Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 11-10-2011 17:09
in Attualità | Visto 2.498 volte
 

A.A.A. Caserma Fincato vendesi

Pubblicato all'albo pretorio online del Comune di Bassano il bando di gara pubblica per la vendita dell'ex complesso militare. Il sindaco Cimatti: “Una vendita strategica solo se conclusa entro il 2011”

A.A.A. Caserma Fincato vendesi

Cimatti: "Se la prima asta dovesse andare deserta non ce ne sarà una seconda"

Ora ci siamo. E’ stato pubblicato all’albo pretorio online del Comune di Bassano del Grappa il bando di gara dell’asta pubblica per la vendita dell’ex Caserma Fincato, complesso di immobili di proprietà comunale situato in via Cunizza da Romano. La base d’asta è stata fissata in 4.300.000 euro.
Il complesso immobiliare sorge su un’area di 23.354 metri quadrati ed è composto da 9 corpi di fabbrica, che si sviluppano su un solo piano, con diverse forme e dimensioni; l’area scoperta pertinenziale è di circa 19.000 metri quadrati.
L’immobile, nella sua destinazione d'uso originaria, ha funzionato come supporto logistico-missilistico dell’Aereonautica Militare alle basi NATO di Toraro, Arsiero e Cima Grappa.
E' stato realizzato agli inizi degli anni ’50 ed è situato lungo la Strada Statale 141 Cadorna, in zona suburbana del Comune di Bassano del Grappa, nella parte nord del quartiere San Vito e pressoché a confine con il Comune di Romano d’Ezzelino, in un contesto misto residenziale di tipo estensivo, agricolo e produttivo-industriale.
Come informa inoltre una nota del Comune di Bassano, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici per il Veneto ha dichiarato che il complesso immobiliare “non riveste alcun interesse storico, artistico, archeologico.”
“Ho già avuto modo di dire in diverse occasioni che la vendita dell’ex Caserma Fincato è strettamente legata alla situazione debitoria del nostro Comune - sottolinea il Sindaco Stefano Cimatti -. Quanto andremo ad incassare dall’alienazione di questo bene sarà dunque utilizzato per ridurre un debito che ormai ha superato i 61 milioni di euro. La vendita però diventa per noi importante e strategica solo se riusciremo a concluderla entro il 2011, pertanto se la prima asta dovesse andare deserta non ce ne sarà una seconda, ma faremo in seguito altre valutazioni”.
Il termine per la presentazione delle offerte è fissato alle ore 12 di giovedì 10 novembre 2011. L’asta avrà luogo lo stesso giorno a partire dalle ore 15.30 presso l’Unità di Progetto Patrimonio in via Verci n. 33.
Il bando integrale può essere reperito nella sezione on line del sito www.comune.bassano.vi.it. Per ulteriori informazioni e presa visione: Unità di Progetto Patrimonio, telefono 0424/519.342.
Come noto, la variante al Prg per il cambio di destinazione d'uso del complesso dell'ex Caserma è stata discussa e approvata dal consiglio comunale nella seduta del 6 luglio scorso: a seguito della variante urbanistica, l'area Fincato - se, e una volta alienata - sarà destinata all'edilizia residenziale privata.
Pubblicato da anselmo il 11 ott 2011 18:38 | Segnala abuso
E' una vergogna!
Pubblicato da imeoni il 11 ott 2011 18:51 | Segnala abuso
No alle "torri" si all'aumento di cubatura del 20% sull'area "Fincato"......forse sono scemo....e non sono l'unico...... molto probabilmente!
Pubblicato da bepicristofoletto il 12 ott 2011 09:00 | Segnala abuso
Condivisibile lo scopo di far cassa ,meno il percorso e il metodo. Davvero non posso essere ottimista sull'esito di una operazione di alienazione immobiliare "nuda e cruda" come questa ,di questi tempi :con le banche che hanno chiuso i rubinetti dei mutui diventa tutto più difficile . Trovare qualcuno che ha liquidità pagare i costi dellla Fincato , pagare i costi di demolizione e costruzione e poi sobbarcarsi un parziale invenduto (probabile)..... D'accordo che gli immobili restano sempre un investimento ,ma di questi tempi molti pensano a farli sparire i capitali grossi più che ad investirli .Occhio ai maghi e maghetti dell'immobiliare, e ai prestigiatori di mestiere sempre in voga .
Pubblicato da occhirossi11 il 12 ott 2011 09:07 | Segnala abuso
...vediamo se si muoveranno le SGR...
