Aiutiamo i nostri ospedali

CC intestato a Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita.
IBAN IT 37 S 08807 60791 00700 0024416 - Causale "Aiutiamo i nostri ospedali"

Campagna di raccolta fondi per l'emergenza Coronavirus a favore dell'Ulss7 Pedementana in collaborazione con
Comune di Bassano del Grappa, Comune di Santorso, Comune di Asiago, Fondazione di comunità vicentina per la qualità della vita, Bassanonet.it

Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 21-02-2009 04:12
in Attualità | Visto 1.586 volte

“Straniero nella tua nazione”

"Incontro senza confine” con Igiaba Scego, scrittrice italiana di origine somala. Occhi puntati sulla seconda generazione dei figli di immigrati, nati e cresciuti in Italia

“Straniero nella tua nazione”

Igiaba Scego

E' un'esponente di punta della “2G”: la “second generation” degli immigrati in Italia, composta da figli di genitori di origine straniera nati e cresciuti nel nostro paese.
Igiaba Scego, 35 anni, nata a Roma da genitori fuggiti dalla dittatura di Siad Barre in Somalia, ha trasferito i problemi e le contraddizioni ma anche i sogni e le speranze dei “nuovi italiani” nei suoi libri, negli articoli giornalistici e nell'attività di ricerca per dare voce e visibilità a una realtà generazionale in costante crescita, ma che in Italia sembra ancora invisibile.
“E' una condizione molto strana e assurda - afferma la scrittrice - che ti porta ancora oggi a sentirti uno straniero nella tua nazione”.
E' stato uno dei temi conduttori del terzo “Incontro senza confine 2009” alla Libreria “La Bassanese”, dove Igiaba - invitata dall'Associazione interculturale “Il Quarto Ponte” in collaborazione col libraio Marco Bernardi - ha discusso a ruota libera sulle questioni dei “conflitti e delle ricerche di identità” così presenti nei suoi romanzi e racconti scritti con linguaggio giovane, moderno e diretto.
Ma si è parlato anche di storia e di colonialismo, di ferite della memoria che l'Italia ha rimosso e che oggi molti giovani hanno il desiderio di riscoprire.
“Rispetto ai loro padri, arrivati in Italia 20-30 anni fa, le nuove generazioni hanno voglia di ricerca storica - ha spiegato l'autrice - e il loro doppio sguardo, figlio di due culture, è molto interessante.”
Eppure queste “nuove intelligenze” non sono ancora viste e valorizzate come una risorsa per il Paese.
“In Italia non c'è meritocrazia - ha incalzato la Scego -, io mi sono laureata in Letterature Straniere alla Sapienza e ho poi svolto un dottorato di ricerca in Pedagogia che non è servito a niente perché il merito purtroppo lascia spazio ad altre strade e scorciatoie per emergere. In Italia oggi la crisi non è solo economica, ma è soprattutto una crisi culturale.”
Critica aperta anche nei confronti dei media, che in tema di stranieri tendono a generalizzare senza dire le cose come stanno: “Attualmente mi occupo dei rifugiati dalla guerra civile in Somalia . L'Italia concede a loro quattro anni di permesso di soggiorno ma nessuno lo dice.”

    Più visti