Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

RedazioneRedazione
Bassanonet.it

Ambiente

PFASserà anche questa

L’intera regione Veneto è in allarme. Ma veramente la crisi a livello idrico è iniziata solo ora? E solo a causa delle sostanze perfluoroalchiliche?

Pubblicato il 06-10-2017
Visto 2.067 volte

Pubblicità

Rinascimento in bianco e nero

Dalle analisi ARPAV anche il bassanese risulta a forte rischio di contaminazione seppur, dalle analisi eseguite, la quantità di PFAS sembrerebbe non superare i limiti. Fortunatamente non solo legislativi, ma anche di effettivo rischio: questi infatti non sempre coincidono, essendo quelli strettamente veneti di gran lunga superiori a quelli di altre realtà, nazionali e internazionali.

Dall’involuzione socio-ambientale alla contemporanea città urbano-industriale: oli e vernici nelle falde, dalle piccole alle grandi costruzioni, da quelle edilizie a quelle infrastrutturali; dai trasporti alle industrie locali. Tutto ciò di cui si è sempre creduto abbiano portato valore aggiunto e ricchezza in un territorio sempre più colpito da una crisi ambientale insanabile, a differenza di quella strettamente economica, dotata di una resilienza tale da aver sopportato (e supportato) la crisi economica, ma senza sfruttarla come opportunità per una possibile riflessione di quali siano le sue vere cause.

L’intero sistema primario nazionale, di cui il Veneto ne è tra i trascinatori, non ne è ad oggi messo a dura prova? La contaminazione dei terreni agricoli e più ampiamente l’intero sistema economico primario, con i pescatori che letteralmente non sanno più che pesci pigliare.
La finta evoluzione economica che ha fatto la fortuna di numerosi imprenditori bassanesi sì è purtroppo basata su grandi contraddizioni, da quelle stesse istituzioni pubbliche che hanno spesso chiuso un occhio (solo uno, perché l’altro era già chiuso da un pezzo), con la scusante di una crescita locale utopicamente illimitata. Ma che avrebbero dovuto dirigere quegli stessi processi di controllo.

Sarà dovuta a questo la perenne e incontrollata cementificazione, a scapito del fragile e permeabile suolo? Forse proprio al fine di evitare che le falde assorbano le sostanze dannose!
Arriverà quindi il giorno in cui non si vedrà l’ora che diventi tutto grigio.

    Più visti

    1

    Politica

    27-02-2024

    Marinweek

    Visto 10.123 volte

    2

    Attualità

    25-02-2024

    The Sound of Silence

    Visto 10.008 volte

    3

    Attualità

    25-02-2024

    Robe di Tappa

    Visto 9.927 volte

    4

    Attualità

    24-02-2024

    Un anno di Fulvio

    Visto 9.846 volte

    5

    Cronaca

    26-02-2024

    Centro Schei

    Visto 9.799 volte

    6

    Politica

    24-02-2024

    I Vernillez

    Visto 9.692 volte

    7

    Attualità

    26-02-2024

    Eau de Toilette

    Visto 9.469 volte

    8

    Attualità

    26-02-2024

    DG La7

    Visto 9.210 volte

    9

    Attualità

    26-02-2024

    Sotto il segno dei Gemelli

    Visto 9.071 volte

    10

    Attualità

    28-02-2024

    L’uovo alla C.U.C.

    Visto 7.093 volte

    1

    Politica

    20-02-2024

    Sant’Elena

    Visto 20.690 volte

    2

    Politica

    10-02-2024

    Il grande momento

    Visto 13.637 volte

    3

    Attualità

    03-02-2024

    Da Bassano con Furore

    Visto 12.874 volte

    4

    Attualità

    06-02-2024

    Piani Baxi

    Visto 11.681 volte

    5

    Politica

    03-02-2024

    Campagnolo elettorale

    Visto 11.523 volte

    6

    Politica

    04-02-2024

    Giunta comunale

    Visto 11.416 volte

    7

    Attualità

    07-02-2024

    Sarò lapidario

    Visto 11.354 volte

    8

    Attualità

    04-02-2024

    Vota Antonio, Vota Antonio bis

    Visto 11.123 volte

    9

    Politica

    18-02-2024

    A Brunei

    Visto 10.922 volte

    10

    Attualità

    02-02-2024

    Il sig. Francesco

    Visto 10.859 volte