Pubblicato da paolino il 12 ott 2011 09:12 | Segnala abuso
@anselmo: la vera vergogna sono i milioni di debiti che l'amministrazione deve ripianare, non la vendita di quello che è un RUDERE e un PUGNO NELL'OCCHIO di una delle zone a me più care della nostra bella città, zona che al momento è buona solo nei periodi di fiera come grande parcheggio per le roulotte dei giostrai. San Vito è la frazione più popolata del comune e sicuramente continuerà ad espandersi, non vedo assolutamente male una nuova zona residenziale, se fatta in modo intelligente e responsabile.
Pubblicato da piubello il 12 ott 2011 09:46 | Segnala abuso
Se non erro, il "NO alle torri" riguardava la deroga all'altezza massima, anche se poi di fatto la cubatura prevista è un po' diminuita. Area Fincato: dove posso leggere dell'aumento di "cubatura" del +20% ??? A me pare invece che un indice di utilizzazione fondiaria dello 0,25 m²/m² sia più che accettabile. L'altezza massima di 9,5 m poi mi sembra un buon compromesso. In questo caso parlare di cementificazione è esagerato (e fazioso), però è giusto pretendere che in Futuro vi sia un costruito sostenibile e di alta qualità architettonica, vista la posizione privilegiata di quell'area. Cordialmente. Davide Piubello
Pubblicato da buscoi il 12 ott 2011 11:45 | Segnala abuso
Spiegatemi come si potrebbe vendere un'area del genere a una cifra del genere senza aumento di cubatura! Chi la comprerebbe e a che scopo? Vorrei anche sapere che intenzione aveva il precedente sindaco in quell'area?
Pubblicato da monegatostefano il 12 ott 2011 12:10 | Segnala abuso
bilancio preventivo 2011 approvato a marzo/aprile 2011: non fu prevista la vendita ne l'inserimento nel piano triennale delle alienazioni. 5 luglio ( 2-3 mesi dopo!) : si scopre un buco di 9 milioni e mezzo (però.....). che si fa dopo questa mancanza completa di programmazione ? si vende la fincato. nessun aumento di cubatura si proclama in consiglio comunale. difatti l'indice al 2° passaggio in consiglio passa da 0.25 a 0.30, che unito agli aggiustamenti precedenti porta ad una maggiorazione di circa il 30% ( non bruscolini, che ne dice Bruscoi ?). al quartiere, snobbato (e quasi dileggiato sul referendum proposto ai cittadini.... ma non erano quelli del referendum pro-contro le torri ?) alla grandissima dall'amministrazione, non si propone alcunchè nemmeno un marciapiede, una baracca, uno spriz. il possibile incasso per l'unica area a nord della città di nostra proprietà viene messo a costo per la cittadella dei servizi, non a diminuzione del debito ( nè a servizio, anche parziale, della parte nord ). "3.000 appartamenti sfitti. basta!" ricordate che programma citava questa fase ? del sindaco o del pd ? o .... di tutti e due ? l'anno scorso si è chiuso il bilancio in pari con un bel regalo ai soliti noti. quest'anno si tenta nuovamente con un'altra bella idea, rispettosa del quartiere, del programma elettorale, del metodo, che non aumenta la cementificazione, che favorisce la pertecipazione dei cittadini e dei quartieri nelle scelte per la nostra città. domanda: chi xè il busiaro ? (traduco per i non veneti e non bassanesi, quindi anche per il sindaco: chi è il bugiardo?)
Pubblicato da paolino il 12 ott 2011 12:37 | Segnala abuso
@monegatostefano: mi permetta la battuta di spirito, siamo sicuri stavolta dei numeri citati? :)
Pubblicato da parsifal il 12 ott 2011 13:24 | Segnala abuso
Monegato, una cortesia. In urbanistica e opere pubbliche la passata amministrazione dovrebbe stare zitta per pudore. Ti do un consiglio. Finiscila di criticare l'amministrazione in questo modo su temi dove voi non avete patenti di verginità. Fai proposte serie e mettile in discussione. Perchè parli di cubature se Bassano è circondata dai petardi che tutti possiamo vedere. Fate le persone serie. Se lavorate costruttivamente e fate un po' di pulizia sulle persone, forse fra 3 anni vi votano.
