a finire queste super azioni. Se volete vi racconto come é andata a finire con i mega evasori da milioni di euro di Bassano l'estate scorsa. La veritá è che ci stiamo avvicinando ai paesi del Terzo Mondo, e non siamo neanche "in via di sviluppo. Si chiama "economia informale" e in quei Paesi é addirittura incoraggiata. Dobbiamo abituarci, la pappa é finita, per tutti. ...e tanti "funzionari" col loro posticino caldo e tranquillo, non se ne sono ancora resi conto.
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 17:29 | Segnala abuso
"per quelle di persone non ho idea"- INFATTI Resti in Italia a evadere tranquillo e dia aria ad un orifizio dverso dalla bocca
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 17:31 | Segnala abuso
concordo con ARCHISEB. E direi anche di verificare come mai certi servitori dello Stato hanno case, auto e altro inspiegabili con lo stipendio ricevuto
Pubblicato da donchisciotte il 13 lug 2014 17:31 | Segnala abuso
Nei paesi "civili" le tasse si pagano sul reddito e non sul patrimonio. Non sul magazzino come da noi. Il concetto è che paghi se guadagni. Con la minimum il concetto è devi pagare perchè so che sei un evasore e sottrai reddito. Pesco nel mucchio e raccatto qualcosa. Succede solo da noi. In molti paese è un concetto incostituzionale. Per il tizio col nuovo nick ma con i soliti concetti: se non hai mai gestito una società quotata in borsa, studiati lo stesso la Sabarnes-Oxley Act. Magari impari qualcosa.
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 17:36 | Segnala abuso
Le pizzerie in Italia dichiarano 20000 euro annui di medie I dentisti 30000 tutto il resto và da sè
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 19:14 | Segnala abuso
I dipendenti pubblici pagano le tasse. Cosi' come i dipendenti privati. Ad entrambe le categorie vengono trattenute dalla busta puga. I nullatenenti imprenditori dichiarano 20000 euro, hanno otto case, viaggiano in Porsche e i figli non pagano tasse universitarie. Poi il fesso mette la notizia di un fannullone. Povera Italia.
Pubblicato da donchisciotte il 13 lug 2014 19:22 | Segnala abuso
Cominciamo da quelli che hanno la residenza a Roma e chissà perchè te li trovi tra i marroni qui, magari a fare i consiglieri comunali.
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 19:33 | Segnala abuso
I dipendenti pagano le tasse. Il resto evade. Date lo stipendio lordo ai dipendenti e se lo gestiscono come vogliono. Poi vediamo. Fanfarone
Pubblicato da ml69 il 13 lug 2014 21:03 | Segnala abuso
Avanti con il qualunquismo
Pubblicato da beggar70 il 13 lug 2014 21:44 | Segnala abuso
Ci mancava il profeta, con le sue categorie assolute e le sue statistiche. Tra le quali manca, ovviamente, quella dei dipendenti pubblici o privati con il lavoretto e secondo e il terzo lavoro. Dei professori che danno ripetizioni fatturando proprio tutto. E via dicendo... Ma il profeta, ovviamente, ha solo incrollabili certezze: il mondo si divide in dipendenti - cristallini - e autonomi, professionisti o imprenditori, certamente evasori. E infine il problema maggiore è proprio questo. Vero che nessuno è profeta in patria, ma determinate profezie assomigliano un po' troppo ad almanacchi.
Pubblicato da donchisciotte il 13 lug 2014 22:06 | Segnala abuso
Beggar, chissà il profeta multinick dove ha la residenza.
Pubblicato da donchisciotte il 13 lug 2014 22:12 | Segnala abuso
Quanti dei dipendenti pubblici sono stati assunti in modo clientelare? Abbiamo una delle spese pubbliche improduttive più alte dei paesi europei e lo dobbiamo a questo sistema. Ogni dipendente pubblico assunto in modo assistenziale senza che ci sia una reale necessità, uno privato viene lasciato a casa per fallimento o delocalizzazione. Con la complicità dei sindacati, altra categoria di parassiti. Quelli di adesso. Nulla a che vedere con sindacati di qualche decennio fa.
