Alessandro TichAlessandro Tich
Direttore responsabile
Bassanonet.it

Il "Tich" nervoso

“Vicenza del Grappa”, o della lesa maestà

Due città che non si amano e perlopiù si sopportano. Considerazioni a margine della clamorosa svista del quotidiano inglese “The Independent”, che dedica un articolo a Vicenza pubblicando una foto di Bassano

Pubblicato il 16-07-2013
Visto 3.182 volte

Ci sono notizie che, involontariamente, si illuminano d'immenso. Anche se si tratta di bufale ad altissimo livello. Già: perché capita anche alle grandi testate giornalistiche mondiali di prendere ogni tanto un clamoroso abbaglio.
E' quello che è accaduto all'edizione del weekend e alla relativa edizione online di “The Independent”, autorevole quotidiano britannico, che questa settimana, nella sua rubrica dedicata ai viaggi, parla di Vicenza: con un ispirato articolo - pubblicato sabato scorso 13 luglio - che descrive le cose da vedere, i tesori architettonici e le curiosità turistiche della città del Palladio.
Fin qui nulla da eccepire, se non fosse che la foto pubblicata in bella vista a corredo dell'articolo non mostra la “Rotonda” o la Basilica Palladiana, ma il panorama di Bassano del Grappa con il Ponte degli Alpini. Con tanto di fuorviante didascalia, stampata nell'edizione cartacea del giornale: “The historic city of Vicenza sits beside the river Brenta” (“La città storica di Vicenza è situata accanto al fiume Brenta”).

La pagina online del giornale inglese "The Independent", con l'articolo su Vicenza e la foto di Bassano

Un incidente di percorso, ovviamente. O, come volgarmente si dice, un errore di sbaglio. E non a caso, un utente del portale britannico ha già postato il seguente commento: “Sono stato a Vicenza - città meravigliosa. Sono stato anche a Bassano del Grappa, e vi devo informare che la foto del ponte sopra questo articolo è quella del Ponte degli Alpini di Bassano - benché in effetti Palladio ha progettato la versione originale di questa struttura nel 1569!”.
Ma non è questo, in realtà, l'oggetto del mio interesse. Gli errori geografici, nelle corrispondenze giornalistiche di viaggi e turismo, sono sempre in agguato.
Quello che piuttosto mi piace immaginare sono le reazioni degli amici vicentini alla notizia dell'erroneo accostamento - che presenta il paesaggio sul Brenta come uno dei must per i visitatori del capoluogo berico -, segnalato da un articolo intitolato “E l'Independent conia Vicenza...del Grappa” e pubblicato sulle pagine di cronaca del “Giornale di Vicenza” di oggi.
E' inutile che ci nascondiamo dietro a un dito: per lo status quo della città capoluogo, la seppur non giustificata presenza di Bassano in un articolo che parla delle bellezze di Vicenza, rivolgendosi oltretutto ad un pubblico internazionale, rappresenta un attentato di lesa maestà.
Un'invasione di campo che accende per sbaglio i riflettori su una città mal tollerata che non ha mai nascosto le proprie mire autonomistiche, coltivando a più riprese - e finendo per questo a più riprese bastonata - l'aspirazione a staccarsi da Vicenza per generare una nuova Provincia ricucita su sé stessa.
Vicenza e Bassano, notoriamente, non si amano: perlopiù si sopportano.
E il bello è che il sentimento è reciproco, anche se affermarlo è politicamente scorretto. E non è questione di campanilismo fine a sé stesso o di atteggiamento provinciale, nel senso negativo del termine: ma si tratta, per usare un'espressione in voga di questi tempi, di pura e semplice incompatibilità ambientale. Per ragioni storiche, territoriali, socio-economiche, di mentalità: due mondi paralleli, che in quanto tali - secondo le leggi della geometria - tendono a non incontrarsi mai. Due corpi estranei che per motivi amministrativi si trovano nel territorio della stessa Provincia: di cui una svolge il ruolo di città principale, e l'altra di importante colonia ai confini dell'Impero.
E in questa vicendevole diffidenza, lontananza storica e convivenza forzata in ambito provinciale tra le due città, che nulla hanno da spartire se non il Tribunale (a vantaggio di Vicenza) per decreto governativo, la svista del portale britannico - che si inventa appunto dal nulla l'originale ibrido “Vicenza del Grappa” - rappresenta a suo modo un piccolo capolavoro.
Non se ne abbiano a male i cugini vicentini: questa volta, sulla lesa maestà della città del Palladio, noi bassanesi non c'entriamo nulla. Ma concedeteci, di fronte al piccolo pasticcio Made in England, almeno un ironico sorrisino.
E chissà se con l'abolizione delle Province, se mai il governo riuscirà a portarla a termine, Bassano del Grappa riuscirà finalmente a dichiararsi, rispetto all'attuale città capoluogo, quello che ha sempre voluto essere: “The Independent”.

Più visti

1

Politica

24-05-2022

Hubba Bubba

Visto 9.226 volte

2

Politica

22-05-2022

In Cuor proprio

Visto 6.984 volte

3

Attualità

22-05-2022

Lourdes 7

Visto 6.943 volte

4

Cronaca

24-05-2022

Dei delitti e delle pene

Visto 6.754 volte

5

Attualità

25-05-2022

Cchiú Pilo pe' tutti

Visto 6.635 volte

6

Attualità

22-05-2022

Il gol del Rivellino

Visto 6.406 volte

7

Attualità

24-05-2022

Affare fatto

Visto 6.261 volte

8

Attualità

26-05-2022

L’Innominato

Visto 6.173 volte

9

Attualità

24-05-2022

I Have a Dream

Visto 5.836 volte

10

Attualità

26-05-2022

Crisi e Bisi

Visto 4.486 volte

1

Politica

13-05-2022

Area qua

Visto 12.662 volte

2

Attualità

10-05-2022

Maria che Biosfera

Visto 11.837 volte

3

Cronaca

11-05-2022

Il fumo fa male

Visto 11.673 volte

4

Attualità

11-05-2022

Salute!

Visto 11.480 volte

5

Politica

15-05-2022

“Doc” Paolo

Visto 10.778 volte

6

Politica

15-05-2022

Essere o non essere

Visto 10.744 volte

7

Attualità

11-05-2022

Tanta Rob

Visto 10.668 volte

8

Attualità

12-05-2022

Caesars Palace

Visto 10.598 volte

9

Attualità

09-05-2022

La Cosa

Visto 10.521 volte

10

Attualità

12-05-2022

Cosa dolce Cosa

Visto 10.485 volte