Pubblicato da monegatostefano il 12 ott 2011 14:40 | Segnala abuso
paolino: se i numeri forniti dall'amministrazione sono reali...... io cito SOLO quelli. parsifal: ritengo che alla luce dei fatti gli amministratori del passato, per quante mancanze fatte (fatti ....fatte...mah), a confronto con "nel mezzo del cammin di questa amministrazione" facciano solo bella figura. lo dico da cittadino e non da tecnico, non lo sono. se poi andiamo a vedere gli "alti" proclami lanciati e non mantenuti ..... lasciamo perdere ch'è meglio, dai. l'hanno ammesso vari blogger anche qui. la maggioranza non l'abbiamo demolita solo noi, ci ha messo molto del suo (mi sembra di essere a roma a parti invertite....). se bassano è così è merito/colpa del prg. ; vatti a vedere chi l'ha steso (consiglio, chiedi al capogruppo della maggioranza .....). ma non a sua discolpa, non vorrei mai, ma forse nel passato ragionavano in modo diverso. e sui rapporti istituzionali: a questa maggioranza rispondiamo pan per focaccia. non siamo buoni cristiani, come il sindaco. ma in fatto di "carognate amministrative" siamo ancora in credito noi. Sure. quando cambieranno atteggiamento nei nostri confronti anche noi abbasseremo i toni. finchè c'è muro contro muro no, ed è iniziato per colpa loro, fin dall'inizio. non sono nemmeno un bravo muratore, ma quando mi prendono per i fondelli imparo in fretta.
Pubblicato da gianfranco il 12 ott 2011 15:29 | Segnala abuso
Sta di fatto che bisogna abbattere il debito pubblico, e nel caso, quello comunale. Che si fa allora ? Ok, NON vendiamo la Fincato, che vendiamo o come produciamo "money" per pagare i debiti ? Forse qualcuno pensa ........... di mettere la mani nelle tasche .....ops nelle mutande dei bassanesi ???
Pubblicato da buscoi il 12 ott 2011 15:46 | Segnala abuso
@paolino e parsifal, assè stare!! Capezzone/Monegato el fa ciò che i ghe dixe de fare!! Nol ragiona ko a so testa...
Pubblicato da parsifal il 12 ott 2011 16:03 | Segnala abuso
Monegato, forse non hai capito ma i bassanesi ne avevano piene le scatole della mafia di santacroce. Di quella fabbrica di raccomandati etenobigotta che da anni piazza i propri adepti in tutti i settori, dalla politica, alle associazioni, alle imprese. Inoltre la politica urbanistica e dei lavori pubblici è stata sfacciatamente improntata alla speculazione ed a favorire alcuni soliti noti. Questi sono dati di fatto. Se non li hai digeriti, è peggio per te. Detto questo abbiamo anche assistito a dei salti della quaglia al ballottaggio con successivi diktat di partito che hanno prodotto, dopo oltre 2 anni, le tensioni e le derive che cominciamo a vedere. Se continui con la contrapposizione “prima era meglio adesso è peggio” non vai da nessuna parte. Ripeto, parti con delle proposte invece di gridare su temi dove voi dovreste solo tacere. Se mettete un punto fermo e ripartite con un nuovo spirito, forse avete una possibilità di costruirvi un percorso che potrebbe portarvi a governare la prossima legislatura altrimenti sarete sempre relegati a questo ruolo marginale. Un ultimo consiglio: scremate i compagni di classe e gli alleati. C’è da piangere a vedere certe uscite durante un consiglio comunale.
Pubblicato da parsifal il 12 ott 2011 16:05 | Segnala abuso
Buscoi, il pezzo l'avevo scritto prima del tuo intervento.
Pubblicato da monegatostefano il 12 ott 2011 16:40 | Segnala abuso
buscoi, speta che sento cossa gò da dirte...... ansì ..... i me gà dito de mandarte in .... un bel posto! beato ti! sul passato: io me ne fregherei, è questa maggioranza che addossa a chi c'era prima tutto il male del mondo, invece che prendersi le proprie responsabilità e fare scelte decisive per il futuro di bassano. invece tiriamo a campà, a chiudere (male) un buco al giorno senza intervenire strutturalmente. io le idee le ho, sui parcheggi, sulla struttura, sulle aree del personale, sugli spettacoli. ma, visto che l'opposizione dice sempre e solo monade, me le tengo x me. forse. forse no. vedremo. daccordo (?) con parsifal. domanda: perchè governa ancora santacroce col capogruppo ex pupillo di ..... ? bisogna che noi nordici ci si faccia rispettare di +, e non si faccia vendere la caserma fincato senza dare alcunchè alla parte nord della città. che vendano la terra a santacroce che ce n'è tanta.