Pubblicato da il-profeta il 13 lug 2014 22:33 | Segnala abuso
Dipendenti pubblici e PRIVATI pagano sicuramente le tasse. Gli altri non si sa. Ogni tanto leggiamo che la Finanza trova evasori, elusori, sconosciuti al Fisco. Sono POVERI imprenditori nullatenenti
Pubblicato da ml69 il 14 lug 2014 08:42 | Segnala abuso
Più che il profeta direi il m...
Pubblicato da ninobixio il 14 lug 2014 10:13 | Segnala abuso
Avevo scritto alcune righe, ma le ho cancellate: visti i toni, non ne vale la pena. Quanto meno nel rispetto delle decine di imprenditori morti suicidi negli ultimi anni.
Pubblicato da il-profeta il 14 lug 2014 11:17 | Segnala abuso
Infatti non si generalizza. Leggi ciò che ho scritto. I dipendenti pagano le tasse trattenute in busta paga. Gli altri non si sa. Ripeto. Dichiarazione delle Pizzerie italiane 20.000 euro di media. Per fare solo un esempio. Come vogliamo chiamarla se non EVASIONE FISCALE?
Pubblicato da beggar70 il 14 lug 2014 11:48 | Segnala abuso
Non generalizzi ma semplifichi, che è lo stesso. Qualche pizzeria alla fine i ventimila li farà eccome, mica son più tempi d'oro neanche per loro. Chi dichiara il falso, invece va sanzionato e fatto pagare il giusto. Dove sarebbe la novità? E mica tutte le partite IVA son pizzerie o dentisti: ci sono intere categorie che soffrono davvero, molto e da anni, con l'aggravante che di loro non si cura nessuno, a livello politico, e lo stato continua a tartassare oltre il sostenibile. Finiamola con questa contrapposizone da due soldi, che poi fondamentalmente è ideologica. Se qualche centinaio di migliaia di dipendenti pubblici sono in più o non producono quanto sia necessario per sostenerne lo stipendio, beh per me questo è grave tanto quanto l'evasione, giusto per essere chiari. E la lotta contro l'evasione dovrebbe in ogni caso fare il pari, anche nella violenza dei toni, con quella contro lo spreco della spesa pubblica. Rispondi tu alla domanda: sei d'accordo o no, profeta?
Pubblicato da il-profeta il 14 lug 2014 11:58 | Segnala abuso
Qui mi trovo d'accordo. Ma qualcuno sopra scrisse che il problema sono i dipendenti. Il problema è l'evasione fiscale che tutti sappiamo esiste in maniera abnorme. E se anche vengono scoperti nulla succede. Nei paesi di cui sopra si và in carcere e vengono sequestrati tutti i beni.
Pubblicato da donchisciotte il 14 lug 2014 12:04 | Segnala abuso
Soliti triti e ritriti luoghi comuni: dipendenti = santi, imprenditori = evasori. Peccato che sia la guardia di finanza a non pensarla così: www.corriere.it/cronache/14_gennaio_26/dai-prof-universitari-dirigenti-pubblici-truffa-doppio-lavoro-nero-26da2320-865a-11e3-a3e0-a62aec411b64.shtml www.ailf.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=537:infermieri-doppio-lavoro-tra-regolarita-e-cattiva-amministrazione&catid=25:materiale-interessante-dall-associazione&Itemid=37 Si parla di miliardi (miliardi) di euro di evasione. A trasformare in santi chi ha il vizio di truccare i bilanci, invece, ci ha pensato San Silvio con le sue leggi ad personam e pro evasori.
Pubblicato da buscoi il 14 lug 2014 12:27 | Segnala abuso
Pubblicato da maelstrom il 14 lug 2014 12:46 | Segnala abuso
Nessuno mi pare abbia scritto che il problema sono i dipendenti. Il problema semmai è l' indulgenza cronica che abbiamo nei confronti di chi delinque. E trattasi comunque di una legge universale: quella della domanda e dell' offerta. Se chiedo di pagare in nero e l' altro me lo permette siamo colpevoli entrambi. Deve cambiare il modo di pensare. Serve più rispetto. Se aspettiamo che cambino leggi o si inaspriscano le pene, fra 100 anni saremo ancora qui a parlarne.

Più visti