Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 31-03-2017 20:24
in Attualità | Visto 1.755 volte

La strana coppia

Restauro Ponte degli Alpini: Comune di Bassano e società Belfiore '90, controparti nella lite giudiziaria sulla centralina idroelettrica, siglano un accordo per la “convivenza” dei due cantieri sull'isolotto Pusterla

La strana coppia

Un rendering del progetto della centralina idroelettrica privata in via Pusterla

La strana coppia: Comune di Bassano del Grappa e società Belfiore '90, di Bortoli Antonio & C. S.n.c., di Nove. Pubblico da una parte, privato dall'altra. Ai ferri corti, sotto il profilo legale, per la contrastata questione della centralina idroelettrica che su iniziativa e progetto della Belfiore dovrebbe sorgere in via Pusterla, sul canale di derivazione Arcon, a un passo dal Ponte degli Alpini.
Sulla vicenda pende attualmente un ricorso al TAR dell'Amministrazione comunale per l'annullamento del decreto di autorizzazione alla costruzione della centralina del 27 ottobre 2016 da parte della Regione Veneto.
Ma, contemporaneamente, incombe il cantiere per il ripristino e consolidamento statico del Ponte Vecchio per il quale - come già dichiarato dall'Amministrazione al momento della presentazione del ricorso - vi è la necessità “di garantire la pubblica utilità della realizzazione dei lavori che necessitano di utilizzare aree interessate dal progetto della centralina”. E così le due controparti nella lite giudiziaria, che rimangono tali, hanno dovuto raggiungere un compromesso per la forzata coabitazione nell'area in questione.
C'è voluta la mediazione del prefetto, ma alla fine la “convivenza” dei due cantieri (così come da comunicato stampa del Comune di Bassano) è stata sancita.
Lo spazio conteso, e oggetto dell'accordo sottoscritto oggi, è la porzione ora di proprietà della Belfiore dell'isolotto di via Pusterla.
“Il testo - conferma infatti il comunicato - è stato concordato nel corso di un incontro promosso dal Prefetto di Vicenza e riguarda non il contenzioso in corso tra le parti circa la realizzazione della centralina, ma la convivenza dei cantieri utile all’intervento in corso sul manufatto ligneo, per il quale è necessario l’uso dell’isolotto e del canale come passaggio per l’intervento da nord.”
“L’Amministrazione comunale è contraria alla realizzazione della centralina, su questo si è espresso più volte il consiglio comunale e non cambiamo idea - precisa il sindaco Riccardo Poletto - e siamo in attesa del pronunciamento sul nostro ricorso. Siamo però giunti ad un accordo per permetterci, stante la situazione attuale, di evitare possibili problemi o complicazioni all’impresa che sta lavorando al restauro del Ponte.”
Sostanzialmente i punti chiave dell’accordo sono due.
Il primo è che l’utilizzo dell’area privata sarà gratuito per due anni, prorogabili nel caso ci dovessero essere ulteriori necessità per l'intervento sul Ponte.
Inoltre, successivamente al 15 maggio 2018, se la centralina dovesse essere realizzata e in funzione, e se dovesse essere ancora necessario scendere nell’alveo del Brenta dall’isolotto Pusterla, il Comune garantirà l’apertura del canale e potrà proseguire con il cantiere garantendo il funzionamento della centralina.
L'atmosfera sulla questione centralina resta elettrica. Ma ora, per le esigenze del Ponte di Bassano, è stato messo del nastro isolante.

Bassanonet TV

Libertà è Parola

Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

Più visti