Pubblicato da ilbreso il 12 ott 2011 17:12 | Segnala abuso
stemon: con tutto il rispetto, mi fa tristezza leggere "io le idee le ho, sui parcheggi, sulla struttura, sulle aree del personale, sugli spettacoli. ma, visto che l'opposizione dice sempre e solo monade, me le tengo x me." E' possibile che proprio non riusciamo ad uscire da questo teatrino in cui l'unica cosa importante è far vedere che gli altri hanno torto? Sarà vero che come opposizione non volete dare suggerimenti alla maggioranza. Ma di dare proposte alla cittadinanza ve ne fregate proprio? Cominciamo a pensare alla prossima amministrazione: credo che molti che abbiano votato Cimatti, sperando in un cambiamento, siano ormai delusi (almeno io lo sono). Con che coraggio alle prossime elezioni potrò dare il mio voto a chi non ha fatto altro che dire "brutti, cattivi, incapaci, minestroni, bugiardi?"
Pubblicato da imeoni il 12 ott 2011 17:18 | Segnala abuso
parlando di sprechi: quest'anno è stata rifatta per ben 3 volte la segnaletica in viale De Gasperi.....Poi mancano soldi.......forse Monegato è colpa della "tua" amministrazione??!!!!!!!!
Pubblicato da buscoi il 12 ott 2011 17:32 | Segnala abuso
@monegato, stai vaneggiando....troppo comodo dire: del passato io me ne fregherei! Non funziona così! Trovo di pessimo gusto il tuo modo di pensare e di sputare addosso alla attuale amministrazione facendo i conti (sbagliati) delle spese e non ti accorgi che il tuo ex boss (Bizzotto) spendeva di più! Abbi un po' di decenza! E ti permetti pure di dire che tu avresti delle idee migliori ma te le tieni per te!! Ti ricordo che quando si va contro un qualcosa bisogna avere un'alternativa, altrimenti si sta zitti! Ho chiesto che programmi aveva Bizzotto per l'ex caserma oggetto di vendita? .....nulla....nessuno dei tuoi ha risposto....che programmi ha Cimatti su tale bene? risposta: vendita. Hai un'idea migliore? PARLA! ....con la tua bocca però no ko kuea de Capezzone! :-)
Pubblicato da marco64 il 12 ott 2011 18:07 | Segnala abuso
Prima di lamentarsi delle alienazioni meglio leggere qualche nota informativa non bolscevica (a meno che la corte dei conti a cui il pdl si è rivolto per la transazione “area Pengo” non sia comunista solo quando parla male del governo). www.corteconti.it/export/sites/portalecdc/_documenti/controllo/sezioni_riunite/sezioni_riunite_in_sede_di_controllo/2011/delibera_28_2011_contr.pdf Da pag. 158 patto di stabilità dei comuni (par. 11) Pag. 170 leggere attentamente (possibile politica tariffaria di aumento dei costi dei servizi a domanda individuale a causa dei vincoli del patto) Pag. 171 leggere attentamente (riduzione investimenti in opere pubbliche) Un’altra fonte in cui si tratta dell’indebitamento dei comuni entilocali.umforumgratis.com/t107-indice-di-indebitamento#408 Citazione dal collegamento sopra: “Mentre la riforma del Patto è ormai un dato acquisito, il compito dei tecnici ministeriali sembra più arduo per quanto riguarda lo sblocco dei residui passivi, oggi utilizzabili solo per una quota irrisoria (0,75%). Su questo Tremonti non vuole sentire ragioni, anche se negli ultimi giorni pare che il pressing di alcuni ministri sul numero uno del Mef stia aprendo spiragli per un innalzamento della quota al 2%.” Poi qualcuno ci racconta che avere fatto mutui per opere non realizzate o per l’acquisto del vecchio ospedale e della caserma Fincato (residui passivi) è stato un bene, oppure dice che i soldi per le opere pubbliche ci sono, basta utilizzare i residui cioè lo 0,75% di 22.000.000 di euro, la bellezza di 16.500 euro. Sull’edificazione di nuove abitazioni sono da sempre contrario e l’ho scritto più volte. Qui però non si parla di un’area vergine a vocazione agricola, ma di area già edificata ed in stato di degrado. Inoltre la maggior parte di quelle sfitte è praticamente invendibile perché costruite per speculare, non a norma per il risparmio energetico (e magari anche non a norma per gli impianti elettrico e di riscaldamento) Ultima cosa sull’urbanistica: corrisponde al vero che, dopo l’approvazione del PAT, la passata amministrazione ha inviato a diversi cittadini una lettera, a firma del sindaco Bizzotto, in cui venivano informati della sopravvenuta possibilità di fabbricare (mentre in realtà non era così) e che la contestata latitanza di questa amministrazione a concedere autorizzazioni, con mancato introito dei relativi oneri di urbanizzazione, è invece dovuta alla regolarizzazione delle posizioni erroneamente indicate dalla vecchia? E, dato che quanto sopra non è smentibile, visto che le mie fonti sono dirette e non dell’amministrazione, non è che le lettere inviate avevano un qualche scopo elettorale, come quelle inviate all’inizio del 2000 (prima delle elezioni regionali) a 15000 famiglie chiedendo chi voleva “fabbricare”?
