Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 22-01-2019 19:30
in Attualità | Visto 1.485 volte
 

Oh issa!

Bye Bye Modena, seconda puntata: iniziata oggi la prima fase di sollevamento dal basso del Ponte di Bassano

Oh issa!

Il 'castello' della Inco per il sollevamento del Ponte

Sono iniziate oggi le operazioni di sollevamento del Ponte, preparatorie al restauro vero e proprio delle stilate 1 e 2. Ne dà notizia, tramite comunicato stampa, l'Amministrazione comunale. Si tratta di una modifica operativo-progettuale - proposta dalla Inco e questa volta accolta dal Comune - che manda definitivamente in pensione uno dei punti rilevanti del progetto esecutivo strutturale del prof. ing. Claudio Modena: la famosa “travatura provvisoria di sostegno” (alias “ponte Bailey”) che avrebbe dovuto invece sostenere dall'alto, al livello dell'impalcato, le strutture delle stilate in fase di ripristino.
Un intervento che, come scritto a pag. 102 del progetto Modena, “è stato sviluppato ponendo quale linea-guida quella di evitare la realizzazione di opere provvisionali in alveo, come ad esempio puntelli verticali direttamente infissi nel greto del fiume”.
A onor di cronaca va ricordato che anche il precedente appaltatore, dopo aver rilevato che “il ponte Bailey non si poteva porre in opera per insufficiente resistenza sia della spalla in sinistra idraulica, sia della pila n. 2”, aveva proposto e parzialmente già predisposto sulle prime due stilate il sollevamento del Ponte con puntellazione dal basso, con una soluzione tecnica che tuttavia evitava l'inserimento diretto di elementi in alveo, in quanto escluso dalle prescrizioni progettuali. Ma questa cosa, oramai, appartiene al passato. Pubblichiamo quindi di seguito il comunicato dell'Amministrazione comunale:

COMUNICATO STAMPA

Ponte degli Alpini

Iniziata oggi la prima fase di sollevamento


Sono iniziate oggi le operazioni di sollevamento del Ponte degli Alpini che, come autorizzato dall'Amministrazione comunale, avverranno dall'alveo del fiume Brenta.
È stata infatti accolta, dopo un attento esame, una parte della proposta che riguarda le opere complementari avanzata dalla Inco di Pergine Valsugana.

L'impresa, impegnata da due mesi nell'organizzazione per i lavori di restauro del Ponte degli Alpini, ad essa affidati a seguito dell'estromissione in danno del precedente appaltatore, ha preso atto delle mutate condizioni del Ponte in questi ultimi due anni e dei lavori di messa in sicurezza nel frattempo realizzati, per sostenere il manufatto e proteggerlo dalle piene.

L'installazione del sistema di sostegno iniziata oggi sarà completa, salvo imprevisti, entro due settimane. Una volta concluso il montaggio del “castello” di sollevamento, inizierà il recupero della deformazione del piano di impalcato, fino al massimo possibile, utilizzando martinetti idraulici.

Attualmente le deformazioni sulla stilata 1 sono misurate in 28 cm e sulla stilata 2 in 48 cm.

Non ci saranno costi aggiuntivi, rispetto a quelli di progetto, per l'utilizzo di questo sistema, che una volta installato permetterà di intervenire in sicurezza contemporaneamente sulle stilate 1 e 2, sfruttando così al massimo questa finestra invernale e garantendo al massimo possibile il Ponte aperto al passaggio pedonale.

Il cronoprogramma presentato dalla Inco e accolto dall'Amministrazione comunale prevede che entro la finestra invernale sia completato il restauro delle prime due stilate.