Canova
Canova

Laura VicenziLaura Vicenzi
Giornalista
Bassanonet.it

Attualità

Scenari di un Veneto in noir

Matteo Righetto alla Bassanese descrive una “savana padana”, romanzata ma non troppo, in cui vige la legge del politically scorret

Pubblicato il 19-03-2010
Visto 3.366 volte

Canova

Presentazione di un Veneto in noir ieri sera alla Bassanese al terzo appuntamento degli "Incontri senza mistero". L’autore padovano Matteo Righetto, introdotto dallo staff di MilanoNera ed intervistato da Marco Busatta che come lui fa parte del Movimento Sugarpulp www.sugarpulp.it, ha tinteggiato a tinte scure attraverso l’iperbole noir creata nel suo libro “Savana padana” Zona editore, un territorio locale che è cambiato rapidamente negli ultimi anni, e in peggio. Un padovaland che somiglia molto alla Louisiana, romanzato ma rintracciabile nell’immaginario collettivo. Infestata da criminali locali, zingari, mafia cinese, la “savana padana” è piombata in un vortice che risucchia verso il basso, dove gli “animali” che la popolano lottano non per fame, ma per “schei” e dove, come in natura, vince il più forte. E’ il politically scorret che predomina nel libro, un “polenta western” in cui Righetto ha fatto un uso intenzionale e largo del dialetto, affiancandolo alla lingua romanì dei Rom e a dovuti rimandi alla Cina. Nello scorrere delle scene rocambolesche che ritmano la storia emerge quindi tra gli altri anche un personaggio aggiunto fondamentale, che è il territorio. Ma Righetto ricorda che c’è anche “Nane” nel libro, un vecchietto simpatico e poco consapevole degli eventi che gli vorticano intorno che continua ad uscire ad andare al suo bar, memoria sbiadita dell’osteria che ora è regno del crimine e della mafia, e che lo fa perpetuando con la sua presenza un passato che sta scomparendo e di cui si teme non rimarrà traccia sull’asfalto della savana padana. Righetto ha rappresentato con ironia e sguardo sagace una visione di un Veneto del futuro certo poco rassicurante. Alle domande del pubblico che hanno chiesto se la narrazione, il mettere di fronte i lettori a certi scenari futuribili può in qualche modo contribuire a sfatarli Righetto ha risposto di sì, di essere ottimista e di credere in questo ruolo attivo della scrittura. - C’è bisogno di tornare all’epica, alla narrazione oggigiorno, non se ne può più di autori che non fanno che scrivere di se stessi o che si perdono nei meandri nella lirica, i lettori oggi hanno bisogno di sentirsi raccontare delle storie - ha affermato. E’ un insegnante Righetto e al termine dell’incontro si è soffermato sul ruolo importante dell’istruzione: la scure dei tagli che è calata sulla scuola non è una minaccia in noir, è ormai una realtà. Ha fiducia nei giovani e nella loro voglia di leggere, di imparare. Sugarpulp ha avvicinato molti ragazzi alla lettura, è stato invitato recentemente all’EXPO di Padova come un progetto che promuove i libri e riesce a catturare l’interesse dei giovani. Chissà che non riaffiori il sereno tra lo smog della savana padana.

Marco Busatta e Matteo Righetto

Più visti

1

Attualità

24-11-2022

Born To Be Wild

Visto 6.404 volte

2

Attualità

23-11-2022

Pantani in pista

Visto 6.388 volte

3

Musica

24-11-2022

Flaviada con Paolo Conte

Visto 3.370 volte

4

Lavoro

26-11-2022

È sparito il potere d’acquisto

Visto 3.061 volte

5

Politica

28-11-2022

Grande Fratello Vip

Visto 1.510 volte

1

Attualità

21-11-2022

Oh che bel Macello

Visto 12.171 volte

2

Attualità

15-11-2022

L’Osservatore Romano (d’Ezzelino)

Visto 8.396 volte

3

Politica

11-11-2022

Ho visto cose

Visto 8.129 volte

4

Politica

09-11-2022

Una Giada in Museo

Visto 7.568 volte

5

Attualità

12-11-2022

Abbey Road

Visto 7.535 volte

6

Politica

19-11-2022

Park Condicio

Visto 7.432 volte

7

Cronaca

14-11-2022

La febbre del sabato sera

Visto 7.364 volte

8

Attualità

20-11-2022

Veni, Vidi, Deficit

Visto 7.291 volte

9

Attualità

21-11-2022

Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Visto 7.241 volte

10

Attualità

10-11-2022

Sei personaggi in cerca di attori

Visto 6.911 volte