Pubblicato da marco64 il 12 ott 2011 18:08 | Segnala abuso
A proposito della transazione "area Pengo". A che punto è il ricorso alla corte dei conti?
Pubblicato da monegatostefano il 12 ott 2011 18:22 | Segnala abuso
imeoni: cerrrrto che sì ! (ps: non mia) ilbreso: ribadisco che hai ragione. tutto a tempo debito. se fin'ora abbiamo "battuto" poco sul cosa faremmo noi .... tutto a tempo debito. buscoi: hai bisogno di ferie? (beh .... io sempre) ti ripeto, mai dato un numero che non sia ufficiale. io. chiedere al sindaco e al capogruppo maggioranza se anche loro l'hanno fatto. chiarisciti (prima con te stesso): ma sono io o no capezzone? o è qualcun altro? fasso fadiga a capirte. fregarsene era riferito alla tua (?) maggioranza che continua con questa litania; sarebbe + serio da parte loro fare come hanno SEMPRE FATTO TUTTI i loro predecessori. è un gran segno di debolezza questo. no ? e non incazzarti sempre.... sulla fincato (repetita juvant): allargare il tiro ai campi intorno, coinvolgendo i contadini; farsi dare terra da loro permettendogli di tirar giù i capannoni agricoli esistenti (brutti), permettendo loro di fare la casa ai figli; i metri diverrebbero così da 25 a 5o.ooo; vendiamo una parte (cospicua); col ricavato si fanno il ritrovo per anziani e una piccola palestra x il quartiere; la gran parte dell'incassato lo portiamo ad estinguere mutui, non x la cittadelle dei servizi come vuole cimatti. xee tute monade ? il tuo capezzone preferito
Pubblicato da riccardopoletto il 12 ott 2011 18:26 | Segnala abuso
Tutto vero sulle esigenze di bilancio e sul fatto che non si parla di un'area verde, ma di una già edificata e da riqualificare, ma l'aumento dell'indice è davvero dettato solo dalla fretta di vendere e, di conseguenza, di rendere la vendita più appetibile, non è un caso, infatti, che fino a qualche settimana prima "bastava" lo 0.25. I metri cubi in più agli esistenti, anche secondo i miei conti, sono circa il 30% . www.unaltrabassano.it/2011/10/12/su-vendita-ex-caserma-fincato/
Pubblicato da imeoni il 12 ott 2011 19:12 | Segnala abuso
Monegato mettetea via anca par i prossimi 2 anni e qualche mese e cose negative se colpa del passato e i "palaspot" se del presente!!!!!!!!!
Pubblicato da rogas il 12 ott 2011 19:17 | Segnala abuso
marco64, sempre meritevoli i tuoi "oggettivi" contributi. Mi ha particolarmente colpito del secondo link: "«L'indebitamento», spiega Maurizio Delfino, braccio destro tecnico del sottosegretario all'interno Michelino Davico, «incide con effetti negativi sulla spesa corrente e sul Patto, e per questo va limitato, perché un conto è la legittimità di un mutuo o di un prestito, un conto la sana gestione finanziaria». «Molto spesso i comuni», prosegue Delfino, «prendendo come base di riferimento il 15% delle entrate correnti, accendono mutui che non riescono a rimborsare. Basta infatti una decurtazione dei trasferimenti statali o regionali per non far quadrare più i conti». Esattamente come avverrà nel 2011. Quando scatterà la decurtazione dei trasferimenti imposta dalla manovra (1,5 miliardi che diventeranno 2,5 nel 2012) con la conseguenza che gli enti che oggi rientrano nel limite di indebitamento, in futuro (e col tetto all'8%) potrebbero non esserlo più, pur non avendo sottoscritto alcun nuovo mutuo." Sull' alienazione, essendo soggetta ad asta pubblica, "vaneggio" se immagino inaspettati sviluppi?
