B.

Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Attualità

Faraoni “off-limits” per i turisti

Il “ciclone” Egitto si abbatte sulle agenzie di viaggio del Bassanese. Congelate le crociere sul Nilo e sconsigliato anche il Mar Rosso. In sospeso le partenze per febbraio

Pubblicato il 31-01-2011
Visto 2.738 volte

B.

Prenotazioni cancellate, cambi di destinazione, ripensamenti in aeroporto.
Chi ha fatto le valigie per una vacanza in Egitto - e sono in tanti, anche nel Bassanese - è stato costretto a un veloce e obbligatorio cambio di programma.
Anche se - come riportiamo nell'articolo a fianco, con l'intervista al vicepresidente delle agenzie di viaggio del mandamento bassanese Fiorenzo Monegato - i venti di sommossa che stanno sconvolgendo il Paese dei Faraoni non hanno ancora raggiunto le bianche spiagge del Mar Rosso. E anche se alcuni turisti di casa nostra, nonostante gli avvertimenti del Ministero degli Esteri, ieri siano comunque partiti alla volta del mare egiziano.

Proteste al Cairo. Nel caos, in Egitto, anche il turismo

Ma nella maggioranza dei casi il biglietto aereo non viene utilizzato. Con un surplus di lavoro e di attenzione per le agenzie di viaggio del nostro territorio.
“Avevamo delle persone che dovevano partire ieri per Sharm, ma sono tornate a casa, anche se il volo era disponibile, dopo l'intervento della Farnesina che ha sconsigliato i viaggi in Egitto, comprese le località del Mar Rosso - ci dice Susanna Bonaldi, titolare dell'agenzia di viaggi Montegrappa di Bassano -. Abbiamo in sospeso altre partenze, previste per la metà di febbraio, perché prevedono le crociere sul Nilo che al momento sono sospese. La sospensione è dovuta non tanto alla navigazione, ma al fatto che tutte le crociere prevedono almeno due o tre notti al Cairo per la visita delle attrazioni turistiche della capitale”.
“Siamo in attesa - prosegue Susanna Bonaldi -. Per fortuna gli incidenti sono scoppiati in una settimana in cui nessuno dei nostri clienti si trovava in Egitto, e gli ultimi sono rientrati in Italia la domenica precedente all'inizio delle sommosse. Chi è in partenza per febbraio, resta in stand-by oppure deve trovare un luogo alternativo. Spero che l'Egitto risolva presto i suoi problemi, perché i nostri turisti possono scegliere altre destinazioni, come ad esempio le Canarie, mentre il turismo per gli egiziani rappresenta una risorsa economica vitale.”
“Chi è nel Mar Rosso è tranquillo, la zona non è al momento toccata dagli incidenti e gli operatori hanno confermato tutti i voli - dichiara a Bassanonet Paolo Trevisan, contitolare dell'agenzia Listrop Viaggi di Rosà -. Per il Mar Rosso la vera stagione comincia comunque da febbraio”. Ma l'intervento del Ministero degli Esteri, che non esclude dalle zone a rischio le località balneari egiziane, impone comunque prudenza.
“Per le crociere sul Nilo, invece - continua Trevisan - la situazione è ancora incerta e non si sa fino a quando resteranno sospese. Noi abbiamo un gruppo bassanese in partenza, il viaggio era programmato a partire dal 21 febbraio, vediamo come si evolve la situazione”.
“Non abbiamo in questi giorni, fortunatamente, persone in loco - afferma Martina Zonta, titolare dell'agenzia Blaster Viaggi di San Giuseppe di Cassola -. Abbiamo però una quarantina di persone in partenza per l'Egitto sabato prossimo, e per loro abbiamo già attivato il turn-over per la cosiddetta “riprotezione”, che è la soluzione alternativa che viene proposta al cliente o per il cambio di destinazione, o per il congelamento dell'importo del viaggio da riutilizzare entro l'anno o per l'annullamento del viaggio con il totale rimborso delle spese.”
“Le persone in partenza - continua Martina Zonta - avevano prenotato le crociere sul Nilo, che sono interrotte per i problemi del Cairo e la vacanza sul mare a Sharm, che è ancora tranquillo. Ma dopo lo sconsiglio della Farnesina sui viaggi in Egitto, evitiamo totalmente anche questa destinazione. Anche se la penisola del Sinai risulta ancora “sicura” e benché, tra le località sul Mar Rosso, gli incidenti hanno toccato solo Hurghada, vogliamo evitare qualsiasi problematica in loco. Abbiamo anche dei tour giordani che prevedono un'escursione a Taba, sempre sul Mar Rosso, per la quale abbiamo già attivato le pratiche di riprotezione.”

Più visti

1

Politica

15-05-2022

Essere o non essere

Visto 10.706 volte

2

Politica

15-05-2022

“Doc” Paolo

Visto 10.693 volte

3

Politica

15-05-2022

Sogno di una notte di Mezzalira

Visto 10.406 volte

4

Politica

15-05-2022

La profezia di Moro

Visto 10.203 volte

5

Politica

15-05-2022

Ancora Tu

Visto 9.599 volte

6

Attualità

16-05-2022

Da Platoon al Cartoon

Visto 8.639 volte

7

Attualità

17-05-2022

Tour de l’Avenir

Visto 8.308 volte

8

Politica

16-05-2022

Il nome della Rosa

Visto 7.992 volte

9

Politica

17-05-2022

La guerra dei Roses

Visto 7.674 volte

10

Attualità

18-05-2022

La Corazzata Manfrotto

Visto 6.982 volte

1

Politica

13-05-2022

Area qua

Visto 12.600 volte

2

Attualità

10-05-2022

Maria che Biosfera

Visto 11.808 volte

3

Cronaca

11-05-2022

Il fumo fa male

Visto 11.648 volte

4

Attualità

11-05-2022

Salute!

Visto 11.431 volte

5

Politica

15-05-2022

Essere o non essere

Visto 10.706 volte

6

Politica

15-05-2022

“Doc” Paolo

Visto 10.693 volte

7

Attualità

11-05-2022

Tanta Rob

Visto 10.636 volte

8

Attualità

12-05-2022

Caesars Palace

Visto 10.558 volte

9

Attualità

09-05-2022

La Cosa

Visto 10.495 volte

10

Attualità

12-05-2022

Cosa dolce Cosa

Visto 10.441 volte