Alessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it
Pubblicato il 07-04-2012 01:24
in Politica | Visto 2.465 volte

Rosà: l'ex Guardia Medica diventa un “caso” elettorale

L'abbattimento del vecchio edificio per dare spazio a un parcheggio divide i commenti. Il sindaco Lanzarin: "Una scelta precisa a servizio della comunità". Il candidato sindaco di Ros@' 2012 Alfio Piotto: "Profondo dispiacere e perplessità"

Rosà: l'ex Guardia Medica diventa un “caso” elettorale

L'edificio demolito dell'ex Guardia Medica in via dei Tigli a Rosà. Al suo posto sorgerà un parcheggio

La notizia è una sola, ma i punti di vista sono due.
Ci riferiamo all'intervento di demolizione dell'ex sede del Distretto Sanitario e della Guardia Medica nella centralissima via dei Tigli a Rosà, deciso dall'Amministrazione Lanzarin e di cui abbiamo già riferito nelle nostre “notizie in breve”. Le ruspe sono entrate in azione giovedì 5 aprile, come informa un comunicato stampa del Comune, per abbattere il fatiscente edificio e liberare l'area in vista della realizzazione di un nuovo parcheggio.
“Una precisa risposta - afferma l'Amministrazione uscente rosatese - a servizio di quanti si recano in Duomo per le funzioni religiose, nei vicini esercizi commerciali o partecipano alle varie attività che si tengono nella principale piazza di Rosà. Un’area strategica baricentrica alle attività in paese, che metterà presto a disposizione una superficie di 660 metri quadrati, con 26 nuovi posti auto.”
“La realizzazione del nuovo parcheggio - dichiara al riguardo il sindaco Manuela Lanzarin - è stata una scelta precisa a servizio della comunità. Più facile sarebbe stato vendere l’area a privati, con l’obiettivo di far cassa in particolare in questi periodi di difficoltà economiche, ma la decisione è stata ponderata all’interno di un piano più ampio che comprende l’intera viabilità cittadina e la sua messa in sicurezza.”
Non è dello stesso avviso, invece, il candidato sindaco e rappresentante della lista civica Ros@' 2012 Alfio Piotto, che in una nota trasmessa in redazione esprime “profondo dispiacere e alcune perplessità riguardanti l'abbattimento dello storico edificio situato in viale dei Tigli”.
“Dispiace molto - commenta Piotto - perché quell’edificio rappresentava un patrimonio storico di Rosà di grande valore, sia affettivo ma anche e soprattutto economico, stimato attorno ai 400.000 euro circa gettati all’aria. Senza dimenticare che, oltre all’immobile, è stato abbattuto un tiglio secolare in ottima salute.”
“E pensare - continua Piotto - che una soluzione efficace l’avevano proposta gli stessi abitanti del viale dei Tigli. Un progetto pratico e chiaro: una permuta con il capannone in disuso e l’abitazione di proprietà della famiglia Alessi, adiacenti proprio a Piazza Pontida, l’area interessata. Si tratta di due edifici che potevano essere abbattuti, vista anche la posizione contigua alla piazza, migliorandone l’estetica e aumentando la superficie riservata alle auto. Se c’era la necessità di creare nuovi spazi destinati al parcheggio pubblico si poteva ascoltare l’opinione dei residenti, certamente i più coinvolti e consapevoli della situazione.”
Secondo il candidato sindaco di Ros@' 2012, l'episodio conferma quanto “l'ascolto e la partecipazione siano due tasselli fondamentali per una buona e lungimirante gestione del patrimonio pubblico. Le soluzioni migliori arrivano spesso dal confronto con i cittadini”.

Bassanonet TV

Libertà è Parola

Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

Più visti