Pubblicato da gianfranco il 12 ott 2011 21:47 | Segnala abuso
4,3 milioni di euro. E' un prezzo equo ? La variante del PRG ha prodotto un aumento di ""cubatura"" da 0,25mq./mq. a 0,30 mq./mq. ? Se la matematica non è opinione, come sembra per molti lettori/scrittori, l'aumento del potenziale edificatorio è pari al 25%. Seppoi questo potenziale edificatorio assorbe l'esistente, che il bando non quantifica, è anche pur vero ....se poi qualcuno ha una cifra in moneta sonante pari a quanto è costato l'onere finanziario dell'acquisto in origine, più gli interessi dei vari mutui in corso di pagamento, può farsi avanti con una concreta proposta economica ed urbanistica che comprenda la conservazione dei luoghi nello stato corrente. Rimangono comunque ..... Euro - 61.000.000, diconsi Euro menosessantunmilioni ! NON dimentichiamolo.
Pubblicato da gianfranco il 12 ott 2011 23:03 | Segnala abuso
Errata corrige : Ops, a proposito di matematica che non è un opinione .... l'aumento del 20% .....hehehehehe ...
Pubblicato da monegatostefano il 12 ott 2011 23:41 | Segnala abuso
gianfri.... siamo al +30% circa perchè al +20% (da 0.25 a 0.30) c'è da aggiungere .... scusa non ricordo esattamente che parametri o che artifizi presenti nella 1° delibera di luglio. ma si era calcolato questa % . ripeto non sono un tecnico. mi fido di chi ne capisce + di me. Ripeto: e la mia proposta delle ore 18.22 ? monade ? 2°: e aver venduto terreno per 2.170.000 € , cioè il costo di acquisto ? e il resto a disposizione della comunità ? certo, 61 mil. e diventeranno 63 come da prospetto. contento ?
Pubblicato da parsifal il 13 ott 2011 00:02 | Segnala abuso
Monegato: non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. Continua così.
Pubblicato da gianfranco il 13 ott 2011 00:06 | Segnala abuso
@StefanoMonegato, proposta delle 18,22. Non è male ... ma prevede sicuramente tempi più lunghi, salvo naturalmente l'accordo con i privati, cosa del tutto non scontata. A questo punto sarebbe da sperare che l'asta vada deserta, e che si inizi a pensare ad obiettivi diversi per la ex-caserma in se stessa, ad altri ancora nella visione globale.
Pubblicato da marco il 13 ott 2011 08:41 | Segnala abuso
@ monegatostefano Non te la prendere ma in un commento di un altro post avevi scritto scuadra con la "C" e mi sono detto avrà sbagliato a digitare. Ora scrivi fin'ora con l'apostrofo.. Errori un po' (anzi pò..o forse poh) strani per un professorino come te ;) Comunque scherzi a parte, non ho ben capito la tua proposta.. - "allargare il tiro ai campi attorno" cosa significa? rendere edificabile anche i campi attorno alla Fincato? Oppure vendere anche i campi attorno alla Fincato? - "farsi dare terra da loro ": cosa vuol dire? esproprio..no non credo. Acquisto di campi? con che soldi? - "vendiamo una parte (cospicua)": ma se continui a dire che la fincato non deve essere venduta? Guarda sicuramente non ho capito cosa intendi per colpa mia, Potresti spiegarmi meglio?
Pubblicato da parsifal il 13 ott 2011 09:21 | Segnala abuso
Monegato, cosa mi dici di Giunta-Indiana Jones? Tu che lavoravi con lui fianco a fianco, è cambiato dal 2009 o era così anche prima?
Pubblicato da zenmauro il 13 ott 2011 10:16 | Segnala abuso
Mi ero promesso di non intervenire su questo articolo in quanto penso di aver fatto bene la mia parte (sia il 5 luglio, sia il 29 settembre) in Consiglio Comunale... tra l'altro ho letto l'articolo di Poletto....e tante cose corrispondono con i miei interventi in Consiglio ... soprattutto sul fatto che una vendita così andava programmata sfruttandola anche nell'interesse della collettività... non si può vendere "sogni" (vedi Masterplan) e poi quando sei chiamato ad operare farlo in modo così banale..... lasciamo perdere le polemiche... (Riccardo.. non volgio dire che hai preso spunti da me.., ma che questa volta su molto siamo in sintonia) cerco solo di farvi capire la storia dei numeri. L'Amministrazione ha detto che esistono 25.000 mc , mentre l'indice di edificabilità a Bassano viene calcolato in superficie utile... 0.25 mq/mq.... quindi il volume edificabile viene "stimato" (il calcolo della Su è un calcolo complesso che varia anche a seconda della tipologia edificatoria). La stima è stata fatta in 25.000 mc.; nel mio intervento in Consiglio ho rilevato che se chi edifica sfrutta tutta la cubatura (..qualcuno pensa che non lo farà?) arriverà a circa 28.000 mc. L'indice portato al 0.30 porterà circa altri 5.000 mc. e in tutto faranno 33.000 mc. (circa)... quindi un aumento del 30% della cubatura attuale: A questo punto andrebbero verificati anche i mc. esistenti.... anzi devono essere verificati... o meglio andrò a verificarli. La matematica non è un'opinione... ma a volte ci arriva vicino.... si potrebbero fare tanti altri discorsi.... ma per il momento evito le polemiche.
Pubblicato da marco64 il 13 ott 2011 12:53 | Segnala abuso
Mi correggo sulla cifra di residuo utilizzabile: sono 165000 e non 16500 euro (per inciso la sola progettazione, a carico del comune, del polo museale di S. Chiara è costata 500000 euro). Nella vituperata DC, a Bassano c’era una persona, che ha fatto scuola a molti giovanotti come me, che sosteneva che per andare in guerra bisogna conoscere il nemico e le truppe e relativi armamenti di cui dispone per evitare di essere sconfitti. Fuor di metafora: a proposito della lettera inviata a 15000 famiglie nel 2000, credo possiamo stimare un costo complessivo di 10-15000 euro, tra lettere, buste e spedizione. La lettera in questione è stata inviata a tutte le famiglie, senza discriminare se una persona aveva o meno la possibilità di ampliare o fabbricare ex-novo, con quale finalità l’ho già ipotizzato nel commento precedente. Su quale capitolo di bilancio erano imputate: spese di rappresentanza?
Pubblicato da marco64 il 13 ott 2011 13:07 | Segnala abuso
rogas: grazie per la considerazione. Certo che se i commenti sono quelli soliti e alle cose concrete, con relative domande, non arrivano risposte, si fa fatica a far capire a chi non vuol capire che riducendo i margini di manovra, con le percentuali che tu hai giustamente elencato, a bilancio già approvato ci possono essere comuni che escono dal patto per colpe non loro. Io non voglio fare il difensore d'ufficio di Cimatti, cerco di far capire a chi legge il motivo per cui, come dice monegato, "bilancio preventivo 2011 approvato a marzo/aprile 2011: non fu prevista la vendita ne l'inserimento nel piano triennale delle alienazioni. 5 luglio ( 2-3 mesi dopo!) : si scopre un buco di 9 milioni e mezzo (però.....). che si fa dopo questa mancanza completa di programmazione ?" Se non coglie i motivi nemmeno dopo aver letto la relazione della corte dei conti mi spiace per lui. Spero che gli altri lettori si rendano conto della difficoltà in cui si trovano TUTTE le amministrazioni pubbliche, non solo quella di Bassano, e comprendano che gli atteggiamenti di critica a prescindere e di disfattismo non portano da nessuna parte. In Italia stiamo affondando tutti, non c'è qualcuno che si salva perchè dice che Cimatti è incompetente e lui era più bravo. SERVONO SOLUZIONI, NON CRITICHE.
Pubblicato da buscoi il 13 ott 2011 14:26 | Segnala abuso
@monegato, ko te vedo te baxo in boka! Era ora che ti esprimessi con delle ALTERNATIVE!! Finalmente una risposta concreta da parte tua! Te resti el me Capezzone preferito :-)
Pubblicato da buscoi il 13 ott 2011 14:28 | Segnala abuso
Dimenticavo: secondo me l'asta andrà deserta. Troppo cara l'area e troppo a ridosso della Cytec...
Pubblicato da gianfranco il 13 ott 2011 17:00 | Segnala abuso
@ ZenMauro Non è poi così complessa la trasformazione dell'indice di potenzialità edificatoria espresso per superficie ( mq./mq.) in un altrettanto volumetrico ( mc./mq.) Una cosa è certa. L'indice è il parametro applicato sul fondo di pertinenza a cui riferisce ( superficie fondiaria o territoriale ), al lordo delle preesistenze. Il che vuol dire che dal calcolo è obbligatorio DETRARRE il quantum esistente !!!
Pubblicato da zenmauro il 13 ott 2011 17:03 | Segnala abuso
@buscoi.. asta deserta? Era previsto l'indice di 0.25 e un valore dichiarato in Commissione di € 4.500.000, poi... probabilmente in altra sede.. hanno deciso di aumentare la cubatura.. e diminuito leggermente il prezzo..... perchè? Pagamento di € 2.500.000 entro il 20 dicembre (per salvare il patto di stabilità)... praticamente devi avere i soldi in tasca già pronti..... poi per il restante hai tempo tutto il 2012..... sembra.. ripeto .. dico sembra la storia di una trattativa privata..... poi se arriva qualcuno che offre di più..... ma se non arrivano i 2.500.0000?... forse..... c'è già un nome che circola in giro? mi sembra il minimo.
Pubblicato da buscoi il 13 ott 2011 17:19 | Segnala abuso
@zenmauro, ....non so....ma con tutti questi appartamenti invenduti a Bassano e cantieri in corso di costruzione dove non si è venduto nemmeno un mq ho qualche difficoltà a pensare che ci possa essere un imprenditore/immobiliarista in grado di investire somme così importanti...
Pubblicato da gianfranco il 13 ott 2011 17:20 | Segnala abuso
L'asta potrebbe andar deserta solamente in una situazione di "cospicuo": sovrapprezzo, cosa che non mi appare. Qui ci sono sufficienti margini per lavorare, ed immagino che l'asta avrà più di una offerta. Stiamo a vedere come andrà a finire .....
Pubblicato da marco64 il 07 nov 2011 12:38 | Segnala abuso
Se vogliamo discutere seriamente della caserma sarebbe meglio che tutti ne conoscessimo la storia. La caserma, come scritto nel bando del comune, è stata realizzata agli inizi degli anni ‘50. Chiunque sia intellettualmente onesto non può negare che attorno alla caserma al tempo c’erano solo campi. Non esisteva il quartiere come lo conosciamo adesso. La caserma era completamente avulsa dal quartiere, anche perché, basta cercare in rete, è stata anche un deposito missilistico dell’aeronautica e questo, per motivi di sicurezza, non poteva che portare a quanto sopra descritto. Non è mai stata patrimonio della città fino a quando il comune, aggiungendo oltre 2 milioni di euro, non l’ha acquisita permutandola con la caserma della guardia di finanza. Ma la caserma della gdf in realtà non è nata come caserma, ma era una villa lasciata, assieme alla biblioteca personale donata al museo ed ai fondi che ogni anno permettono l’assegnazione di premi a studenti bassanesi in occasione della festa del santo patrono, dal prof. Chini alla città alla sua morte. Quindi la gdf in cerca di sede è stata alloggiata in una casa privata poi permutata con una caserma, bene demaniale, che nulla aveva a che fare col quartiere. Non stiamo parlando di una palestra pubblica in stato di abbandono, un tempo usata dal quartiere e non più utilizzabile. Per quale motivo il quartiere di san Vito, che ben conosco avendo abitato a 100 metri di distanza dalla villa del prof. Chini, reclama qualcosa in cambio della vendita della caserma Fincato? Un conto è la mancanza di servizi, reclamata giustamente dal quartiere, un altro è pretendere che un bene entrato nella disponibilità del comune di Bassano, non del quartiere, porti benefici solo a loro, tenuto conto, mi ripeto, che la caserma non ha provocata nessun danno al quartiere. Ci sono quartieri della città che hanno l’ufficio postale più vicino, penso Mauro Zen ne sappia qualcosa, a 4-5 km di distanza e parlo di Campese, s. Eusebio, s. Michele, Valrovina, per non parlare di un altro servizio essenziale come la farmacia. Quindi quanto scritto da Rogas non è proprio fuori dal mondo, non siamo più ai tempi dei dazi tra paese e paese. Forse un po’ meno di egoismo farebbe bene.
Pubblicato da ilbreso il 07 nov 2011 14:03 | Segnala abuso
A Campese c'è sia l'ufficio postale che un presidio farmaceutico (non proprio una farmacia, ma quasi). Li usavo spesso quando abitavo a S. Eusebio. Per quanto riguarda il tema della vendita, mi auguro che si riesca a vendere, e non svendere.
Pubblicato da occhirossi11 il 10 nov 2011 16:41 | Segnala abuso
...oggi alle 15:30 i termini dell'asta... Direttore, tienici informati!

Più visti